Home / La morte e gli scheletri nell'arte / L’urlo e l’immane boato. Quando il pennello dipinge il rumore. Giulio Romano, sala Giganti
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

L’urlo e l’immane boato. Quando il pennello dipinge il rumore. Giulio Romano, sala Giganti

di Rossana Mugellesi e Stefania Landucci

Nella monumentale rappresentazione dei Giganti di Giulio Romano, in palazzo Te, a Mantova, al cospetto di questi corpi schiacciati dai macigni e dalle colonne spezzate, siamo colpiti da una serie di elementi che caratterizzano lo schema compositivo e che sottolineano la dimensione del rumore, elemento antipittorico per eccellenza, eppure ben congegnato, al punto da divenire deflagrante e tellurico.

I corpi giganteschi si sforzano di emergere con una poderosa tensione muscolare, i volti si impongono come maschere di sofferenza e terrore, gli occhi sono enormi e sbarrati, le capigliature lunghe e scarmigliate, le teste rifuggono da una classica frontalità per reclinarsi sovente all’indietro o di lato e, elemento più incisivo, hanno quasi tutti la bocca aperta, urlante.

urlo nell'arte giulio romano sala giganti

Acquisiscono forza drammatica il contrasto e l’espressività che ne derivano, tra la faccia spaventosa del gigante che guarda sconvolto con l’unico occhio e il volto coperto di quello che, disperato, si rifiuta di vedere oltre: “la sua voluta cecità, accostata allo sguardo furioso e impotente degli altri, accresce l’intensità di quel terribile incubo” (E. H. Gombrich). Lo schema compositivo richiama quello di tante battaglie presenti nella ceramica e in antichi sarcofagi ma, ben lungi dal riprodurne l’ordine classico, il dipinto mantovano sembra indirizzare l’osservatore al recupero mnemonico del furore bellico e della forza espressiva che connota la Gigantomachia dell’Altare di Pergamo. La famosa opera fu voluta dal re di quella città, Eumene II, nel 188 a.C., con chiara allusione alle vittorie della dinastia sui Galati.



Probabilmente anche la Gigantomachia di Giulio Romano potrebbe, in chiave politica, relazionarsi alla vittoria di Carlo V su Francesco I di Francia o, secondo un’interpretazione religiosa e morale, potrebbe alludere alla punizione della superbia dei potenti e dell’ambizione di principi, prelati e ricchi.


Nel particolare della lotta tra Giganti e dei – grande fu la fortuna di tale modulo artistico -, si impongono la violenza e il pathos di Alcioneo alterato dal dolore: la figura è disposta su due piani diversi, il corpo è rappresentato frontalmente con le gambe divaricate e in tutta la sua tensione muscolare, il volto invece è reclinato all’indietro con i capelli che, ben scolpiti, appaiono folti e vigorosi, gli occhi sono spalancati, lo sguardo terribile e la bocca urlante.
Se, come osserva Settis, “i canoni dedotti dall’antico vengono al tempo stesso riproposti e messi in discussione con le armi sottili dell’allusione e dell’ironia”, il modulo del guerriero ellenistico, raffigurato plasticamente contro ogni equilibrio classico, sembra qui recuperato ed elaborato con tutta la forza pittorica appresa dai grandi modelli rinascimentali, in particolare Raffaello.
Ed è il dettaglio della bocca spalancata e urlante che più ha sollecitato la nostra attenzione, uno stilema che sembra divenire essenziale ed imprescindibile laddove l’artista, specie in descrizioni di battaglie, voglia far vibrare dramma e pathos.
Un esempio calzante ci viene offerto dalla Testa di uomo urlante (1503-5), uno studio riconducibile alla perduta Battaglia di Anghiari di Leonardo da Vinci



Lo sguardo è torvo, il capo obliquo e teso in una smorfia mista di ira e di furore guerriero e, particolare fondamentale, la bocca è dilatata in modo parossistico. Nel Trattato della pittura, l’artista stesso insiste sull’importanza della fisionomica del volto per indicare lo stato dell’animo, riallineandosi, in questo, alla teorizzazione antica della stretta corresponsione tra passione ed espressione facciale: il richiamo più convincente resta quello delle ripetute descrizioni dell’uomo irato da parte di Seneca nel De Ira.
Modulo antico e sensibilità moderna, un possibile cammino interpretativo per arricchire la lettura di Giulio Romano e della Sala dei Giganti, che si presenta, anche sotto il profilo architettonico, come un amplificatore del rumore. Sono la grandezza dell’evento e la sua rumorosità a proiettare l’artista a livelli epici.

NEL VIDEO PALAZZO TE E LA SALA DEI GIGANTI, MANTOVA

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Il meraviglioso chalet del pittore Balthus. 113 finestre, facciata scolpita nel Settecento. Il video

Casa di legno. Com’è bello veder crescere il cuore arcaico degli edifici auto-costruiti. Video