Home / News / Joshua Reynolds – Il Consesso degli idioti e il modello della Scuola d’Atene di Raffaello
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Joshua Reynolds – Il Consesso degli idioti e il modello della Scuola d’Atene di Raffaello

Il consesso degli idioti foto 1

 

Il consesso degli idioti

In questo dipinto Reynolds realizzò la parodia della Scuola di Atene; una caricatura beffarda del mondo intellettuale dell’epoca, segnato da

 

 

uno sbiadito e ossessivo culto dell’Antichità.

Il consesso degli idioti foto 1

RAFFAELLO SANZIO, Scuola di Atene (particolare), 1510, affresco, base cm.770 ca., Stanza della Segnatura, Città del Vaticano, Palazzi Vaticani

RAFFAELLO SANZIO, Scuola di Atene (particolare), 1510, affresco, base cm.770 ca., Stanza della Segnatura, Città del Vaticano, Palazzi Vaticani

di Federico Bernardelli Curuz

In una grandiosa cattedrale gotica, una nutrita e caotica compagine di inglesi è riunita in un consesso. Al centro della navata, aperta verso il fruitore come un vasto proscenio, stanno due gentiluomini impegnati in un confronto, a cui assistono alcuni degli individui che li attorniano.

Questo quadro di Jushua Reynolds del 1751 ricorda subito la Scuola di Atene di Raffaello, affresco denso di riferimenti cifrati allusivi ad una riflessione di matrice neoplatonica sul sapere e sul trascendente. E in effetti, l’opera del pittore britannico ha molto a che fare con il capolavoro del Sanzio: ne è nientemeno, la dichiarata (fin dal titolo) parodia. Le nobili dissertazioni filosofiche dei pensatori greci cedono qui il passo a speculazioni decisamente meno elevate. Platone e Aristotele vengono rimpiazzati da due pingui e sguaiati signori i quali, anziché suggerire una ponderata analisi sulla trascendenza e sui fenomeni, si perdono in futili elucubrazioni. Il gruppo dei geometri, raffigurati nella parte destra dell’affresco nell’atto di seguire con concentrata partecipazione la spiegazione di un disegno effettuata da Euclide, è sostituito da una schiera di distratti personaggi, uno dei quali, invece di afferrare un compasso come il maestro, prende una bacchetta verso dei cani. A fare le veci di Eraclito – rappresentato da Raffaello come un uomo pensoso che sta scrivendo seduto da solo separato dai dotti -, ecco un vecchio dall’espressione arcigna.


Anche l’ambiente architettonico è mutato: se l’Urbinate aveva immaginato una maestosa basilica eretta a guisa di tempio classico, Reynolds colloca la sua assemblea all’interno – lo si ricordava – di un edificio gotico. I quattro gradini della scalinata al centro della composizione cinquecentesca, emblemi delle discipline propedeutiche alla filosofia (musica, aritmetica, geometria e astronomia), vengono qui ridotti a tre, perdendo ogni valenza allegorica. Insomma, quella descritta dal pittore britannico è un’adunanza di indolenti bighelloni intenti a leggere con svogliatezza giornali e pamphlet, suonare, arieggiarsi con ventagli o, banalmente, poltrire.

Il destinatario ideale del quadro, concepito in Italia, era uno spettatore colto, in grado di collegare questa farsa all’insigne assemblea di filosofi della Stanza della Segnatura in Vaticano. Il culto dell’Antichità, divenuto epidermico nell’Europa del Settecento, non aveva esentato l’Inghilterra, ove aveva sortito impressioni antitetiche: lo sbiadito accademismo propugnato da non pochi artisti era tacciato da altrettanti colleghi di inanità: gli estimatori di ciò che Winckelmann  definiva “ nobile semplicità” e “quieta grandezza” erano il bersaglio degli scherni di maestri quali Hogarth e, appunto, Reynolds.

Con questa irreverente mascherata, l’autore intendeva infatti svolgere una critica articolata su due livelli: da un lato veniva ridimensionata e volgarizzata la norma dell’Urbinate, rendendone accessibile l’invenzione pittorica sotto le sembianze di una satira; dall’altro, invece, era dileggiato il gusto archeologico dei contemporanei, tanto degli artisti quanto dei collezionisti, che si riversavano nel Belpaese alla forsennata ricerca di souvenir d’epoca.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Le beffe di Tintoretto, le pubblicità di Canaletto sui primi giornali

Tatuaggi, arte da Biennale. L’antologia dei tatoo che sfruttano la forma delle natiche. La donna-piovra

148 Condivisioni
Condividi148
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp