Home / Gli animali nell'arte / Il diavolo nella pittura – I travestimenti di Satana nell’arte e nell’immaginario
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Il diavolo nella pittura – I travestimenti di Satana nell’arte e nell’immaginario

La raffigurazione del demonio in forme mostruose si diffonde nell’arte romanica e gotica unendo elementi derivanti dalla tradizione classica, nordica e orientale.
L’idea di diversità, di rovesciamento dei connotati umani e divini, sta alla base della rappresentazione iconografica del maligno, la cui corporeità assume elementi di esagerazione. Nella cultura cristiana, lo scopo è di impressionare e spaventare i peccatori con le minacce dei tormenti infernali.
Fino al IX secolo circa, il diavolo è effigiato con fattezze umanoidi: è un vecchio piccolo e deforme, oppure un gigante, ma con artigli ai piedi. Qualcosa di simile alle gargouille francesi.

Hieronymus Bosch, Il carro di fieno, particolare

Hieronymus Bosch, Il carro di fieno, particolare

In seguito, comincia ad apparire con maggiore frequenza in vesti animalesche, nel solco dell’immaginario medievale e quasi sempre richiamando in qualche modo serpenti, gatti, lupi, caproni, pipistrelli, talvolta ridisegnati con modalità grottesche.
Di notevole interesse è il ricorso agli elementi formali e strutturali carpiti al mondo degli insetti. E non potevano essere che i pittori e gli incisori del nord Europa, nella loro minuziosa analisi del reale, indagato e dissezionato con la curiosità di un entomologo, ad eccellere in tale particolarissimo filone iconografico, che unisce, appunto, precisione scientifica ed elaborazione visionaria.
Artisti quali Schongauer, Dürer, Bosch, Teniers, Bruegel, Cranach, Grünewald hanno spesso insinuato nelle proprie opere bizzarri e – di volta in volta – raccapriccianti, divertenti, sottilmente inquietanti demoni mascherati da minuscoli invertebrati.

Lucas Cranach, Tentazioni di sant’Antonio, particolare

Lucas Cranach, Tentazioni di sant’Antonio, particolare

Martin Schongauer, Tentazioni di sant’Antonio

Martin Schongauer, Tentazioni di sant’Antonio

Martin Schongauer, Tentazioni di sant’Antonio

Martin Schongauer, Tentazioni di sant’Antonio

E’ la farfalla – che nelle raffigurazioni classiche rappresenta Psiche e, pertanto, l’anima – ad assumere, a sorpresa, un ruolo di primo piano nella classifica degli insetti più giù gettonati a prestare le proprie sembianze al diavolo. Farfalla che cede al pipistrello, che con il caprone e il gatto nero detiene il primato dell’immaginazione satanica, alcune sue caratteristiche. Le ali variopinte, ad esempio, lievi, coperte di un polvere magica..Con tutta evidenza, i leggiadri lepidotteri pagavano pegno alle accezioni simboliche negative loro riferite, come la bellezza, la vanità, la volubilità, la vocazione all’effimero. Ecco così le coloratissime ali decorare i corpi fluttuanti dei Principi del male, in un contrasto stridente, che non poteva non colpire le corde profonde della fantasia popolare.

Bosch - Il giudizio finale

Hieronymus Bosch, Tentazioni di sant’Antonio, particolare

Hieronymus Bosch, Tentazioni di sant’Antonio, particolare

Dalle farfalle alle mosche. Il legame è qui più diretto e immediato. La mosca era simbolo non solo del demonio, ma, in generale, del peccato. Né va dimenticato che il nome stesso di Belzebù deriva da Baal-Zebub, ossia “Signore delle mosche”, l’antica divinità siriaca citata dalla Bibbia come responsabile della distruzione e della putrefazione.
Anche i coleotteri ricorrono in questa sub-sezione dell’iconografia del diavolo. La solida, conchiusa rigidità della corazza è elevata al ruolo di forziere mobile e rutilante, custode di chissà quali ignominiosi, inviolabili, innominabili segreti.
Tra le specie di coleotteri, quella maggiormente presente è fuor di ogni dubbio il cervo volante. Come ricorda in una sua interessante ricerca Lucia Impelluso, l’immagine di tale insetto “comincia a fare la sua apparizione nei manoscritti miniati del gotico internazionale, tra la fine del XIV e l’inizio del XV secolo. Ma è soprattutto la pittura nordeuropea del XVI e XVII secolo che lo raffigura, in particolare nelle composizioni di nature morte o in quelle con scene di sottobosco, spesso associandogli un significato negativo, quale icona del male e del diavolo. Ciò è probabilmente dovuto al fatto che nelle culture nordiche il cervo volante era considerato un pericoloso propagatore di incendi mediante tizzoni ardenti che poteva stringere tra le mandibole, e il fuoco era uno dei pericoli più temuti”.
A ciò va aggiunta la palese analogia morfologica con la rappresentazione medievale delle creature demoniache: le lunghissime mandibole, appunto, che s’aprono a dismisura, la sfaccettatura della parte anteriore del corpo secondo molteplici angoli, il colore nero e metallico della livrea, la lateralità dello sguardo, sono tutti elementi che finivano per rafforzare i dubbi e i sospetti del volgo intorno alla vera natura del lucanus cervus.

Da una sorta di mutazione genetica, a metà tra l’ironia e il raccapriccio, del nostro coleottero cornuto, che assume anche le caratteristiche del pipistrelli, altro animale demoniaco per eccellenza, sembra derivare lo stravagante animaletto satanico che ritroviamo ai piedi di un trionfale san Nicola da Tolentino, in un dipinto del 1495 di Vincenzo Civerchio per un polittico conservato alla Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia.

Vincenzo Civerchio, San Nicola da Tolentino Lo stravagante animaletto satanico che ritroviamo - chiuso in una bolla di cristallo, quasi una teca da entomologo - ai piedi di san Nicola da Tolentino in un dipinto del lombardo Vincenzo Civerchio è in realtà una ripresa della spassosa invenzione del maestro tedesco Martin Schongauer

Vincenzo Civerchio, San Nicola da Tolentino
Lo stravagante animaletto satanico che ritroviamo – chiuso in una bolla di cristallo, quasi una teca da entomologo – ai piedi di san Nicola da Tolentino in un dipinto del lombardo Vincenzo Civerchio è in realtà una ripresa della spassosa invenzione del maestro tedesco Martin Schongauer

Il diavolino, sconfitto e alquanto abbacchiato, annaspa in una bolla di cristallo che richiama da vicino una teca da entomologo. Civerchio, artista lombardo ma di marcata impronta nordica, si ispirava sovente alle incisioni dei maestri tedeschi, ed in questo caso è persino ovvio il “furto” della spassosa invenzione di Schongauer per le Tentazioni di sant’Antonio. (fer.)

Vincenzo Civerchio, San Niicola da Tolentini

Vincenzo Civerchio, San Niicola da Tolentini

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

40 foto di attrici anni Sessanta e Settanta, quando era di moda la seduzione del vedo-non vedo.

Vedo nudo. Furini (1603-1646), il prete sensuale che dipingeva sante, eroine, donne tutte senza veli. Video