Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Il metal detector suona. Il dilettante avvisa gli archeologi. Oro e pietre preziose. Resti di un bottino del V secolo?

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Immagini courtesy Muzeum T. G. M. Rakovník

Il cercatore dilettante si aggirava nel bosco con il suo metal detector. Una giornata di svago per l’appassionato che pensava, comunque, di passare qualche ora all’aperto accanto al fratello con il quale condivide la passione per le ricerche con il metal detector, che, in Boemia, sono ammesse. Improvvisamente la strumentazione ha iniziato a suonare in modo pieno. L’uomo – lo vediamo nell’immagine di copertina, accanto a un giornalista e al fratello, nel punto del ritrovamento – ha delicatamente scavato una minuscola buca verticale di circa 50 centimetri, sotto il muschio, e ha trovato gioielli antichi particolarissimi. Un anello d’oro con pietre dure – granati e almandini dell’Oriente – e parti di una fibbia d’oro spezzata in tre segmenti. Proprio lì, sul bordo del sentiero.

Correttamente, secondo la legge della Repubblica ceca, ha avvisato le autorità competenti – ha chiamato, nello specifico, la direttrice del locale museo, la dottoressa Blažková e i suoi collaboratori – alle quali ha segnalato il punto del ritrovamento, che è stato mantenuto segreto, in vista di scavi approfonditi e di ricognizioni professionali.

blank

blank

La notizia è stata data nelle scorse ore dalle autorità ceche, dopo un periodo di riservatezza assoluta, durante il quale gli archeologi hanno sondato l’area di Rakovník – una cittadina di 16mila abitanti, nella Boemia centrale – e studiato i gioielli, con l’aiuto di alcuni specialisti dell’Università parigina della Sorbona.

Le opere di oreficeria sono state sottoposte ad indagini serrate con scansioni a raggi X, tomografia computerizzata, microscopi e spettrometri, sia per rilevare la natura della pietra – identificandone l’origine di cava – che per osservare la modalità di montaggio del castone.

blank

Che ci facevano pietre dure dell’India o dello Sri Lanka accanto a una strada antica della Boemia centrale, poi dismessa e rimasta come un sentiero nel bosco? Commerci con l’estremo oriente o segni di un’antica migrazione? Anello e parti di fibbia presentano però analogie stilistiche e costruttive con gli oggetti della tomba del re franco Childerico I in Belgio, morto nel 481 d.C. Insomma: un bel rebus, che potrebbe essere risolto se inserito nel clima corrusco dei tempi successivi alle migrazioni di massa che segnarono la fine dell’impero romano e che proseguirono per secoli.

blank

Non solo spostamenti tranquilli. Ma soprattutto movimenti di popoli e di eserciti. Con rapine, furti e violenze. Città messe a ferro e fuoco, esecuzioni sommarie, antichi palazzi incendiati. Bottini nascosti durante gli spostamenti. abitanti in fuga che, a loro volta, nascondevano i preziosi per evitare di essere rapinati e uccisi. E che non poterono più tornare sui propri passi.

blank
Gli archeologi – che hanno scoperto anche una cavezza per cavalli placcata in oro risalente alla fine del VI secolo, a un paio di chilometri dal punto in cui dove sono stati portati alla luce l’anello e la fibbia d’oro – ritengono che questi materiali fossero frutto di bottini.

blank
Per questo le autorità ceche ritengono utile l’attività dei cercatori di superficie con metal detector. Ben guidati, essi possono ripercorrere le tracce delle dispersioni originarie. Il lavoro proseguirà nei prossimi mesi per far luce sul cosiddetto periodo migratorio del V e VI secolo. In prima linea anche Jakub Sláma, con il fratello, al quale le autorità hanno riconosciuto un ruolo importante nell’individuazione del materiale di studio, correttamente segnalato.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!