Home / News / La prostituzione nell’arte. A Parigi. Perché le meretrici erano considerate un’istituzione?
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

La prostituzione nell’arte. A Parigi. Perché le meretrici erano considerate un’istituzione?

Parigi si è a lungo interrogata sulla “cultura del bordello” che caratterizzò la capitale francese soprattutto nel XIX secolo. E’ chiaro che la prostituzione è sempre esistita, ma la cultura della prostituzione entra in azione quando le ricchezza viene distribuita. E la consumazione del sesso – secondo la logica dell’acquisto – diventa esso stesso un atto economico, uno status symbol e un indizio di esuberanza sessuale che procedono sulla stessa linea: quello della prosperità di chi esibisce il pagamento. Il passaggio dalla cortigiana – che può utilizzare il sesso, che è solo una delle tanti armi a disposizione – alla proliferazione nelle case di piacere è collegato, in modo preponderante, allo sviluppo della borghesia che trova un modo amorale – ma, a quei tempi non considerato del tutto immorale – per il salvataggio della famiglia, come presidio sociale ed economico, come punto indiscutibile di tranquillità per l’impegno economico. Il lavoro borghese è pesante, continuativo; non prevede alcuna distrazione protratat, che non sia essa stessa frutto di un interlocuzione con la logica del mercato. Pagando, si consuma. Pagando, all’interno di strutture protette si tiene l’eros e l’attrazione poligamica al di fuori della cerchia della famiglia, senza aver alcuna ricaduta su di essa. Si tendeva ad eliminare ogni possibilità di legami segreti d’amore, poichè essi erano considerati nefasti per l’ordine della famiglia e della società.

Nel secolo borghese, per antonomasia, si assiste a aumento della prostituzione, compresa la prostituzione clandestina. Questo era tollerato e non costituiva un crimine a condizione che fosse concepito principalmente dai bordelli.
Specie dopo lo studio monumentale della prostituzione nella città di Parigi, condotto e scritto da Alexandre Parent-Duchatelet nel 1836, si è persino ritenuto che la prostituzione fosse un male necessario, soprattutto se sottoposta a regolari controlli di tipo medico, che tendevano a ridurre i contagi. Così, l’equilibrio della società e l’armonia coniugale erano preservati.
Ma all’interno di questa situazione, si moltiplica anche la prostituzione clandestina, in una mercificazione totale di ogni rapporto che diviene, da parte degli intellettuali segno del declino morale della borghesia stessa e dell’economia di mercato applicata ad ogni interazione umana. La prostituzione non deve apparire, ufficialmente, poichè la borghesia è farisaica. Gli artisti inseriscono così crescenti indizi, nei loro dipinti, che portano ad identificare tradizionali soggetti femminili, come aggressive donne da comprare.

L’Olympia di Edouard Manet – il soggetto era immediatamente riconoscibile dal pubblico dell’epoca – ha aperto la strada alla modernità. Il dipinto fu presentato al Salon del 1865 e accettato dalla commissione, contemporaneante a un secondo quadro di Manet: Gesù insultato dai soldati. Il fatto che Manet avesse presentato i due dipinti,insieme, era già uno scandalo in sé. Parve immediatamente blasfemo e provocatorio che questa donna fosse stata portata da Manet, al Salon, con una scena evengelica di grande dolore. Eppure non poteva sfuggire, agli intellettuali, la violenza sull’umano, che reggeva entrambe le opere.

Manet non mostra una languida Venere in una posa seducente, ma una donna reale, attiva, aggressiva, volgare. Il corpo è dipinto in modo crudo, senza idealizzazione, senza modellazione. Anche il gatto che Manet ha aggiunto all’ultimo minuto alla composizione ha provocato l’ira del pubblico che ha visto un’allusione al sesso femminile – “chatte”- gatta. Le donne e i luoghi della prostituzione divennero pertanto un luogo parallelo, come dimostrò, con assoluta penetrazione psicologia, Toulouse Lautrec.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Accoltellato il figlio di Tiziano. Tre moventi per un crimine. Investigare nel mondo dell’arte

Vita scandalosa e grandi opere di Leonor Fini, pittrice surrealista

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp