Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
clicca, a destra, "Mi piace".

Il secolo di Manzù

di Luigi Marsiglia

mazustudioconcarro

Bergamo 1908, data e luogo di nascita anagrafica di Manzù, al secolo Giacomo Manzoni: una troncatura accentata del nome per creare un alone sia vernacolare che esotico, un espediente degno dell’inventiva linguistica di Gadda o di Carlo Dossi. Perché in questo pseudonimo parziale che riecheggia il reale, persiste tenace e programmatica la volontà distintiva di essere unico, il solo Manzù, di professione scultore. Unicità riversata anche nelle opere, riconoscibili attraverso la resa istantanea, il tocco repentino capace di generare figure luminose, dalle linee spigolose arrotondate e dai volti intensi. Poiché, come sostiene Adorno: “L’arte è magia liberata dalla menzogna di essere verità”. Ed è in questo universo magico che si muovono, senza ambiguità né titubanze di sorta, i ritratti e le creature evocate in più di ottant’anni da Manzù – l’artista si è infatti spento ad Ardea, Roma, nel 1991.
Ma procediamo con ordine. Bergamo, primi decenni del Novecento. Giacomo Manzù, poco più che adolescente, abbandona definitivamente la scuola (l’ha frequentata, con una certa regolarità, fino alla seconda elementare) ed è attivo nelle botteghe degli artigiani locali, soprattutto carpentieri e intagliatori, dove impara a lavorare la pietra, la creta, il legno. Solo più tardi conseguirà il diploma in plastica decorativa all’istituto Fantoni. Le mani sono gli strumenti del mestiere che il giovane autodidatta adopera con la precisione e la rapidità spettacolare di un maestro, saggiando e “manipolando” la materia grezza che, ammansita, si trasforma sotto quello sguardo attento. Il servizio militare, a diciannove anni, lo conduce a Verona: qui segue di tanto in tanto le lezioni all’Accademia Cignaroli e si sofferma per ore a osservare le porte di San Zeno. Nel 1929 il breve soggiorno a Parigi, poi l’arrivo a Milano, dove l’architetto Muzio gli affida – nei primi anni ’30 – la decorazione della cappella dell’Università Cattolica.
E’ in questo periodo meneghino che avviene la seconda folgorazione, che possiede una ragione, un termine attributivo ben preciso: le cere di Medardo Rosso, l’artista di origine torinese scomparso a Milano nel 1928. Un “legame” umano e uno studio sensibile della luce degli impressionisti che condurrà Manzù di nuovo a Parigi e a una svolta concreta nella propria concezione artistica, superando di fatto quel primitivismo scevro di fronzoli e sovrastrutture delle opere giovanili. Una ricerca focalizzata sulla “verità”, con una risoluta morbidezza delle linee e una consistente presa raffigurativa sul reale, come nel David accovacciato eseguito alla fine degli anni ’30 e ripreso – un trentennio più tardi – nel Fauno.
E’ con vorace accanimento che Manzù studia la scultura lombarda romanica e gotica, Donatello e l’arcaismo etrusco, per concentrarsi in Francia intorno all’opera di Maillol e di Degas o al periodo blu di Picasso. A Milano stringe amicizia con Persico, Birolli, Sassu e il gruppo di Corrente; ed è qui che, durante il secondo conflitto mondiale, matura il proprio impegno civile contro la barbarie nazista, impegno confluito nel Monumento al Partigiano inaugurato a Bergamo nel 1977. Scrive Cesare Brandi: “La Crocifissione di Bergamo [il cui autore è Renato Guttuso] destò scandalo e fu, con le Crocifissioni di Manzù, la prima miccia degli artisti italiani contro il fascismo”.
Sui bassorilievi del ciclo Cristo nella nostra umanità, ideati durante il flagello delle incursioni aeree, compaiono scheletri crocifissi e cardinali denudati: un Golgota poco cristologico e molto pacifista.
Alla XXIV Biennale di Venezia del ’48
– nell’immediato dopoguerra, dunque – viene conferito a Giacomo Manzù il primo premio per la scultura, ex aequo con Henry Moore. Per dodici anni, dal ’52 al ’64, sarà occupato nella travagliata realizzazione della porta di San Pietro che, per volontà di Giovanni XXIII – papa Roncalli, anch’egli bergamasco -, sarà impostata sulla tematica della morte. Pontefice e scultore si intrattengono in colloqui privati, cordiali e interlocutori.
Insieme a forme opime che inneggiano alla persistenza della vita, all’élan vital racchiuso in composizioni come la Carrozza con Giulia e Mileto esposta al Centro Materima, convive nella produzione di Manzù il tema più sottile ed esistenzialmente più invasivo della spiritualità e della fine della vita stessa. Dalla drammatica preghiera di Giovanni XXIII ripresa nella formella per la porta di San Pietro, all’immobilità ieratica e immanente, piramidale e misteriosamente astratta del ciclo dei Cardinali. Da una parte un’ambientazione con scene familiari e floride fanciulle, simbolo di un’innocente pace donatrice di vita, dall’altra la sacralità livellatrice della morte che incapsula tra le proprie spire sacro e profano, l’uomo e il papa, Angelo Roncalli e Giovanni XXIII.
Dal ’55 al ’58 esegue il portale per la cattedrale di Salisburgo, incentrato sul tema dell’amore; dieci anni dopo – nel 1968 – la porta del duomo di Rotterdam dedicata alla pace e alla guerra. Così Paolo Ricci, dalle colonne di Rinascita, chiosa la sala personale dedicata allo scultore nella Biennale del 1956, che vede l’arte russa, o meglio sovietica, tornare in laguna: Manzù è “un artista nel pieno vigore della sua forza. […] Senza dubbio uno dei più grandi scultori viventi e la forza del suo stile, la sua visione del reale, si sono in questi ultimi anni maturati al punto di divenire esemplari e inconfondibili”.
Il 15 ottobre 1964 il maestro si ritira nella casa-studio di Ardea, dove nel 1969 inaugura il suo museo situato alle pendici della rocca. Nell’89 viene collocato dinanzi al Palazzo dell’Onu di New York il bronzo alto sei metri Madre con bambino. Il secolo di Manzù sarà celebrato – a cura della moglie Inge e della famiglia, del Centro Materima e dello Studio Copernico di Nicola Loi – con una mostra antologica che ne tratteggerà le tappe essenziali, biografiche e artistiche. Un secolo che ha visto la sua opera assumere i connotati di un’intera epoca, eroica e interrogativa rispetto al vissuto quotidiano e al bisogno umano di “sperare”.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talens

Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui

E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.

Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.