Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

L’amore tra Canova e la contessa-pittrice Marianna in un cammeo sul seno vibrante di lei. L’Ottocento svelato a Treviso

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Che tipo di amore intercorse tra Antonio Canova e Marianna Angeli Pascoli, bellissima contessa trevigiana?
Di certo, resta – almeno per ora – un piccolo cammeo con il ritratto di lui che si adagia sul seno di lei, nel busto realizzato da Luigi Zandomeneghi in mostra al nuovo Bailo di Treviso dal prossimo 25 marzo. Un busto, un cammeo e voci ricorrenti. E’ chiaro che Zandomeneghi, allievo di Canova, sottolineò questo legame, realizzando il ritratto. E non sfugge, all’osservatore, quanto quel cammeo, emerga sul pizzo della sottoveste, al centro dei seni tesi, la cui punta emerge solidamente dalla lieve stoffa dell’abito. Un suggello, è chiaro.

blank
Luigi Zandomeneghi: Busto di Marianna Angeli Pascoli, Gesso

blank

L’effigie della nobildonna si potrà ammirare all’interno della mostra “L’Ottocento svelato: da Canova al romanticismo storico”, a cura di Fabrizio Malachin e Elisabetta Gerhardinger, allestita al Nuovo Museo Bailo con progetto di Marco Rapposelli di Studiomas-Padova, nella grande galleria che per l’occasione sarà intitolata ad Antonio Canova.

blank

blank

Il ritratto di lei, il cammeo di lui. Marianna Pascoli o Marianna Pascoli Angeli (Monfalcone 1790-1846) era una giovane nobildonna che sarebbe divenuta copista dei grandi veneti del Rinascimento, pittrice di genere e ritrattista. Aveva studiato con il miniatore Solferini a Trieste – le miniature, allora, erano di gran moda – prima di passare all’Accademia di belle arti di Venezia. Una quindicina di dipinti sono conservati al Museo civico di Padova, un’altra cinquantina sono sparse in collezioni europee. L’artista avrebbe realizzato, nel corso della vita, un’ottantina di ritratti. Durante un viaggio, a Roma, la bellissima e virtuosa Marianna visitò la bottega dell’allora famosissimo Antonio Canova, che la incoraggiò e la consigliò nell’ambito della ritrattistica. Lui aveva 33 anni più di Marianna. Tra i due fiorì l’amore che proseguì – probabilmente in forma di tenero affetto – dopo il matrimonio della giovane nobildonna con l’avvocato Angelo Angeli a Venezia.

Il busto che ritrae Marianna con il cammeo di Canova sul seno – un tempo attribuito a Canova stesso – venne probabilmente realizzato da un allievo del maestro, Luigi Zandomeneghi. Ma proprio quel ritratto induce a pensare

blank
Thomas Lawrence: Ritratto di Antonio Canova, 1815 ca. Olio su carta incollata su tela

Canova sarà, e non potrebbe che essere così, il protagonista della mostra di Treviso, che documenterà il passaggio di un’epoca, lungo quel filone che fu anche foscoliano, della nascita del romanticismo dai sentimenti antichi degli eroi classici e della figurazione classicista. Un’epoca di dolori, di speranze, di sentimento in cui l’arte e la letteratura erano considerate fondamentali per coltivare se stessi verso un modello nuovo d’umanità.

La mostra di Treviso rende conto di questa visione sentimentale, già intensa, in Italia, durante la rielaborazione dei modelli neoclassici. Eccezionalmente, e temporaneamente, liberato dalle pastoie giudiziarie, è atteso all’evento espositivo, dall’ex Veneto Banca, il gesso di Amore e psiche stanti, opera del 1800 del Maestro. Un’ occasione straordinaria per ammirare un capolavoro destinato al collezionismo privato, e i cui marmi si trovano al Louvre e all’Hermitage.

blank
Antonio Canova: Amore e Psiche stanti, 1796- 1800 Gesso multiplo 1:1. Collezione privata, Veneto

Le due versioni di Amore e Psiche stanti furono infatti commissionate ad Antonio Canova appena trentenne dal colonnello scozzese John Campbell. La prima, venduta a Gioacchino Murat, oggi si trova al Louvre. La seconda, ceduta dal committente a Josèphine de Beauharnais e poi allo Zar Alessandro I di Russia, è all’Hermitage.

Il calco della mano che l’ha creata, sarà in mostra accanto ad un altro calco, quello del volto del Maestro.
Accanto, una sequenza di materiali canoviani che, raramente sono usciti dalle segrete stanze dei Civici Musei per essere mostrate. Tra essi, il prezioso bozzetto delle Tre Grazie, dove a ben guardare si potrebbero scoprire le impronte del maestro. O l’edizione integrale di tutte le incisioni dello scultore, espressamente donate all’Ateneo trevigiano dal fratellastro abate Sartori Canova.

blank
Antonio Canova: Autoritratto, 1811-1812 gesso multiplo 2:1 ca. Collezione privata, Veneto

L’autore del busto dell’affascinante Marianna, Zandomeneghi, immortala anche il Canova, in una erma in marmo e lettere bronzee di dedica. Poi ancora lo scultore in una delle versioni del celeberrimo Ritratto dal vivo del 1817- ‘18 dipinto da Thomas Laurence. Dai depositi museali esce per la prima volta anche la ampia medaglistica canoviana.

