Home / Art food / Il raviolo rivelato. Gualtiero Marchesi racconta il suo monumento
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Il raviolo rivelato. Gualtiero Marchesi racconta il suo monumento


di Gualtiero Marchesi

La realtà visibile intesa come successione di piani. Piani che scivolano l’uno sull’altro, quali velari di palcoscenico, cortine di nebbia che si schiudono palesando panorami finora sconosciuti. L’idea di un universo scomponibile in pannelli, da sfogliare a guisa di carte da gioco, ha affascinato molti pittori. Ed ha affascinato, da sempre, anche me. Chi segue questa rubrica avrà certo notato la mia reiterata “ossessione” per l’equilibrio della forma. “Ossessione” che traspare nella rilettura di grandi capolavori dell’arte figurativa. “Ossessione” evidente, anche e più che mai, nei miei piatti più conosciuti. Si pensi – per fare un esempio – al “Riso, oro e zafferano” (“Stile” 42, ottobre 2000). O – ancora – al “Riso mantecato ai tartufi bianchi e neri”, di cui parleremo molto presto. O al “Raviolo aperto” di questa pagina. Dove i piani, costituiti da pasta agli spinaci, verde, e da pasta bianca, si diffondono in armonia, derapando sul tappeto di salsa morbidamente densa, acquisendo, nel loro adagiarsi, una sorta di placida matericità. Equilibrio di forme: ed equilibrio cromatico.

A ribadire la “necessità” di una grammatica estetica da cui non è possibile, a mio giudizio, prescindere. E di cui la foglia di prezzemolo, schiacciata dapprima con il coltello sino a scomporne la nervatura, e quindi incorporata nel diafano tessuto della pasta fresca, risulta esempio paradigmatico, nella sua assoluta, calligrafica silhouette di straordinaria potenza evocativa. Avverto, in questa mia creazione – che considero tra le più riuscite -, quasi un’eco musicale. Se dovessi cercare un riferimento in pittura, penserei a certe opere di Santomaso. Il quale pure amava indugiare sulla sovrapposizione di piani che andavano a spaiarsi per via centrifuga; e se ne stava sempre con l’orecchio teso a captare reconditi accordi, vaganti per lo spazio. Perché considerava un quadro un pochino come una partitura; lui che disse un giorno: “L’unica forma che lascio collaborare al di fuori dei valori formali è la musica”. Ecco: allo stesso modo, io credo al primato dell’armonia delle forme. Al primato di quelle note suadenti che danno anima alle cose, e ai profili, e ai colori, e ai profumi, e ai sapori. E che fanno luce nei misteri più custoditi e bui: come un raviolo che, finalmente aperto, ci rivela senza riserve il suo cuore segreto.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Chi è Fulvio Roiter, le radici di un genio fotografico. Le opere, la poetica

I segnali stradali nell’arte – Le opere di Francesco Garbelli reinventano le icone delle vie e le auto

100 Condivisioni
Condividi100
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp