Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Il corpo nudo ha uno stile? Sì. Nudi femminili da Napoleone III alle maschiette del Déco. Il video

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

blank
 
E’ possibile datare – nel senso di collocare l’immagine in un periodo determinato -, anche in assenza di elementi di fondale, un nudo femminile? Evidentemente sì. E non solo attraverso gli indizi più evidenti della moda, come il taglio o l’acconciatura dei capelli.  Nell’Ottocento pieno – escluso l’episodio del Romanticismo e del preraffaelitismo, che porta a donne sofferte, come perennemente percorse da pensieri dolorosi, che diventano una malattia in grado di consumare la carne – assistiamo a un aumento delle forme rubensiane, ben diverse dalle figure flessuose e del Settecento rococò che tendevano ad assomigliare a statuette eleganti di porcellana. In ogni caso, la “vita” delle donne di tutte queste epoche era piuttosto stretta, sagomata dolorosamente dai bustini con stecche di balena. La vita stretta espande, visivamente, i fianchi e il seno. Messaggi che colpiscono l’uomo. I fianchi larghi costituiscono un elemento di forte attrattiva per il maschio.  La seconda metà dell’Ottocento reintroduce figure femminili più pesanti, dai grossi seni e dalla pelle liscia e serica, sostenuta da una alimentazione molto ricca. In questo periodo le modelle di nudo appaiono, in genere più rotonde – escluse le adolescenti – mentre il vero passaggio in direzione di una figura femminile identica alla nostra, avviene nella Belle époque e, soprattutto,durante gli anni Venti, all’avvio del Déco, che coincide, a livello di capigliatura, con il taglio corto dei capelli, alla maschietta. Per rinviare a una figura androgina, le donne delle classi abbienti, nei primi decenni del secolo, fanno movimento e si mettono a dieta per ridurre le parti grasse e per non dare grande spazio al seno.  Negli anni attorno alla seconda guerra mondiale assisteremo, invece, all’esibizione di donne forti e pesanti, con i capelli decolorati, probabilmente in linea con il modello tedesco, della femmina-fattrice. Sono le linee opime della maggiorata che perdureranno almeno fino all’inizio degli anni Settanta, che entrano in contrasto con le ragazze della beat generation e successivamente con la donna intellettuale del post-’68: sottile come un’adolescente, gambe magre – che appaiono più lunghe -, seni non particolarmente evidenti, lunga capigliatura. Nel filmato vedremo il mutamento del nudo dalla fine dell’Ottocento agli anni Trenta. E ci accorgeremo che, nei decenni, sono mutati anche i gesti e le posture delle modelle.
 
https://www.youtube.com/watch?v=mGtvyXrdzFU

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!