Home / News / La ricerca del tesoro di Alarico nel fiume, tra indizi, burocrazia e tanta speranza
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

La ricerca del tesoro di Alarico nel fiume, tra indizi, burocrazia e tanta speranza


alarico 3

La Soprintendenza ha bloccato ogni lavoro di ricerca del favoloso tesoro di Alarico, ricerca promossa dagli enti locali. L’opposizione della Soprintendenza era prevedibile in un Paese estremamente conflittuale come l’Italia, nella quale anzichè individuare possibilità di collaborazione, ogni potere pone un veto agli altri poteri, vanificando e rendendo pericolosa qualsiasi iniziativa.
Ricerche sistematiche, con strumentazoni di rilievo, erano in corso a Cosenza, nei pressi del letto del fiume Busento, dove secondo narrazioni leggendarie, sarebbe stata scavata la tomba del re dei Visigoti Alarico, dotata, si dice, di un ricco corredo funebre, in parte composto da quelle 25 tonnellate d’oro e 150 d’argento che era il tesoro accumulato dalla popolazione barbarica, durante l’invasione e il sacco di Roma. Alarico, nel 410, dopo aver devastato la capitale dell’impero, scendeva a Sud, alla ricerca di grano per sfamare il proprio popolo e si accingeva ad attraversare il mare, diretto in Africa, quando, a Reggio Calabia, fu bloccato da tempeste che avevano distrutto le prime imbarcazioni che avevano tentato la partenza. Si fermò così in Calabria, in attesa che le condizioni migliorassero o comunque decise di temporeggiare e forse a riconsiderare l’idea della traversata, comunque pericolosissima per un popolo che non conosceva il mare. Evidentemente stava affrontando una manovra di ripiegamento perchè aveva lasciato la costa e si era portato più a Nord. A Cosenza fu colpito da una malattia e morì. A questo punto, secondo le narrazioni, sarebbe stata costruita una tomba inviolabile. Gli schiavi avrebbero deviato a monte il corso del fiume Busento, avrebbero scavato una camera sepolcrale, dove sarebbe stato calato il re con il corredo funebre. Sigillata la camera dell’ipogeo, i visigoti avrebbero ripristinato il corso del fiume, creando la perpetua inviolabilità della tomba. Com’è noto, letteratura e leggende tendono a rielaborare, magari amplificando, notizie reali. Così, per quanto lontane, si tende a valutare un nucleo di verità in quelle leggende. Con una parte dei fondi finalizzati alla sistemazione delle sponde del corso d’acqua, il Comune calabrese ha pertanto deciso di incaricare esperti di ricerche sotterranee, coadiuvati da volontari. Le strumentazioni hanno già evidenziato in alcuni punti la presenza di antichi muri e cavità, come è testimoniato nel filmato di Telecosenza.

Un'incisione ottocentesca illustra la sepoltura di Alarico nel letto del Busento

Un’incisione ottocentesca illustra la sepoltura di Alarico nel letto del Busento

La presenza di murature e di elementi architettonici regolari, rilevati dalle strumentazioni in un punto del fiume

La presenza di murature e di elementi architettonici regolari, rilevati dalle strumentazioni in un punto del fiume

La vicenda di Alarico ebbe una vasta risonanza nell’Ottocento, quando il poeta August von Platen-Hallermünde scrisse Das Grab im Busento, (La tomba nel Busento) con una rappresentazione romantica della morte e della sepoltura di Alarico. Il brano fu tradotto da Giosuè Carducci. La storia del re del Nord che aveva schiacciato Roma e l’Impero contribuì, con altro materiale mitico, ad alimentare il mito delle virtù guerriere della Prussia prima e della Germania, poi. Nella seconda metà degli anni trenta Heinrich Himmler visitò la zona, con gli uomini della Ahnenerbe, i cacciatori nazisti delle radici ariane. Il mito di Alarico nell’ideologia nazista era di grande importanza. Goebbels elencava il tesoro del re barbaro come simbolo irrinunciabile del Reich. Il capo dell’SS era sceso in Calabria per controllare una archeologa francese, Amélie Crevolin che voleva dragare fino a otto metri sotto il ponte di Laurignano. Da allora, pur con le limitazioni imposte da una legge che punisce scavi e ricerche abusive, il tesoro è stato cercato soprattutto sulle sponde del fiume, ma non è stato oggetto di un lavoro scientifico.
Molto interessato agli sviluppi della vicenda si è dichiarato anche il politologo americano Edward Luttwak, che rimprovera all’Italia di non incentivare la ricerca di tesori con la concessione di una percentuale e che suggerisce il coinvolgimento del governo israeliano per l’utilizzo di elicotteri dotati di una strumentazione segreta, in grado di individuare armi e metalli, anche a considerevole profondità, nel sottosuolo.



Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

La luna artistica per il bagno di mezzanotte. Il pianeta romantico ricostruito in piscina a Parigi

Lo stile degli anni Cinquanta. In 54 foto la storia e il sentimento di un decennio cruciale. Il video