Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

La notte, le luci, i riflessi. Come l'incanto dei lampioni cambiò radicalmente la pittura

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Un secolo importante di trasformazioni, il 19° secolo vide il paesaggio notturno evolversi radicalmente con l’apparenza di illuminazione artificiale. Lungo buio, la notte si illumina gradualmente, adornandosi con atmosfere più varie. Giochi di luci e ombre, chiaroscuri, retroilluminazione, primi spot al neon. Appare una nuova gamma di esperienze visive, tinte di magia e poesia specifiche per il mondo della notte.
https://www.youtube.com/watch?v=XKcDFEiX6VI

Maxime Maufra, Féérie nocturne, Exposition Universelle 1900, 1900 huile sur toile, 65,5 x 81,3 cm, Reims, musée des Beaux-Arts, legs Henry Vasnier © Reims, Musée des Beaux-Arts / C. Devleeschauwer

Tra fascino, ammirazione, curiosità e nostalgia, queste metamorfosi notturne segnano fortemente gli artisti. In tutta Europa, pittori, incisori, fotografi, i più aperti alle manifestazioni della modernità, ne fanno un soggetto preferito. Con Electric Nights, il MuMa di Le Havre – 2 luglio, 1 novembre 2020) esplora per la prima volta questa domanda sulla percezione dell’illuminazione artificiale urbana da parte degli artisti dalla seconda metà del XIX secolo fino alla vigilia della prima guerra mondiale.
Il lampione, icona della “città della luce”
L’arrivo dell’illuminazione urbana modifica notevolmente l’aspetto dei centri urbani. Appaiono nuove sagome: quelle di lampioni, bruciatori a gas e altri globi elettrici che illuminano le strade delle grandi città. Gli artisti, sensibili a queste trasformazioni, integrano questi nuovi schemi nelle loro composizioni riservando presto un posto per loro in maestà. La grande varietà di forme di lampioni è sontuosamente svelata dalla prima serie fotografica a lui dedicata da Charles Marville. Il lampione diventa un simbolo di modernità e un’icona della “città delle luci”.
https://www.youtube.com/watch?v=arbQjNiR2X0
Un paesaggio notturno ancora molto contrastato
Nonostante l’aspetto dell’illuminazione artificiale, l’umore della notte rimane contrastato. L’oscurità rimane in alcuni punti. La luminosa Parigi è contrapposta a una losca Parigi, quella dei quartieri popolari, della periferia, dove l’illuminazione è molto più scarsa, irregolare e discontinua. Secondo la loro sensibilità, gli artisti ripristinano lo sfarzo dei quartieri della Parigi festiva e commerciale, mentre altri si sforzano di evocare l’oscurità delle secche.
Nuove esperienze visive
La traversata notturna della città genera nuove e varie esperienze visive alle quali gli artisti che mettono la luce al centro delle loro preoccupazioni non possono rimanere indifferenti. Caldo o freddo, accecante o morbido, fisso o mobile, leggero, sia esso gas o elettrico, varia e cambia il suo ambiente. Le strade luminose confinano con altre più buie e la Città delle Luci è molto più complessa di quanto sembri. Presto la notte diventerà colorata sotto l’effetto delle prime insegne pubblicitarie al neon.
Notturni fotografici
Negli ultimi anni del XIX e all’inizio del XX secolo, la fotografia e poi il cinema hanno aperto una nuova strada nella rappresentazione della notte. I contrasti consentiti dalla luce artificiale offrono ai fotografi un’opportunità unica per catturare la vita notturna. I primi cineasti, d’altra parte, hanno uno strumento unico con l’elettricità per sviluppare le loro tecniche.
Luce consacrata / luce in maestà
Alla vigilia della prima guerra mondiale, l’illuminazione elettrica era essenziale ovunque, anche se il gas continuerà a alimentare i lampioni durante il periodo tra le due guerre. Affascinati da tutte le manifestazioni della vita moderna, gli artisti d’avanguardia guardarono la nuova luce in faccia, per catturare la pura energia fino al punto di abbagliare. Le opere si decostruiscono e poi diventano giochi di colore astratti come il prisma di luce.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!