Home / L'amore nell'arte / Il vero volto di Laura del Petrarca / The true face of Petrarch’s Laura
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Il vero volto di Laura del Petrarca / The true face of Petrarch’s Laura

di Rosario Rampulla

Erano i capei d’oro a l’aura sparsi / che ’n mille dolci nodi gli avolgea / e ’l vago lume oltra misura ardea / di quei begli occhi ch’or ne son sì scarsi”.

petrarcaalloroFrancesco Petrarca cantava così l’aspetto di “Madonna Laura” nel sonetto XC del Canzoniere. Una “sequenza mirabilis” per tradurre in versi l’aspetto di una donna, della donna amata, il cui incedere “non era cosa mortale, ma d’angelica forma”. Il ricordo di Petrarca viene quindi sbalzato su una lastra temporale precisa, su un istante che appare irripetibile: quello in cui i capelli biondi della donna vengono mossi dal vento e il suo sguardo arde, al di là d’ogni immaginazione. E’ un’immagine ossessiva, una delle prime ad essere incisa nella mente del poeta. Da qui discende il dagherrotipo intinto nell’inchiostro di uno dei simboli stessi dell’amore letterario.


Di Laura sappiamo, se non tutto, molto. Un amore, quello del poeta, nato in seguito al primo incontro (datato 6 aprile 1327, nella cornice della chiesa di Santa Chiara) e durato fino alla morte di lei, avvenuta oltre vent’anni dopo, nel 1348. Quali erano i suoi lineamenti, il sembiante da cui scaturirono dolci parole intrise di una carnalità che, seppur lieve, rappresentò il superamento della donna divinamente salvifica dantesca, incarnata dalla Beatrice della Divina Commedia, o della creatura-angelo di cui tessevano le lodi amorose gli stilnovisti? Laura era di carne e sangue: ma che aspetto mai avrà avuto? Cosa può avere scatenato il turbinio di sentimenti che sembra tracimare dai versi del Canzoniere?
Una risposta, purtroppo, non c’è, ma non si può rinunciare a pensare che l’effigie di Laura dovette circolare a lungo; e forse – ma è solo un’ipotesi lontana – il tempo riserverà, tra antiche carte, la scoperta del ritratto che Simone Martini dedicò alla donna ideale dell’amico.
La prova dell’esistenza del ritratto autentico di Laura viene direttamente dal Canzoniere petrarchesco. Nella fattispecie esce da due sonetti (il LXXVII e il LXXVIII) in cui il poeta evoca un ritratto di Laura frutto dell’arte di Simone Martini, celebre pictor civicus senese che di Petrarca fu sodale. Il dipinto potrebbe risalire al soggiorno avignonese dell’artista, durato dal 1339 – ma si ritiene che il primo viaggio sia avvenuto attorno al 1335 – al 1344 (quindi ai tempi in cui Laura era ancora in vita) e che si intrecciò con quello del Petrarca stesso.
I versi relativi al dipinto perduto risultano assai suggestivi, fin dall’incipit che recita “Per mirar Policleto a prova fiso / con gli altri ch’ebber fama di quell’arte / mill’anni, non vedrian la minor parte / de la beltà che m’ave il cor conquiso. / Ma certo il mio Simon fu in Paradiso / onde questa gentil donna si parte / ivi la vide, et la ritrasse in carte / per far fede qua giù del suo bel viso”. Una lode grandissima ad un ritratto in cui Martini, meglio ancora di Policleto e di altri artisti famosi per la loro abilità, riuscì a cogliere la bellezza del volto (“per far fede qua giù del suo bel viso”) come molti pittori non avrebbero saputo fare nemmeno se si fossero impegnati per mille anni.
I versi del Petrarca, poi, non lasciano dubbi sul luogo dal quale fu ricavato il ritratto: Simone lo dipinse “in Paradiso”, perfetta idea di una bellezza che trascende i vincoli dell’umanità. E non potrebbe essere stato altrimenti, perché “l’opra fu ben di quelle che nel cielo / si ponno imaginar, non qui tra noi / ove le membra fanno a l’alma velo”. Per “Paradiso” dobbiamo però intendere un luogo ideale.
