Home / Il ritratto nell'arte / Il partito degli arcimboldisti. La natura morta diventa natura viva
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Rasio, Estate (P. Tosio Martinengo)

Il partito degli arcimboldisti. La natura morta diventa natura viva


Guance turgide come pesche, barba irta e spinosa come ricci di castagna, capelli ispidi come spighe di grano: questa è l’arte di Giuseppe Arcimboldo (1527-1593), apprezzato ritrattista alla corte dell’imperatore Massimiliano e, in seguito, di Rodolfo II.

Giuseppe Arcimboldo, Vertumno (Stoccolma, Skoklosters Slott)

Giuseppe Arcimboldo, Vertumno (Stoccolma, Skoklosters Slott)

L’originalità della sua opera risiede nella capacità di coniugare il gusto nordico per la raffigurazione naturale e realistica degli oggetti con lo spirito intellettualistico e concettoso tipicamente cinquecentesco. I suoi ritratti allegorici, composti integrando oggetti diversi – soprattutto fiori, frutta e verdura – in sembianze antropomorfe, riscossero un grandissimo successo presso l’ambiente praghese, in quanto la commistione di naturale e artificiale, di licenza e regola estrosamente accostate incarnava appieno il clima culturale della capitale boema, frequentata al tempo da astronomi, maghi, alchimisti e artigiani, impegnati nei mutamenti più straordinari della materia naturale.

Antonio Rasio, Primavera (Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo)

Antonio Rasio, Primavera
(Brescia, Pinacoteca Tosio Martinengo)



Si tratta di una pittura illusionistica, fantastica e minuziosa, legata tanto al Manierismo quanto all’allegorismo tardo-cinquecentesco. E, per certi aspetti, all’alchimia, giacché la rappresentazione, che unisce il tutto all’uno (i frutti o gli animali che formano una figura), è la trasposizione simbolica dell’en to pan, dell’uno nel tutto e del tutto nell’uno, tipico delle dottrine ermetiche dell’epoca. E, come ben sappiamo, quella di Rodolfo fu una corte permeata dalla cosiddetta arte regia, cioè l’alchimia.

La seduzione emanata dalle opere di Arcimboldo fu accolta da alcuni “arcimboldisti” che diffusero, attraverso una minima interpretazione, i moduli aurei del maestro. Le opere erano destinate ad ornare sale da pranzo o luoghi nei quali non fosse necessaria la debita, trionfale celebrazione dei padroni di casa attraverso i soggetti alti, legati al ritratto, alla pittura di storia o alla mitologia.

Appassionato arcimboldista fu Antonio Rasio, artista lombardo del XVII secolo poco noto alle cronache. A lui è stata recentemente attribuita la composizione delle tele rappresentanti le quattro stagioni, realizzate intorno al 1685-1695 – quindi più di un secolo dopo l’invenzione del caposcuola – e conservate alla Pinacoteca Tosio Martinengo di Brescia. Diversamente dai soggetti ritratti dall’Arcimboldo, tutti a mezzo busto, le personificazioni di Primavera, Estate, Autunno e Inverno vengono effigiate da Rasio a figura intera, e collocate in un paesaggio lacustre. E’ una pittura che gioca con l’equivoco burlesco e capriccioso, come se fossimo di fronte a un’anticipata rappresentazione del mondo astruso di Alice nel paese delle meraviglie: le pose sono rigide e impacciate, quasi goffe, innaturali, anche se si intuisce lo sforzo di rendere in modo minuzioso e realistico i dettagli, in ossequio alla tradizione fiamminga.

Rasio, Autunno (P. Tosio Martinengo)

Rasio, Autunno (P. Tosio Martinengo)


Logicamente gli ortaggi e i fiori che, assemblati, danno volto e corpo alle stagioni, variano a seconda dei soggetti: ciliegie, fragoline di bosco, rose, papaveri, asparagi e carciofi definiscono la figura della Primavera; pesche, angurie, prugne e spighe di grano quella dell’Estate; uva, mele e pere compongono l’Autunno e infine verza, cipolle, cavoli e aglio l’Inverno. Al di là della qualità delle opere e delle osservazioni di carattere meramente tecnico, è opportuno soffermarsi sul significato di quest’arte, passata inosservata per lungo tempo e rivalutata all’epoca del Surrealismo, in virtù del suo carattere immaginario e stravagante: la metafora desublimante e naturale dell’Arcimboldo è analoga e inversa a quella alta e nobilitante di altri manieristi, come il Bronzino.


Per chiarire il concetto si può pensare al rapporto che intercorre tra la poesia bembesca, sboccata e popolare (Arcimboldo), e quella petrarchesca, raffinata ed elegante (Bronzino): si tratta di forme espressive differenti, contraddistinte da registri linguistici diversi se non opposti, al centro delle quali c’è un unico soggetto, l’uomo

 

QUADRI ANTICHI E OTTOCENTO ALL’ASTA IN QUESTO ISTANTE – Qui le grandi occasioni on line

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Cosa significa “pittori bamboccianti” e chi era il Bamboccio. Il video delle opere

Hokusai, il sogno erotico della moglie del marinaio (1820). Il dialogo proibito. Eccolo

218 Condivisioni
Condividi218
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp