Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Il mistero dei Rosacroce in Toscana. I pittori che indagarono l’occulto. Intervista a Francesca Cagianelli

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Intervista di Roberto Manescalchi a Francesca Cagianelli, conservatrice della Pinacoteca Servolini di Collesalvetti e curatrice della mostra “Dans le noir. Charles Doudelet e il simbolismo a Livorno” (30 Settembre 2021- 20 Gennaio 2022), allestita nella Pinacoteca stessa.

Le ragioni di una mostra su Charles Doudelet a Collesalvetti?
La storiografia critica relativa al Novecento livornese ha sempre privilegiato, almeno finora, le ragioni del naturalismo, in ossequio all’eredità di Giovanni Fattori presso gli adepti del Gruppo Labronico.

La Pinacoteca Comunale Carlo Servolini, a partire da oltre un decennio di programmazione culturale e nell’ambito di un’ormai pluriennale stagione espositiva, si è invece connotata con riferimento alla falange simbolista del Novecento Livornese, afferente in larga parte allo storico Caffè Bardi, privilegiando vicende e biografie di artisti del Novecento dimenticati, quali Gastone Razzaguta, Corrado Michelozzi, Irma Pavone Grotta, e focalizzando stagioni artistiche assolutamente sommerse nella Livorno del primo Novecento, in primis la diffusione del verbo dei Rose+Croix a Livorno, una sorta di anatema per quegli storici dell’arte che fino a trent’anni fa hanno ostinatamente creduto in una Livorno postmacchiaiola.

blank
blank
Gastone Razzaguta, Inno alla Bellezza, 1923
blank
Corrado Michelozzi, Veglione
blank
Irma Pavone Grotta, Danza macabra, 1927

Le ragioni di una riscoperta italiana di Charles Doudelet?
Abbiamo subito intravisto l’occasione, anzi il privilegio, di consolidare il brand Doudelet per la Pinacoteca Comunale Carlo Servolini, visto che siamo stati i primi in Europa a dedicare una mostra a questo strepitoso simbolista belga, stranamente marginalizzato in Belgio rispetto a connazionali ben più fortunati quali Fernand Khnopff e Félicien Rops, forse a causa di una carriera prevalentemente italiana, visto che, nato nel 1861 a Lille, e attivo in Belgio a partire dagli anni Novanta del XX secolo, subito nel 1901 era stato inviato dal governo belga in Italia per studiare gli antichi manoscritti, stabilendo la sua residenza dapprima a Firenze, a partire dal 1902, e quindi a Livorno dal 1908, dove si trattenne addirittura fino al 1923, connotandosi così per una produzione disegnativa, pittorica e critica di genesi italiana, sfuggendo pertanto alla possibilità di diventare un rappresentante tipico del Novecento belga.

blank
Charles Doudelet, Antico minuetto, litografia colorata
blank
Charles Doudelet, Castellana, litografia colorata (esposta alla mostra “L’incanto di medusa”)
blank
Charles Doudelet, La Roue de la Vie, carboncino su carta (esposto alla mostra “Dans le Noir”)

Le distinzioni tra le due mostre dedicate a Doudelet, quella del 2019 e quella del 2021: le novità dell’attuale mostra
Rispetto alla mostra del 2019 “L’incanto di Medusa. Charles Doudelet, il più geniale interprete di Maeterlinck tra il Belgio e la Toscana”, dedicata soprattutto all’impegno illustrativo di Charles Doudelet nell’ambito delle imprese editoriali dell’amico e connazionale Maurice Maeterlinck, con la mostra Dans le noir.

Charles Doudelet e il simbolismo a Livorno si è inteso soprattutto ritagliare quella riflessione esoterica e occultista dell’artista belga che ha avuto maggior ripercussione su alcuni protagonisti del Caffè Bardi di Livorno, in primis Gabriele Gabrielli, Gino Romiti, Mario Pieri-Nerli, Renato Natali e Gastone Razzaguta.

Grazie ad alcune testimonianze inoppugnabili da me recuperate nel corso delle mie pluriennali indagini scientifiche, ho potuto appurare che nella Livorno primonovecentesca, caso unico in Italia anche rispetto alla vicina Firenze, si radica una sorta di laboratorio di riflessioni esoteriche all’origine di tutta una produzione cittadina dominata da sirene, gufi, templi misteriosi e danze macabre, immediatamente ricollegabili alla presenza dell’artista belga nei circuiti dello storico Caffè Bardi di Livorno.

blank
Charles Doudelet, Pannello decorativo realizzato per una villa italiana
blank
Charles Doudelet, Il Paradiso, illustrazione per Flora Dantesca, 1915-1916
blank
Charles Doudelet, Dettaglio di pannello decorativo realizzato per una villa italiana

Le piste di indagine più cruciali seguite da Lei, la curatrice, rispetto alla focalizzazione dell’influenza di Charles Doudelet a Livorno ?
Se fin dal 2009 come autrice del volume Charles Doudelet pittore, incisore e critico d’arte. Dal “Leonardo” a “L’Eroica”, pubblicato dalla Casa Editrice Leo Olschki, e quindi dal 2019, come conservatrice della Pinacoteca Comunale Carlo Servolini, sto seguendo la pista della diffusione del verbo rosacrociano nella Livorno primonovecentesca, ancora scarsissime, allo stato attuale della ricognizione storiografica, risultano le notizie accertate relativamente a tale argomentazione: sono state prevalentemente testimonianze documentarie reperite negli archivi d’arte finora da me catalogati ad offrire inedite prospettive, quali in particolare la preziosa corrispondenza epistolare tra Charles Doudelet e uno dei protagonisti indiscussi di un cinquantennio di arte labronica, e Gino Romiti, premessa indispensabile quest’ultima ai fini di una focalizzazione assolutamente filologica del radicamento dell’artista belga nei circuiti dello storico Caffè Bardi. Non si può d’altra parte non citare uno dei più illuminati articoli dedicati da Doudelet al precoce e geniale livornese Gabriele Gabrielli nel 1917.

