Home / Pittura del Novecento / Perché Kandinskij decise di abbandonare l’arte figurativa? Risponde la curatrice del Guggenheim
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Perché Kandinskij decise di abbandonare l’arte figurativa? Risponde la curatrice del Guggenheim


Perchè Kandinskij decise di abbandonare l’arte figurativa? Quali sono le caratteristiche più peculiari del suo stile, quelle che hanno veramente costituito un punto di svolta nel linguaggio artistico del XX secolo?

Risponde Susan Davidson, curatrice del Museo Solomon R. Guggenheim che in Italia curò la mostra “Kandinskij e l’avventura astratta” 


All’interno del generale movimento di ricerca espressiva che ha accompagnato il febbrile mutamento sociale d’inizio secolo, la pittura non-oggettiva rappresenta il tratto peculiare e distintivo di Kandinskij, destinato a cambiare per sempre il corso della storia dell’arte. Il suo percorso di astrazione pura, a partire dal 1913, fa propria la ricerca di un significato profondamente interiore e spirituale, che interpreta con totale rottura la sfida d’incontro fra tecnologia e visione del mondo, assumendo un progressivo distacco (visibile già in “Paesaggio con macchie rosse n. 2”, 1913) dalla precedente rappresentazione figurativa e quindi dal mondo delle immagini riconoscibili e oggettive. A queste vanno sostituendosi nuove soluzioni, prima fra tutte l’ampio investimento sul colore cui affida l’importante ruolo di relazione con l’osservatore e chiave emotiva verso l’interiorità.

di Giovanna Galli

Abbiamo intervistato Susan Davidson, curatrice del Museo Solomon R. Guggenheim, che in Italia curò la mostra “Kandinskij e l’avventura astratta” .



Vuole ripercorrere quelle che sono state le tappe fondamentali di evoluzione dell’arte di Kandinskij?
Nato a Mosca nel 1866, Kandinskij decide quasi trentenne di intraprendere la carriera artistica e studiare pittura trasferendosi, nel 1895, a Monaco. Qui fonda insieme a Franz Marc il celebre gruppo del Blaue Reiter. Il suo libro “Lo spirituale nell’arte”, pubblicato nel 1911, propugna il linguaggio dell’astrazione come mezzo per conseguire un’esistenza morale superiore. In questo periodo egli mantiene stretti contatti con Marc e Paul Klee, entrambi ampiamente rappresentati in mostra. Nel 1912 il gruppo pubblica l’“Almanacco Blaue Reiter” come manifesto delle diverse fonti e delle loro affinità. Il cavallo è il simbolo della speranza nutrita dal gruppo nella trasformazione dinamica, un motivo comune che appare sia in “Stalle” (1913) di Marc che in “Dipinto con bordo bianco” (1913) di Kandinskij. Molti dei cambiamenti più significativi della vita di Kandinskij vengono accelerati dagli eventi storici. La prima guerra mondiale lo costringe nel 1914 a ritornare in patria, dove la successiva Rivoluzione introduce un nuovo sistema e nuovi ideali per le arti. Kandinskij ricopre importanti cariche nei programmi artistici del nuovo Stato sovietico. Anche se l’interesse razionale e materiale di giovani costruttivisti emergenti come Alexander Rodchenko ed El Lissitzkysembra in contrasto con l’intento di Kandinskij di perseguire un’arte pura, “Segmento blu” (1923), uno degli olii più significativi tra i pochi dipinti da Kandinskij in questo periodo, testimonia un nuovo sviluppo nella sua produzione, nonché l’influsso del Suprematismo e del Costruttivismo russi.

Nel 1922 l’offerta di una nuova cattedra di insegnamento spinge Kandinskij, deluso dagli sviluppi delle istituzioni russe, a trasferirsi al Bauhaus di Weimer…
E qui si rivela presto uno degli insegnanti più innovativi. Tra le opere più importanti del periodo sono esposti “Arco e punta” (1923), dipinto solo pochi mesi dopo il suo arrivo, e “Nel quadrato nero” (1923), che affronta la questione dell’astrazione in luogo della figurazione.
Quando nel 1933 il Bauhaus viene chiuso dai nazisti, Kandinskij si trasferisce a Parigi. Qual è l’accoglienza che gli viene riservata?
La sua opera non viene pienamente compresa né ammirata dal pubblico parigino, nonostante egli si avvicini a due diversi gruppi nel corso dell’ultima fase della carriera. Le forme amorfe e biomorfe del Surrealismo, visibili nella “Costellazione con cinque forme bianche e due nere, variazione III” (1932) di Jean Arp, senza dubbio ispirano le composizioni organiche di Kandinskij dello stesso periodo. Anche Abstraction-Création, gruppo che sostiene l’estetica non figurativa identificabile nelle opere di Theo van Doesburg, Piet Mondrian e Georges Vantongerloo, interessa Kandinskij. Tuttavia, l’insistenza del gruppo sui concetti di purezza dell’arte e separazione dalla natura è in contrasto con la sua filosofia.
Quali sono gli artisti che maggiormente hanno risentito dell’influenza del codice espressivo di Kandinskij? Quali altri maestri sono presenti in mostra, e quale è stato il loro ruolo nel panorama complessivo dell’astrattismo europeo?

Numerosi e importanti sono gli artisti che hanno condiviso e sviluppato la medesima tensione e ricerca sperimentale caratteristica dell’opera di Kandinskij, e per questo protagonisti di un adeguato spazio all’interno della rassegna. Alcuni di questi, come Klee e Marc, meritano un posto di rilievo, sia per l’importanza della testimonianza artistica che per la comune partecipazione, al fianco di Kandinskij, alle esperienze del gruppo di ricerca del Blaue Reiter o alla scuola della Bahaus. Nel comune studio dell’astrazione pura, Kandinskij, Klee e Marc reinterpretano la superficie del dipinto per puntare, in luogo di una semplice descrizione del reale, a fare emergere una visione contemplativa e psicologica. Una linea di ricerca che porterà ad importanti sviluppi, come l’utilizzo dello strutturalismo linguistico di Klee (elevazione del segno a significato) e la trasformazione della comunicazione da estetico-figurativa a intersoggettiva, oppure, nel caso di Marc, la tensione verso una spontaneità e una naturalità originarie, che emergono da fonti di ispirazione di tipo animale e primordiale.

 

 

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Munch – “Così ho sentito l’urlo”. Storia, genesi e analisi del quadro

Georgia Totto O’Keeffe (1887-1986), quei grossi fiori carnosi che ricordano il sesso. Il video