Simone Martini riprodusse la perfetta idea di Laura, senza il vincolo delle sue spoglie mortali. Quindi la chiave interpretativa è proprio questa: fu il paradiso a fornire carte e colori affinché l’artista potesse rendere giustizia ad una bellezza troppo grande perché vincoli umani fossero in grado di incasellarla in una dimensione di pura ordinarietà.
A questo punto la curiosità non può che aumentare. Purtroppo, però, le note iconografiche che il Canzoniere fornisce non sono troppo esaurienti. Certo, parole quali: “Quando giunse a Simon l’alto concetto / ch’a mio nome gli pose lo stile / s’avesse dato a l’opera gentile / colla figura voce ed intellecto” chiariscono le virtù di un ritratto cui, quasi fosse una citazione proto-michelangiolesca sulla verosimiglianza, mancavano soltanto “voce ed intelletto”.
Forse anche Petrarca, rimirando le forme della donna amata fissate sulla carta da Simone, si interrogava sul motivo per il quale non parlasse, tenendo viva la fiamma di un amore comunque inestinguibile. Ed è un peccato che l’opera, andata perduta, non sia più in grado di rivelarci le fattezze di colei che fu capace di suscitare versi così sublimi. Proprio la sublimazione quasi ultraterrena, del sentimento sembra poi far dire al poeta: “di sospir molti mi sgombrava il petto / che ciò ch’altri a più caro a me fan vile”. Netto rifiuto del concetto stesso di appagamento sensuale, seguito da una sorta di resa incondizionata di fronte alla bellezza del quadro che ritrae Laura; quindi un accorato appello per ottenere quelle risposte che il foglio a lungo ammirato non può dare. “Ma poi ch’i vengo a ragionar co’ llei / benignamente assai par che m’ascolte / se risponder savesse a’ detti mei!”. E ancora: “Pigmalion, quanto lodar ti dei / de l’immagine tua, se mille volte / n’avesti quel ch’i’ sol una vorrei!”.
Ma lasciamo per un attimo Francesco Petrarca ai suoi travolgimenti d’amore. C’è infatti un aspetto che colpisce oltremisura: se il quadro gode (e godrà) di fama imperitura grazie proprio alle lodi del poeta, le attestazioni nelle biografie del Martini non dedicano ad esso troppo spazio. Omissione o semplice ammissione di un divertissement che non lasciò troppa traccia di sé nella carriera dell’artista? E se così è stato, che fattezze diede Simone Martini a Laura? E ancora: in quali opere cercare ipotetiche somiglianze? Con le sue madonne stagliate sul fondo dorato? Oppure con le pennellate angeliche utilizzate per decorare la cappella di San Martino ad Assisi?
Resta così il mistero del volto di “madonna Laura”, quasi un rompicapo d’amorosi sensi. A meno di non fidarsi dell’estro di Giorgione e del suo Ritratto di giovane sposa (o Laura appunto), dipinto dal maestro nel 1506. Una bellezza piena, popolana, con un seno scoperto a simboleggiare fecondità, carnalità, con il lauro a richiamarne il nome: Laura, lauro, alloro. Era così dunque Laura? I fianchi generosi, la fronte spaziosa e lo sguardo vagamente vacuo, vestita del ramo di lauro? Evidentemente il modello giorgionesco è molto distante dalla verità celeste di Petrarca e di Martini.
Amor cortese e pulsioni della carne: a chi avrà dato ragione il pittore toscano? Quale suggerimento avranno dato i suoi colori nel momento in cui fu chiamato a regalare al mondo l’immagine vera, reale di una donna che potremmo considerare appartenente alla sfera del mistero?
A quasi settecento anni dalla morte, “Madonna Laura” conserva intatto il suo carisma. Perché non pensare, fantasticare di un Petrarca troppo innamorato per condividerne l’effigie con altri, con occhi meno rispettosi?
Laura rivive nell’inchiostro sgorgato direttamente dal suo cuore. I colori di Simone Martini, invece, se li è portati via il tempo, nella fama immortale dei dipinti perduti. E, di conseguenza, consegnati al mito.

SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE” 

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Rembrandt si fa i selfie. Ecco gli autoritratti del pittore, in movimento. Guardali, che espressioni! Video

Raquel Welch, seduttrice dagli occhi buoni. Meravigliosi anni Settanta sulla sua pelle. Le foto