Home / Aneddoti sull'arte / Albero dei peni e dell’abbondanza a Massa Marittima: significato politico, storia
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Albero dei peni e dell’abbondanza a Massa Marittima: significato politico, storia


Affresco Massa Marittima; significato, storia, simboli, epoca, studi, analisi

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

L'edificio, coperto, che protegge le vasche d'acqua. E' visibile, sul fondo, il dipinto murale

L’edificio, coperto, che protegge le vasche d’acqua. E’ visibile, sul fondo, il dipinto murale

Il misterioso albero dei peni e dell’abbondanza, un ampio dipinto parietale realizzato nel XIII secolo a Massa Marittima, nasconde un significato celebrativo di natura politico-amministrativa.

Un approfondito studio realizzato da Maurizio Bernardelli -e pubblicato da Stile arte – scioglie il mistero dell’opera che rappresenta, tra l’altro, come una sorta di albero natalizio, una pianta sulla quale, a metà tra l’addobbo e la libera crescita di singolari frutti, appaiono ingombranti organi sessuali maschili in erezione. L’affresco, oggi conosciuto come l’albero dell’abbondanza, non sarebbe altro che un’opera ideata per celebrare le conseguenze politiche della costruzione dell’ampia fonte pubblica all’interno delle mura cittadine – sulle cui pareti è stato proprio realizzato il dipinto –  lavoro che avrebbe portato pace e prosperità al centro toscano. Una celebrazione del buon governo ghibellino insomma, commissionata dal podestà Ildibrandino Malcondine da Pisa, che governava sotto l’egida imperiale.

Anonimo del XIII secolo, L'albero dei peni, Massa Marittima

Anonimo del XIII secolo, L’albero dei peni, Massa Marittima

Il pittore, come dimostra Bernardelli Curuz, raffigurò tre scene in un unico dipinto proprio su una parete della pubblica vasca, fonte e lavatoio tripartito da altrettanti archi, con una delineazione degli spazi che riservava ad ogni contrada il proprio spazio. Ma sintetizziamo lo studio di Bernardelli Curuz. analizzando il dipinto .Sulla sinistra una donna – la città di Massima Marittima – sormontata da un’aquila che delinea l’ispirazione imperiale del governo; accanto a lei, nella stessa sequenza, due fanciulle che litigano strappandosi i capelli con una mano e cercando, con l’altra, di contendersi il pene-manico di un secchio. Una terza donna con una pertica tenta di scuotere i rami della pianta dove prosperano grossi falli, che sbucano tra le foglie.



Sopra le tre donne – che Bernardelli Curuz indica come rappresentazione dei tre terzieri in cui era diviso il territorio – le aquile volano inquietamente, disturbate dai litigi. Al pittore venne chiesto di rappresentare, in questa scena ricca di tensione tra i personaggi, ciò che accadeva prima della realizzazione della fonte che convogliò i diversi esili rami d’acqua della parte alta della città – da qui nasce la simbologia vegetale – in un unico tronco d’acquedotto. Pace e prosperità giunsero, attraverso l’acqua che, in questa zona, viene spesso legata simbolicamente al pene, presso altre fontane.

Anonimo del XIII secolo, L'albero dei peni, Massa Marittima

Anonimo del XIII secolo, L’albero dei peni, Massa Marittima

“La visione dell’opera parietale ha portato immediatamente a costatarne la singolarità e l’apparente complessità – dice Bernardelli Curuz –  Abbiamo visto la prima scena, quella relativa al litigio. La seconda è rappresentata dall’albero di foglie decidue che divide lo spazio semicircolare sul quale fu steso l’affresco, pianta sulla quale prosperano due dozzine di falli in erezione, con il glande scoperto e la sacca scrotale in evidenza. L’albero è la capillare opera di convogliamento idrico di piccoli vasi nell’ambito della realizzazione di una rete idrica ordinata dal podestà. Alla base del tronco è infatti visibile, nonostante un’ampia lacuna provocata dalla caduta di colore, la raffigurazione del tetto a coppi della nuova fonte sormontato dal lacerto di una fiasca. Infine ecco – dopo i litigi e la realizzazione del tronco idrico – alla nostra destra la terza scena, quella della soluzione della vicenda: le stesse donne che si accapigliavano per il pene-acqua (l’organo maschile appare anche in altre fonti antiche della zona), ora vanno a braccetto e assumono una postura che fa pensare ad un sereno colloquio”.