blank
Charles Doudelet, La donna e la civetta (L’ospite notturno), 1897 ca.
blank
Gabriele Gabrielli, Il gufo, 1915-1917
blank
Gino Romiti, Le streghe, 1907

Il futuro della storiografia critica relativa al Novecento livornese
Con la mostra “Dans le noir. Charles Doudelet e il simbolismo a Livorno” si inaugura a tutti gli effetti un nuovo capitolo della storiografia del Novecento Livornese, concludendo definitivamente la stagione critica inauguratasi negli anni Novanta con il fatidico volume dal titolo I Postmacchiaioli, nell’ambito del quale pressochè nessuno degli artisti esposti nell’attuale mostra riscuoteva neppure una citazione, tranne il solo Benvenuto Benvenuti, ridotto a “un caso divisionista” i cui “paesaggi ideali” furono addirittura tacciati di rappresentare “un clima culturale certamente minore o minimo” (Monti 1991).

Oggi grazie anche alla ricognizione di Dario Matteoni, autore in catalogo di un inedito affondo scientifico dedicato ai progetti architettonici di Benvenuti, si riesce a sfatare tale impalcatura storiografica, ricongiungendo le sorti del divisionista livornese con alcuni dei più fondamentali episodi dell’architettura internazionale.

blank
Charles Doudelet, Attesa (L’Alba), carboncino su carta
blank
Benvenuto Benvenuti, Il Tempio dell’Arte, 1906
blank
Benvenuto Benvenuti, La Casa delle Armonie celesti o Palazzo per Musica, 1911-1913

L’importanza del simbolismo nella programmazione passata e futura della Pinacoteca Comunale Carlo Servolini?
Dopo alcuni importanti episodi espositivi dedicati alla riscoperta di artisti pressochè scomparsi dall’immaginario collettivo, così come dai principali repertori storiografici, quali in particolare i livornesi Gastone Razzaguta e Irma Pavone Grotta, oggi finalmente ricondotti all’inedita stagione del simbolismo livornese, la Pinacoteca Comunale Carlo Servolini punta per il futuro ad una programmazione sempre più funzionale alla valorizzazione della stagione artistica dei primi due decenni del Novecento, con l’obiettivo di storicizzare personalità fino ad oggi ricondotte all’alveo del macchiaiolismo, ma in effetti protagoniste, ai loro esordi, di un coraggioso slancio simbolista.

Questa scelta costituisce una vera e propria mission per la Pinacoteca Comunale Carlo Servolini, intitolata a Carlo Servolini, pittore e incisore livornese che all’epoca della sua formazione artistica ai margini dello storico Caffè Bardi, si contrappose a Gastone Razzaguta, ma predilesse una personalità quale Gino Romiti da cui mutuò la risoluzione simbolica della questione luminosa, ma soprattutto la suggestione di visionari notturni.

blank
Gastone Razzaguta, Libeccio, 1915 ca.
blank
Irma Pavone Grotta, L’Eroica, 1925
blank
Gino Romiti, copertina per L’incubo velato di Enrico Cavacchioli, 1906-1907

La mostra
“Dans le noir. Charles Doudelet e il simbolismo a Livorno”
a cura di Francesca Cagianelli
Pinacoteca Comunale Carlo Servolini
, Via Umberto I, 63, Collesalvetti (Livorno)
30 Settembre 2021-20 Gennaio 2022
Tutti i giovedì, ore 15.30-18,30.
La mostra è promossa da Comune di Collesalvetti, Fondazione Livorno – Arte e Cultura, con il Patrocinio dell’Ambasciata del Belgio a Roma e della Soprintendenza Archeologia, Belle Arti e Paesaggio per le Province di Pisa e di Livorno, in collaborazione con la Società Teosofica Italiana

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected]stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo a cura della redazione di Stile arte

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti.

Vuoi rimanere aggiornato su offerte, occasioni, gadget a prezzi stracciati? Moda, arte, tecnologia sono la tua passione? Segui il nostro canale Telegram. Stile arte seleziona per te i prezzi del momento. Buoni, sconti e opportunità da cogliere al volo. L'iscrizione è semplice e grautita, Clicca qui per iscriverti al canale: https://t.me/stilearte Sei poco pratico di Telegram e vuoi capire di cosa si tratta? Leggi questo nostro approfondimento -> https://www.stilearte.it/?p=279033

Colori a olio: ecco le recensioni:

MAIMERIblank: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeriblank
 
blank
Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)
   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talensblank

blank
Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui
E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.
blank
Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui
  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrarioblank  
blank
CASSETTA IN LEGNO DI FAGGIO MISURE 30X40 COLORI OLIO VAN DYCK FERRARIO
  OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Hollandblank
blank
Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio
WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburgblank
blank
Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione
WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTONblank
blank
Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.