Home / Aneddoti sull'arte / I tormenti di Michelangelo e la sua lotta con le mani artritiche. Le malattie dell’artista
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

I tormenti di Michelangelo e la sua lotta con le mani artritiche. Le malattie dell’artista

Le dita deformate a livello delle articolazioni, il volto schiacciato, il mancinismo, un volto fitto di rughe rivelano immediatamente il rapporto tormentato di Michelangelo con la vita. Una lunga ,operosa esistenza, contrassegnata da un’aggressività accesa nei confronti di avversari ed ostacoli. Come ostacolo fu, ma ampiamente dominato, il disturbo grave alle articolazioni minori della mano sinistra al quale è stato dedicato uno studio di Davide Lazzeri, chirurgo estetico della Casa di Cura Villa Salaria a Roma, pubblicato dal Journal of the Royal Society of Medicine, e redatto con la collaborazione di alcuni colleghi, tra i quali Marco Matucci-Cerinic, reumatologo dell’Università di Firenze e Donatella Lippi, esperta di storia della medicina dello stesso ateneo. L’analisi è stata condotta sui ritratti nei quali appare lo stesso artista, con ingrandimento delle mani. Risulta chiaro, che per angolazioni e gibbosità, la sinistra presenta una patologia dichiarata dall’evidenza, che il maestro seppe combattere fino all’ultimo, lavorando fino a pochi giorni dalla morte. Dominare attraverso l’esercizio; un concetto che rivela l’atteggiamento moderno di Michelangelo, come una delle numerose manifestazioni dello scolpire quell’uomo nuovo, che non cercava la virtù – come Raffaello – ma viveva un conflitto psichico costante. Michelangelo è assunto come punto di partenza dell’immagine dell’uomo moderno, che non si presenta in un rapporto armonico con la natura e con gli altri.

L’esame condotto da Davide Lazzeri, come si diceva, viene focalizzato sulle mani di Buon, poichè,comunqueaarroti, in alcuni ritratti dell’artista: quello realizzato da Jacopino del Conte nel 1535, quello di Daniele da Volterra datato 1544 (probabilmente una copia dell’opera di Del Conte), e il ritratto postumo fatto da Pompeo Caccini nel 1595. Opere che mostrano un Michelangelo sessantenne, con le articolazioni della mano sinistra deformate e tumefatte. Ma la deformazione fu inizialmente conseguenza dello sforzo muscolare abnorme richiesto dalla scultura? E fu poi dominato attraverso la stwssa pratica scultorea?

L’indagine pubblicata dal Journal of the Royal Society of Medicine parte dall’anamnesi del paziente. “Parecchi malattie organiche e vari disturbi psicologici e comportamentali sono stati attribuiti a Michelangelo. – scrive Davide Lazzeri – Dall’analisi della letteratura, è ormai chiaro che Michelangelo era afflitto da una malattia che coinvolge le sue articolazioni. Questa interpretazione sembra confermata dalla vasta corrispondenza con il nipote, Lionardo di Buonarroto Simoni, che rivela che l’artista ha sofferto di ‘gotta’, un termine che, nel periodo, non è ben definito, ma che che comprende tutte le problematiche artritiche. Michelangelo ha anche descritto i sintomi della sua nefro-litiasi, con ripetuti espulsione di calcoli, con le urine, e, sempre in questo campo, una drammatica ostruzione acuta”. Per “nefropatia gottosa” venne trattato, dopo 1549, su indicazione del medico Matteo Realdo Colombo con un apporto giornaliero di acqua minerale. A tutto ciò si aggiunge il sospetto che abbia sofferto di gotta e di avvelenamento da piombo, provocato forse più dall’uso di contenitori trattati con questo materiale che dall’uso di biacca. Ma per quanto riguarda le mani, il male, fu artrosi, con la quale convisse operosamente fino a sei giorni prima della morte, quando lavorava alla pietà Rondanini

mani michelangelo

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Ninfee di Monet – Storia, tecniche, segreti e valori. I quadri dei fiori d’acqua. E il video

Perchè i macchiaioli furono annientati dagli impressionisti?

182 Condivisioni
Condividi182
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp