Home / News / La torre pendente di Pisa è sempre meno pendente/ The leaning Tower of Pisa is less and less leaning
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

La torre pendente di Pisa è sempre meno pendente/ The leaning Tower of Pisa is less and less leaning

La Torre di Pisa è sempre più dritta… A rischio le tanto popolari foto di turisti appoggiati alla costruzione pendente. Proprio così. Lavori di consolidamento delle fondamenta della torre, eseguiti fra il 2001 ed il 2013 hanno permesso il recupero di circa 2,5 centimetri di strapiombo. Ciò emerge dal rapporto annuale del Gruppo di sorveglianza della Torre di Pisa, creato proprio nel 2001 dopo la riapertura al pubblico del monumento-simbolo di Pisa e dell’Italia.

Il primo lavoro per la messa in sicurezza della torre – nel 2001 – sotto la direzione di Michele Jamiolkowski fu la cerchiatura del primo piano con 18 cavi di acciaio di 2 centimetri di diametro come misura temporanea di rinforzo strutturale. Quindi gli interventi nel sottosuolo con il congelamento del terreno sotto la torre, l’estrazione di antichi blocchi di conglomerato risalenti a 150 anni fa e la loro sostituzione con una trave di cemento armato e l’ ancoraggio ad essa con cavi in acciaio ad una profondità di 52 metri.

LA TORRE DI PISA

Piazza dei Miracoli

La torre di Pisa, meglio conosciuta come torre pendente di Pisa è il campanile della Cattedrale di Santa Maria Assunta, nella celeberrima Piazza del Duomo. Eretta nell’arco di due secoli,tra il dodicesimo e il quattordicesimo. I lavori di costruzione delle fondamenta della torre iniziarono il 9 agosto 1173. Alcuni studi tra i più recenti attribuiscono la paternità del progetto a Diotisalvi, che nello stesso periodo stava costruendo il Battistero. Altri suggeriscono invece Gherardi, mentre secondo il Vasari i lavori furono iniziati da Bonanno Pisano.

La prima fase dei lavori fu interrotta a metà del terzo piano, a causa del cedimento del terreno su cui sorge la base del campanile. La cedevolezza del terreno, costituito da argilla molle normalconsolidata, è la causa della pendenza della torre e, sebbene in misura minore, di tutti gli edifici nella piazza.

I lavori ripresero nel 1275 sotto la guida di Giovanni di Simone e Giovanni Pisano, aggiungendo alla costruzione precedente altri tre piani. Nel tentativo di raddrizzare la torre, i tre piani aggiunti tendono ad incurvarsi in senso opposto alla pendenza.

Il campanile fu completato alla metà del secolo successivo, aggiungendo la cella campanaria.

Il monumento é alto 58,36 metri sul piano di fondazione, ed oltre 55 fuori terra. Il suo peso é stato calcolato in 14.453 tonnellate,

Già nell’Ottocento si tentò di raddrizzare la torre. Il campanile fu infatti interessato da importanti restauri, che portarono, ad esempio, all’isolamento del basamento della torre. I lavori, effettuati sotto la direzione di Alessandro Gherardesca, contribuirono a sfatare definitivamente la teoria, sostenuta da alcuni studiosi dell’epoca, secondo la quale il campanile sarebbe stato pensato pendente sin dalla sua origine.

 

Per informazioni e approfondimenti CLICCA SULLE COPERTINE E ACQUISTA I LIBRI dedicati alla storia della torre di Pisa:

La torre pendente. Storia e interpretazione del campanile del Duomo di Pisa di Mauro Ronzani, Valerio Ascani

La torre pendente. Storia e interpretazione del campanile del Duomo di Pisa
di Mauro Ronzani, Valerio Ascani

Breve storia della torre di Pisa di Piero Pierotti

Breve storia della torre di Pisa
di Piero Pierotti

 La Torre di Pisa. Storia di un errore architettonico di Nicholas Shrady

La Torre di Pisa. Storia di un errore architettonico
di Nicholas Shrady

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

This article  has been translated by translate.google.it

The Tower of Pisa is more straight … At the risk so popular photos of tourists leaning against the building pending. Just like that. Works of consolidation of the foundations of the tower, made between 2001 and 2013 have allowed the recovery of about 2.5 inches of overhang. This emerges from the annual report of the Monitoring Group of the Tower of Pisa, created in 2001 after its reopening to the public of the symbolic landmark of Pisa, Italy.

The first job for the safety of the tower – in 2001 – under the direction of Michele Jamiolkowski was the hoop on the first floor with 18 steel cables than 2 centimeters in diameter as a temporary measure to reinforce the structure. So the sub-surface with the freezing of the ground beneath the tower, the extraction of ancient blocks of conglomerate dating back to 150 years ago and their replacement with a concrete beam el ‘anchor to it with steel cables to a depth of 52 meters.

 

THE TOWER OF PISA

The tower of Pisa, better known as the Leaning Tower of Pisa is the bell tower of the Cathedral of Santa Maria Assunta, in the famous Piazza del Duomo. It was built over two centuries, between the twelfth and fourteenth. The construction of the foundations of the tower began Aug. 9, 1173. Some of the most recent studies attribute the authorship of the project to Diotisalvi, which at the same time he was building the Baptistery. Others suggest instead Gherardi, while according to Vasari, the work was begun by Bonanno Pisano.

The first phase of the work was interrupted midway through the third floor, due to the subsidence of the land on which stands the base of the tower. The compliance of the ground, consisting of springs normally consolidated clay, is the cause of the slope of the tower and, although to a lesser extent, of all buildings in the square.

The work began in 1275 under the guidance of Giovanni di Simone and Giovanni Pisano, adding to the previous building three more floors. In an attempt to straighten the tower, the three additional floors tend to curl in the opposite direction to the slope.

The bell tower was completed in the middle of the next century, adding the belfry.

The monument is 58.36 meters high on the foundation, and over 55 above ground. Its weight has been estimated at 14,453 tons,

Already in the nineteenth century they tried to straighten the tower. The bell tower was in fact affected by major renovations, which led, for example, the isolation of the base of the tower. The work, carried out under the direction of Alessandro Gherardesca, helped to dispel the final theory, advocated by some scholars of the time, according to which the bell would have been thought pendant from its beginning.

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

“Titus amatissimo”, “Adorato papà”. L’amore in casa Rembrandt e la triste fine della famiglia

Wynn Bullock, grande maestro della fotografia. Composizione e poesia. Il video delle immagini