L'albero rappresenta il convogliamento di vasi idrici- le fronde e ipiccoli rami- in direzione del tronco dell'aqcuedotto, che porta acqua alla fonte, rappresentata da una piccola casa e da una brocca

L’albero rappresenta il convogliamento di vasi idrici- le fronde e i piccoli rami- in direzione del tronco dell’acquedotto, che porta acqua alla fonte, rappresentata da una piccola casa e da una brocca

Ricchezza, fecondità e tranquillità sono raggiunte attraverso la realizzazione del progetto del podestà ghibellino. Un’opera pubblica che assume un profondo significato politico poiché porta alla pacificazione tra le zone della città contrapposte dall’approvvigionamento idrico, unità raffigurata, a destra, dall’aquila che, solitaria, vola sopra la cittadina”. Il riscontro di quanto sostiene Bernardelli Curuz è confermato dalla morfologia del porticato che protegge la fonte. La divisione tripartita del loggiato, attraverso altrettanti archi a sesto acuto, è prova dell’azione riordinatrice svolta dal podestà per un’equa fornitura idrica ai tre terzieri, e colloquia architettonicamente con il significato del dipinto.

Visione ravvicinata della chioma dell'albero dei peni, a Massa Marittima

Visione ravvicinata della chioma dell’albero dei peni, a Massa Marittima


Prima dello studio del direttore di Stile arte si riteneva che l’albero dei peni rappresentasse più semplicemente la propiziazione dell’abbondanza o secondo George Ferzoco dell’Università dei Leicester, gli effetti del cattivo governo ghibellino e l’azione riordinatrice svolta successivamente dei guelfi.

APPROFONDIMENTO: ACCEDI GRATUITAMENTE AI NOSTRI STUDI DEDICATI AL PENE NELL’ARTE COLLEGATO ALL’ABBONDANZA E ALL’ACQUA, CLICCANDO IL LINK, EVIDENZIATO IN BLU

Un'interpretazione novecentesca dell'albero dei peni e dell'abbondanza. Croquis d’Ornikleios (Friedrich Wilhelm Kleukens, 1878-1956), publié dans Kythera, 1921

Un’interpretazione novecentesca dell’albero dei peni e dell’abbondanza. Croquis d’Ornikleios (Friedrich Wilhelm Kleukens, 1878-1956), Kythera, 1921

www.stilearte.it/perche-pisciare-contro-il-2015-storia-credenze-e-fortuna-della-pipi-nellarte/

 

ARTE EROTICA, opere, foto, statue, oggetti alle aste on line in questo istante

COME VENDERE ON LINE QUALSIASI OGGETTO
CON LE ASTE DI CATAWIKI.
QUI I LINK. Gratis qui
ANCHE STIME E VALUTAZIONI.
ISCRIVITI GRATUITAMENTE ORA
E SENZA ALCUN IMPEGNO.
VENDI O CHIEDI AIUTO QUANDO VUOI

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Le nostre case sono piene di oggetti di un certo valore, che non ci servono più. E spesso non ci rendiamo conto che abbiamo risorse a disposizione e che quello che a noi non serve più può avere un valore per gli altri

Vendi i tuoi oggetti con Catawiki: Clicca qui

Sapevi che alcune delle più grandi aste di arte online in Europa sono ospitate da Catawiki? Dalla prima asta nel 2011, il sito d’aste online Catawiki è cresciuto in maniera straordinaria, con aste settimanali in oltre 80 categorie, incluse 50 aste di arte che spaziano dall’arte classica a quella moderna. Il tratto distintivo di Catawiki è il team di esperti che valuta ogni lotto per qualità e autenticità, al fine di fornire al pubblico aste di altissimo livello. Inoltre, Catawiki agisce da intermediario tra acquirenti e venditori, offrendo transazioni sicure per tutti.

Con Catawiki metti all’asta monete, quadri, oggetti di antiquariato, vintage, con un semplice click: dai un’occhiata qui

a catawiki 2

I venditori sottopongono i loro oggetti all’analisi degli esperti, che poi li approvano e pianificano il loro inserimento in una successiva asta. Da qui inizia il divertimento. Le aste vengono visitate da milioni di potenziali acquirenti da tutto il mondo.Al fine di garantire la validità di tutte le operazioni, a garanzia assoluta dell’utente, le aste sono supervisionate da un notaio indipendente, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la garanzia notarile non ha alcun costo per l’utente.

 

 

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Serial killer & artisti, l’analisi del criminologo

Cos’è e quale funzione aveva il “bastone dei pittori”?

1.86K Condivisioni
Condividi1.85K
Tweet
+1
Condividi3
WhatsApp