Reso omaggio a Canova, il viaggio nell’Ottocento svelato prende avvio dai sontuosi ritratti di due dei “padri fondatori” della Pinacoteca Civica: lei è Margherita Prati Grimaldi, nel luminoso dipinto di Andrea Appiani.

blank
Andrea Appiani: Ritratto di Margherita Prati contessa Grimaldi, 1811. Olio su tela

Lui è Sante Giacomelli, nel ritratto di Natale Schiavoni. La nobildonna legò al Comune di Treviso nel 1851 un nucleo di dipinti destinati a costituire il primo nucleo della Pinacoteca civica (tra queste il Lorenzo Lotto e il Giovanni Bellini oggi al Museo Santa Caterina), mentre il secondo nel 1874 legò alla appena costituita Pinacoteca ben 54 opere prevalentemente ‘contemporanee’ all’epoca, che costituiscono il nucleo principale della Galleria dell’800.
Dalla Raccolta Giacomelli giungono, fra gli altri dipinti di Francesco Podesti (Il primo giorno del Decamerone) e Ludovico Lipparini (Lord Byron che giura sulla tomba di Marco Botzaris), di Eugenio Moretti Larese (La morte di Dante) e Odorico Politi (Elena rapita da Teseo e Piritoo, e giocata ai dadi), Michelangelo Grigoletti (Susanna e i vecchioni)

blank
Michelangelo Grigoletti: Susanna e i vecchioni, 1838 ca. Olio su tela

o Natale Schiavoni (due episodi di ambiente orientale); ma vi sono anche artisti “rivoluzionari” come Ippolito Caffi (La benedizione di Pio IX dal Quirinale di notte)

blank
Ippolito Caffi: Allocuzione di papa Pio IX dal Quirinale di notte, 1848. Olio su tela

e Luigi Querena (Veduta di Venezia al tramonto).

blank
Luigi Querena: Veduta notturna di Venezia dai giardini, 1854. Olio su tela

In mostra anche il “Gruppo di famiglia” di Francesco Hayez, in cui il pittore si ritrae all’età di 16 anni: prima opera nota dell’artista.

blank
Francesco Hayez: Gruppo di famiglia con autoritratto giovanile, 1807. Olio su tela

Spettacolari dipinti e sculture. ma non solo. I curatori hanno infatti scelto di allargare lo sguardo anche alla ceramica, in omaggio alle grandi manifatture trevigiane di quella produzione che oggi definiremmo di design. Ed ecco le porcellane dipinte con scene di gusto romantico delle fornaci Fontebasso, accanto alle classicheggianti creazioni monocrome “all’inglese”.

Il tutto per offrire al visitatore uno spaccato di ciò che i Civici Musei conservano dei momenti neoclassico e romantico della nostra storia dell’arte.
Ad arricchire ulteriormente la proposta della nuova Galleria Canova del Bailo, due importanti plus.
Innanzitutto, quasi una ‘mostra nella mostra’, una selezione di 30 straordinari scatti artistici canoviani del fotografo Fabio Zonta: 30 fotografie di grande formato, a dare corpo ad una monografica che, dopo Treviso, raggiungerà Venezia e New York. Inedita la possibilità di confronto tra il punto di vista del Canova, visibile nelle incisioni, e quello del fotografo chiamato a confrontarsi con la grazia e l’eleganza delle sculture canoviane. La ‘lente’ interpretativa del fotografo mette in rilievo la tridimensionalità delle opere, accentuando dettagli, soggetti, espressività.
Una sorpresa tutta da scoprire è l’intervento creativo di Anderson Tegon con Pepper’s Ghost: un suggestivo spettacolo video-multimediale all’interno della Galleria.
Un’offerta quindi di proposte articolate, ad indicare la linea che connoterà il Nuovo Bailo come luogo di contaminazione tra le arti, fedele al compito di valorizzare il patrimonio civico, ma con una forte attenzione alle nuove tendenze e al multimediale, mai rinunciando alle fondamentali basi scientifiche.

Info: www.museicivicitreviso.it +39 0422 658951 [email protected]

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo a cura della redazione di Stile arte

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti.

Vuoi rimanere aggiornato su offerte, occasioni, gadget a prezzi stracciati? Moda, arte, tecnologia sono la tua passione? Segui il nostro canale Telegram. Stile arte seleziona per te i prezzi del momento. Buoni, sconti e opportunità da cogliere al volo. L'iscrizione è semplice e grautita, Clicca qui per iscriverti al canale: https://t.me/stilearte Sei poco pratico di Telegram e vuoi capire di cosa si tratta? Leggi questo nostro approfondimento -> https://www.stilearte.it/?p=279033

Colori a olio: ecco le recensioni:

MAIMERIblank: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeriblank
 
blank
Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)
   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talensblank

blank
Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui
E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.
blank
Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui
  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrarioblank  
blank
CASSETTA IN LEGNO DI FAGGIO MISURE 30X40 COLORI OLIO VAN DYCK FERRARIO
  OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Hollandblank
blank
Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio
WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburgblank
blank
Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione
WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTONblank
blank
Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.