Home / Aneddoti sull'arte / InGoya il rospo. Lo spagnolo bocciato, vinse un raccomandato
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Francisco Goya, "Annibale vincitore, che rimira per la prima volta dalle Alpi l’Italia", l'opera con la quale partecipò e perse al concorso italiano

InGoya il rospo. Lo spagnolo bocciato, vinse un raccomandato

Paolo Borroni, Il genio della guerra guida Annibale attraverso le Alpi, cm 89x125

Paolo Borroni, Il genio della guerra guida Annibale attraverso le Alpi, cm 89×125

 

di Federico Bernardelli Curuz

Anche un mostro sacro della pittura come Francisco Goya per una volta si è dovuto accontentare del secondo posto. E’ proprio ciò che è avvenuto al concorso tenutosi nel 1771 all’Accademia di Parma. Il pittore spagnolo si trovava in Italia, e più precisamente a Roma, per studiare le antiche bellezze artistiche, e decise di inviare l’opera da sottoporre a giudizio nella città emiliana. Reduce già da alcune delusioni, avendo partecipato appunto per due volte al concorso dell’accademia di San Fernando a Madrid, sceglie Parma poiché, essendo la città collocata sotto l’influenza borbonica – “l’alto patrocinio” era infatti di competenza del duca Ferdinando, nipote del re Carlo III -, ed essendo i suoi concorsi tra i più ambiti in tutta Italia, una eventuale vittoria avrebbe raggiunto con una forte eco anche il territorio iberico. Francisco Goya assegnò grande importanza alla creazione dell’opera, dimostrata dall’esistenza – come riferisce Simona Tosini Pizzetti in Goya e la tradizione italiana, Silvana Editoriale – “di ben due bozzetti, uno dei quali curatissimo, ora al Museo di Saragozza, dei disegni preparatori presenti sul Cuaderno italiano (ben cinque, tra i quali uno studio per la testa di Annibale e del Genio, ndr), due rapidi schizzi a sanguigna, e dalla radiografia che mostra parecchi pentimenti”.

goya-concorso

L’elegante e possente opera con la quale Goya partecipò al concorso, perdendolo


Il tema dell’opera, legato al mondo classico, in voga in quegli anni, viene presentato dall’abate Innocenzo Frugoni, segretario dell’accademia di Parma fino al 1768, in un suo sonetto: “Vorrebesi ategiato Annibale in tal guisa, che alzandosi la visiera dell’elmeto e volgendosi ad un Genio, che lo prende per la mano, accennase da lungo le belle Campagne della suggeta Italia, e dagli occhi, e da tutto il volto l’interna gioia gli trapelasse, e la nobile fiducia delle vicine vittorie”. Il dipinto sconfitto, che Goya intitola  “Annibale vincitore, che rimira per la prima volta dalle Alpi l’Italia”, testimonia il grande talento, forse ancora acerbo, e la potenza espressiva che caratterizzeranno la produzione artistica di Goya. Annibale appare nel mezzo della scena – illuminato da un bagliore quasi accecante – affiancato da un angelo e da un cavaliere; mentre ai suoi piedi la figura di un minotauro, simboleggiante il fiume Po lo osserva. Il condottiero osserva il “Bel Paese” e alle sue spalle sfila una lunga processione di soldati al di sopra dei quali si scorge il carro della vittoria. L’atmosfera irreale che pervade l’opera è ottenuta utilizzando toni freddi: il grigio e l’azzurro delle armature e degli elmi, e il viola delle nubi e dello sfondo. Alle spalle del protagonista sfila una lunga schiera di soldati; solo la figura del uomo dalla testa di toro viene accesa da toni caldi, fornendo a Goya – secondo Simona Tosini Pizzetti – “il pretesto per mettersi alla prova nella rappresentazione di un torso muscoloso, sulla falsa riga dei disegni presenti sul Cuaderno italiano”.

L’esito della competizione non è favorevole al venticinquenne spagnolo, che ottiene sei voti dalla giuria e un giudizio che recita: “Vi si è osservato con piacere un maneggio facile di pennello, una calda espressione del volto, e nell’attitudine di Annibale un carattere grandioso, e se più al vero s’accostassero le sue tinte, e la sua composizione all’argomento, avrebbe messo in dubbio la palma riportata dal primo”. Il primo tra gli undici partecipanti fu un certo Paolo Borroni (1749-1819), pittore modesto e oggi praticamente sconosciuto, con il suo Il Genio della guerra guida Annibale attraverso le Alpi.

 

GRATIS, QUANTO VALGONO LE INCISIONI DI FRANCISCO GOYA. CLICCA SUL LINK QUI SOTTO

www.christies.com/LotFinder/searchresults.aspx?entry=francisco%20goya&searchtype=p&searchFrom=auctionresults

 

VIDEO FILMATO, VIAGGIO TRA LE OPERE DI FRANCISCO GOYA

 

SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E “STILE ARTE”, VAI ALL’INIZIO DI QUESTA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”

 

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Marietta Robusti, vita e morte prematura dell’adorata figlia pittrice di Tintoretto

Susanna e i vecchioni nell’arte: molestie, libidine, onestà. I pittori e la storia. Il video