Home / News / Immagini di grandi Madri mitiche dal gigantesco lato B
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Immagini di grandi Madri mitiche dal gigantesco lato B

Una ulteriore, proficua  collaborazione tra le due Soprintendenze dell’Abruzzo, quella Archeologica e quella dei Beni Storici Artistici  ed Etnoantropologici,  ha reso possibile rendere omaggio al ruolo della donna come madre, attraverso un suggestivo percorso  tra antichi reperti archeologici e importanti  opere d’arte del patrimonio abruzzese. Nel ventre dell’Abruzzo dormono, immensi tesori e  periodicamente,  grazie al certosino lavoro di scavo o a ritrovamenti occasionali,  riaffiorano  testimonianze dormienti da secoli o anche da millenni.

Raccontano sempre nuove storie di uomini e soprattutto di donne, documentando l’altissimo livello di civiltà raggiunto dalle gens italiche abilissime  nel  produrre utensili d’ogni genere e raffinati monili. Ma ciò che più conta, questi reperti attestano culture ben organizzate, non a caso in grado di raggiungere  un’aspettativa di vita particolarmente elevata la quale sarà ridimensionata al tempo della dominazione romana.
In età preistorica la rappresentazione è affidata a immagini a volte di difficile interpretazione, ma con tratti che rimandano agli elementi essenziali della donna e del suo ruolo di madre, dispensatrice della vita; i tratti antropomorfi dell’eccezionale ciottolo dipinto in ocra rossa da Ortucchio (Aq), datato al Paleolitico superiore (13.000-11.000 anni fa), suggeriscono un richiamo alle “Veneri” preistoriche.

Un’altra tappa del percorso è rappresentata dall’idoletto neolitico, proveniente dall’insediamento preistorico di San Callisto a Popoli (Pe): la figura, dai glutei fortemente accentuati, come in numerose altre raqppresentazioni dell’epoca, indica una centralità dell’immagine femminile nello scenario religioso dell’epoca, tanto da potervi riconoscere una Grande Madre o Dea Madre “simbolo archetipico della fertilità e del carattere elementare, soccorrevole, protettivo, nutriente”.
Prerogative che riemergono anche in età classica nelle tre statue rinvenute nel 2003 a Luco dei Marsi (Aq), nel santuario dedicato alla dea Angizia. La dea in terracotta, seduta su un trono, nella sua armonica compiutezza è un  modello iconografico che racchiude una ricca esperienza  ripresa e sviluppata poi  a distanza di secoli. La statua presenta una particolare cura nella resa di alcuni dettagli: le pieghe e la trasparenza delle vesti modellate nell’argilla e la sinuosità del morbido cuscino, sul quale siede la dea, hanno un effetto di grande suggestione.
Associata alla dea, nella quale è possibile riconoscere una divinità matronale legata ai cicli vitali, due statue in marmo di Demetra/Cerere e Venere/Afrodite, di bottega rodia del II sec. a.C., rimandano al tema della fertilità e dell’amore, qui tradotto nelle forme di pregevoli manufatti.

Venere di Willendorf, XXII millennio a.C.

Venere di Willendorf, XXII millennio a.C.



Al tema della vita rimanda anche la statuetta in terracotta della kourotrophos, rinvenuta nel santuario di Ocriticum (Cansano, Aq); databile nell’ambito al IV sec. a.C.: una delle più antiche testimonianze in Abruzzo della rappresentazione della madre-nutrice, la donna che assicura con la propria esistenza la speranza della crescita, oltre il nostro tempo.
Ancora nel Medioevo è la Madre Terra,   felicemente irrigata dai percorsi fluviali, a rappresentare la principale sorgente di vita in questa regione impervia, di montagne, di valli e di orridi, dove è la donna il porto sicuro, il  punto fermo di una umanità  in perenne cammino con l’alternanza delle lunghe,  silenziose e operose tappe  di pellegrini, uomini d’arme, mercanti e pastori. Che la donna sia il fulcro di questo peregrinare lo dichiarano  innanzitutto i culti, ma anche  le tradizioni e i saperi che si svilupparono nell’ambito della cultura agro-pastorale,  all’interno di una società matriarcale che contribuì con la forza dei fornelli e dei telai a preservare   un rapporto sano ed equilibrato con la Natura, governato dal fluire armonioso delle stagioni. E’ un’operosità diffusa, senza sprechi, che mira a far tesoro di tutte le risorse,  raccolte e ottimizzate per superare gli inevitabili disagi provocati soprattutto dal rigido clima invernale, dalle  catastrofi naturali, dalle pandemie periodiche.
La consapevolezza dei valori sottintesi dalle testimonianze archeologiche e storico artistiche  ha ispirato il progetto di questa piccola mostra costituita da poche ma assai rilevanti opere d’arte, indicative di un lungo, interminabile percorso che va dalla Preistoria al Rinascimento senza soluzione di continuità.
Nel manifesto della mostra sono state accostate due opere emblematiche: la straordinaria terracotta ritrovata nel santuario della dea Angizia,  nume tutelare del Fucino, e la Sant’Anna Metterza,  connessa in prestito dall’arcidiocesi di Chieti-Vasto, madre di tutte le madri non solo della Majella. La prima non è soltanto una eccelsa testimonianza dell’arte fittile, che in Abruzzo si è sviluppata in epoche remote ed ha avuto un nuovo mirabile picco con la produzione statuaria d’età rinascimentale, è soprattutto  un tributo ad una ‘presenza’ del territorio marsicano densa di risvolti simbolici e magici ancora tutti da sviscerare, per dissipare non pochi luoghi comuni e azzardate interpretazioni.

Di questa  ‘presenza’  c’è un riflesso anche nell’immaginifico Gabriele d’Annunzio, che  non a caso chiama  Angizia  la protagonista de La fiaccola sotto il moggio, ovvero la figlia di un serpaio di Luco la quale “portava il nome della montagna amara”  e per amore e interesse uccide con il veleno la moglie del proprio padrone.
Ma il grande poeta ci consegna anche alcune poetiche descrizioni  della  Magna Mater nelle Laudi, in Elettra, rivelando ancora una volta una grande capacità di comunicare l’essenza più intima della sua  terra amatissima.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Arte. Chi sono le Guerrilla Girls? E perchè indossano le maschere da gorilla? Breve video Tate

Come realizzare in casa questa affascinante scultura trasparente a grandezza naturale. Il video