Home / Aneddoti sull'arte / Sai perchè Babbo Natale porta i doni? Chi è? Da cosa deriva? Le testimonianze della pittura
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Sai perchè Babbo Natale porta i doni? Chi è? Da cosa deriva? Le testimonianze della pittura

jansteen-lafestadisnVi siete mai chiesti chi sia il padre di Babbo Natale? In qualche modo è Beato Angelico. E’ stato proprio il pittore fiorentino (1417-1455) il primo ad immortalare Santa Claus o, più precisamente, san Nicola, che al primo ha dato vita, nell’atto di affidare, nel corso della notte, un celeste dono. La figura di Babbo Natale infatti trae origine da un episodio della vita del Santo, la cui biografia, a partire dal VI secolo, venne arricchita da svariate leggende che ne determinarono la devozione e l’iconografia. La più celebre di esse, confermata da Dante nel Purgatorio (XX, 31-33), riguarda un atto di carità del vescovo di Myra (vissuto in Licia tra il III e il IV secolo): un nobiluomo caduto in miseria, mosso dalla disperazione, si era rassegnato a destinare le sue tre figlie alla prostituzione. Per tre notti consecutive, Nicola si ripromise di lanciare nella dimora del poveretto, attraverso una finestra sempre aperta, dei sacchi pieni di monete d’oro, in modo da garantire alle fanciulle una dote onorevole. Le prime due notti tutto andò come stabilito; la terza ed ultima notte, invece, il Santo trovò la finestra chiusa. Deciso a mantenere fede al suo proposito nonostante l’imprevisto, Nicola si arrampicò sul tetto, e gettò il sacco attraverso il camino, dove erano appese le calze ad asciugare. E’ questo l’episodio da cui ha avuto origine Babbo Natale, che la notte del 24 dicembre, secondo la leggenda, si cala dai camini delle abitazioni per portare doni ai bambini; ed è questo l’episodio descritto pittoricamente dall’Angelico.

Beato Angelico, Pala di Perugia, 1438, tempera su tavola, predella,Predella, Nascita di san Nicola, Educazione di san Nicola attraverso il vescovo e San Nicola che dona tre palle doro a tre fanciulle povere per farle maritare. 'episodio, alla nostra destra, è il nucleo di partenza della leggenda di Santa Claus, San Nicola, appunto, poi chiamato Babbo Natale

Beato Angelico, Pala di Perugia, 1438, tempera su tavola, predella, Nascita di san Nicola, Educazione di san Nicola attraverso il vescovo e San Nicola che dona tre palle doro a tre fanciulle povere per farle maritare. ‘episodio, alla nostra destra, è il nucleo di partenza della leggenda di Santa Claus, San Nicola, appunto, poi chiamato Babbo Natale

Perugia, 1437: la famiglia Guidalotti commissiona all’artista un polittico per la cappella di san Nicola presso la chiesa di San Domenico. Le tavole maggiori dell’opera raffigurano, al centro la Madonna col Bambino e quattro angeli, a sinistra San Domenico e san Nicola di Bari, e a destra San Giovanni Battista e santa Caterina d’Alessandria. Nella predella, invece, sono effigiate le Storie di san Nicola: è proprio qui, nel primo scomparto, che Babbo Natale viene rappresentato per la prima volta.   Le storie si succedono nei tre pannelli senza soluzione di continuità, in una simultaneità spazio-temporale esaltata dall’unità della concezione prospettica: la prima tavola vede, sulla sinistra, il miracolo del Santo che, appena venuto al mondo, si rizza in piedi sulla tinozza dove è immerso per il bagno; al centro della composizione un nuovo nucleo narrativo, con Nicola che ascolta tra la folla la predica appassionata di un vescovo. E’ nell’ultima sequenza che Santa Claus prende vita: il santo giovinetto getta un sacco colmo d’oro nell’abitazione dell’uomo che, ridotto in miseria, medita di avviare le sue tre figlie alla prostituzione. Un vecchierello pingue, dal viso bonario e rubicondo, incorniciato da una barba candida come la neve: è questo l’aspetto di Santa Claus nell’immaginario collettivo. L’Angelico invece rappresenta un ragazzo alto e snello, con capelli dorati ed un fisico atletico; un Babbo Natale colto nel fiore della giovinezza, insomma. E come evolve la rappresentazione della notte di Santa Claus – la sua festa si celebra nell’imminenza del Natale, il 6 dicembre, giorno della morte del santo, ma viene estesa fino al 24 dello stesso mese – nella pittura colta?

Jan Havicksz Steen, The Feast of St Nicholas, 1665-68, olio su tela, 82 × 70.5 cm., Rijksmuseum

La festa di san Nicola, opera realizzata nel 1668 da Jan Steen ed oggi conservata a Rotterdam, attesta l’evoluzione e la diffusione della leggenda delle tre fanciulle. Il dono da parte del generoso santo non è riservato alle tre pulzelle, ma a tutti i bambini. L’artista olandese rappresenta l’apertura dei regali da parte dei bimbi nel giorno dedicato alla commemorazione del Santo, il 6 dicembre. Una tradizione che la maggior parte dei Paesi del mondo celebrerà, con il passare del tempo, la mattina di Natale, nella sovrapposizione della benignità di Nicola ai santi doni spirituali originati dalla nascita di Gesù. Per la realizzazione della tavola, Steen si è ispirato al proprio ambiente domestico, ritraendo i suoi stessi figli in un confortevole interno. E’ una scena allegra, alla quale prendono parte tutti i membri della famiglia: al centro della composizione una bambina, che afferra con grande soddisfazione una bambola ed un secchio di latta colmo di dolci di farina candita; alle sue spalle il fratellino, che ha invece ricevuto una mazza con tanto di pallina, mentre il fratello maggiore piagnucola perchè non ha ricevuto giocattoli, ma verghe, tradizionalmente destinate ai bimbi capricciosi, in quanto, un tempo, utilizzate dai genitori per colpire e punire i maleducati e i disobbedienti. Le verghe, insomma, corrispondevano al nostro carbone; ma erano lievemente più crudeli. Ad osservare le reazioni dei fanciulli con aria divertita e compiaciuta, gli adulti: una giovane donna, a sinistra, regge una scarpa che, in alternativa alla calza, fungeva da contenitore nel quale San Nicola/Babbo Natale avrebbe potuto lasciare di notte e di nascosto i regali. Sul lato opposto un uomo, con in braccio un neonato, indica ad un piccino dall’espressione stupefatta il camino, da cui si sarebbe calato il Santo. In primo piano, a sinistra, un tavolo di legno intarsiato su cui poggia un frutto con una moneta infilata, chiara allusione alla leggenda delle tre fanciulle.

SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Pont-Aven, la Bretagna mitica per Gauguin. Com’è oggi, com’era. Cosa vi dipinse e perchè. Il video

Come Warhol produceva questi ritratti serigrafici. Artista mostra procedura. Il video Tate