Home / Gli animali nell'arte / Conosci la storia e l’uso propagandistico della statua della chimera? Scoprili in un minuto
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Conosci la storia e l’uso propagandistico della statua della chimera? Scoprili in un minuto

di Sandra Baragli

Chi non conosce la statua bronzea della Chimera, oggi conservata al Museo Archeologico di Firenze? Com’è noto, il mostro (datato alla fine del V secolo a.C.) appare ferito, la testa caprina sollevata verso un lato (dove doveva trovarsi, forse, in origine, la figura di Bellerofonte, che, secondo il mito, uccise la Chimera in un terribile scontro), mentre si ritrae sulle zampe posteriori, con il corpo in grande tensione che lascia intravedere la muscolatura e le ossa, la bocca spalancata, sofferente. La coda, serpentiforme, fu rinvenuta spezzata e ricreata ex novo nel XVIII secolo. L’iscrizione Tinscvil su di un arto ne indicò, da subito, l’appartenenza etrusca.


La statua fu scoperta nel XVI secolo ad Arezzo, reclamata da Cosimo I de’ Medici per la sua collezione e collocata da Vasari nella Sala delle Udienze in Palazzo Vecchio, dove simboleggiava i nemici interni ed esterni sottomessi dal Granduca, novello Bellerofonte. All’epoca, infatti, Cosimo I aveva scelto di legittimare il nascente Stato mediceo facendo riferimento al passato etrusco della regione, e l’esibizione di opere etrusche o presunte tali – e, più tardi, romane – ne veicolava la propaganda politica.

La Chimera del Museo Archeologico di Firenze

La Chimera del Museo Archeologico di Firenze

Nonostante l’importanza di questa ed altre grandi sculture fiorentine – come l’Arringatore e la Minerva -, poco note sono le vicende collezionistiche che le riguardano. Cristiana Zaccagnino nel pregevole volume “Il catalogo de’ bronzi e degli altri metalli antichi” di Luigi Lanzi. Dal collezionismo mediceo al museo pubblico lorenese, edito di recente da La Stanza delle Scritture, ricostruisce proprio l’origine di tali raccolte, attraverso lo studio accurato del catalogo eseguito nel Settecento da Lanzi (catalogo arricchito dalle bellissime tavole di Francesco Marchissi) per il Granduca Pietro Leopoldo.

Fu soltanto nel Settecento, infatti, che si cominciò a sentire la necessità di ordinare i materiali per tipologie e colmarne le lacune, e negli anni Ottanta del Secolo dei lumi le gallerie furono finalmente aperte ad un pubblico pagante, secondo una concezione di museo più moderna. E in quest’ambito, l’opera di Luigi Lanzi ha offerto un contributo ineguagliabile.

SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”

Cristiana Zaccagnino, “Il Catalogo de’ bronzi e degli altri metalli antichi” di Luigi Lanzi. Dal collezionismo mediceo al museo pubblico lorenese, La Stanza delle Scritture, 160 euro (volume + cd).

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Ninfee di Monet – Storia, tecniche, segreti e valori. I quadri dei fiori d’acqua. E il video

Perchè i macchiaioli furono annientati dagli impressionisti?

150 Condivisioni
Condividi150
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp