Home / Le piante nell'arte / Il canto del cigno? No, dell’aloe
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Il canto del cigno? No, dell’aloe

di Federico Bernardelli Curuz

crespialoeL’interesse per il mondo naturale, per la ricerca scientifica e, d’altro canto, in chiave misterica, l’analisi dei grandi nodi insoluti dell’universo sono solo alcuni dei temi che caratterizzano l’eclettica età barocca che fluisce in direzione del pensiero razionalista e del periodo pre-illuminista.
E uomo del suo tempo è il bolognese Giuseppe Maria Crespi, nato nel 1665, che diventerà uno tra i più importanti artisti del diciottesimo secolo, sempre in direzione di quella pittura della realtà che esamina il mondo, anche quello minuto, con l’intenzione di documentarlo. Punto di forza del suo talento è sicuramente il percorso artistico corroborato da autorevoli confronti, a partire dall’osservazione delle opere dei Carracci, concittadini del Crespi, per poi passare ai pittori veneti cinquecenteschi, continuando con il “Cavaliere calabrese” Mattia Preti e soffermandosi infine sull’attenzione al piano della realtà da sempre dimostrata dai fiamminghi.
Oltre ad un dinamico arricchimento stilistico, il Crespi denuncia un altrettanto intenso interesse per uno scandaglio di matrice naturalistica che rasenta la precisione richiesta dalla rappresentazione del dettaglio scientifico. Un esempio di quest’occhio che si esercita nella lettura della realtà è la tela Pianta di Aloe, nella quale, soggetto centrale della scena, realizzato con colori scuri e corposi, è appunto la pianta originaria del Capo di Buona Speranza, rappresentata con assoluta fedeltà.
L’incisione latina che compare sul parapetto sul quale poggia il vaso, introduce l’osservatore alla scena, con la precisione di un cartellino museale: “Aloe Mucronato, dalla foglia florida, dal fusto degenere. Questa pianta, coltivata in vaso, nella campagna bolognese e nel giardino del consultore Benacci, senza fiori per circa quarant’anni, sul far della primavera dell’anno 1718, cominciò, sparendo le foglie lunghe cinque piedi, a buttare un grosso fusto che, raggiunta nello spazio di due mesi l’altezza di tredici piedi e nove once, emise alla sommità rami posti in ordine insolito e carichi di gialli fiori monopetali multífidi all’estremità. Caduti questi, le capsule seminali, dopo un modesto incremento, morirono insieme alla pianta”.

 

E’ una descrizione analitica che ben figurerebbe in una galleria di botanica e che presagisce quell’interesse enciclopedico che sarebbe divenuto il motore macroscopico dell’Enciclopedia di Diderot e D’Alambert.
L’aloe mucronato deve il suo nome a mucronatus, un “latinismo usato nel linguaggio scientifico parlando di corpi conformati a guisa di spada, o pugnale, o simil cosa terminante in punta, quale, per esempio una foglia che finisca con spina”, secondo la definizione del Vocabolario etimologico della lingua italiana.
Questa pianta – che, come molte altre provenienti dalle colonie olandesi in Sud Africa, venne introdotta attorno al Settecento per soddisfare la tendenza all’“esotico” imperante in quegli anni – ha da sempre incuriosito l’uomo, ed in molte popolazioni antiche ha assunto differenti significati simbolici; gli Egizi, ad esempio, la ritenevano immortale e, proprio per questa caratteristica, gli oli e le essenze, ricavati dalle sue foglie, venivano utilizzati per imbalsamare i cadaveri dei faraoni; per i Greci l’aloe era invece simbolo di fortuna, salute, bellezza e pazienza; i Tuareg erano soliti impreziosire gli ingressi delle proprie abitazioni con questo fiore, che chiamavano “giglio del deserto”. Lo stesso Crespi rimase affascinato dall’eleganza e dalla possanza della pianta, in grado di superare i quattro metri di altezza (come riportato nell’incisione del dipinto), e dalla particolarità di fiorire una sola volta in quarant’anni per poi morire a causa dell’intenso ma inevitabile sforzo di rigenerarsi e di eternarsi nella propria discendenza.
Alcuni storici hanno evidenziato, sottolineando questa inclinazione vegetale messa in luce dal pittore, una possibile valenza simbolica del quadro, che si legherebbe all’esistenza stessa del proprietario della pianta, divenuto “padre soltanto in età avanzata”, proprio come l’aloe raggiunge il principale scopo della sua vita in coincidenza con il termine della stessa. Tale ipotesi viene però scartata dalla studiosa Anna Maria Matteucci, la quale sostiene che “dovette invece trattarsi di un interesse scientifico, tipico dell’età, nella patria di un Aldrovandi e di un Malpighi, a dettare l’inconsueta iconografia dell’opera”.
Ma non ci sentiamo di escludere del tutto che il consigliere avesse accolto con estrema felicità la coincidenza di entrambi i segni, come benevolenza celeste. E sovviene, a proposito, un Carducci di là da venire: “Tu fior de la mia pianta percossa e inaridita, tu de l’inutil vita estremo unico fior”.

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

C’è un morto nel ritratto. Come riconoscere presenze funebri nei dipinti

Sai cos’è la pittura tonale – Definizione e analisi del concetto. Esempi pratici

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp