Home / News / L’approfondimento | La Biennale di Venezia 2015
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

L’approfondimento | La Biennale di Venezia 2015


a cura di Caterina Stringhetta in sinergia con www.theartpostblog.com

Quella di quest’anno è una Biennale complessa. Si tratta dell’ edizione n. 56 della Biennale d’Arte di Venezia e arriva esattamente a distanza di 120 anni dalla prima edizione (1895) e per la prima volta il curatore proviene dal continente africano.

Un’edizione che parla tutte le lingue del mondo e riflette sul rapporto che l’arte deve instaurare con il mondo e con una realtà fatta di una miriade di sfaccettature diverse.

La prima impressione è quella di una Biennale frammentata, in cui il mondo sembra parlare contemporaneamente di tante cose e in cui è difficile distinguere i concetti di ciascuno.

Okwui Enwezor, il curatore, si è già distinto come direttore della Haus der Kunst di Monaco di Baviera e come curatore di Documenta a Kassel nel 2002, ma a Venezia spiazza tutti invitando 136 artisti provenienti da 53 nazioni per dare vita alla mostra centrale di tutta la Biennale che ha come titolo “All the world’s future”.

Tutti i futuri del mondo di Okwui sono fatti di conflitti, di un capitalismo ormai decaduto, di tragedie di migranti di ieri e di oggi, di una natura violentata e violenta, di ribellioni e di oscuri presagi, di speranza per un futuro migliore e di poesia, di resurrezione e di musica.

Non si tratta di una Biennale allegra questo è certo e confesso che durante il terzo giorno di visita mi sentivo un po’ oppressa da tutte le problematiche e riflessioni proposte dagli artisti presenti.

Ad un certo punto ho anche provato nostalgia per l’edizione precedente e che, al contrario di questa, sembrava sprizzare gioia e felicità. Tuttavia, questa Biennale ha dei lati positivi e dei motivi validi per andare a vederla ci sono.

Innanzi tutto i messaggi lanciati sono forti e costringono a pensare a ciò che succede nel mondo. Forse è la prima volta che la Biennale è davvero mondiale, perché lascia spazio ad artisti che provengono da continenti da dove non sembrano provenire delle proposte culturali importanti (ad esempio l’Africa), pertanto questa è secondo me la prima Biennale veramente multiculturale.

La maggior parte degli artisti sembra lanciare un appello alla libertà e alla giustizia e il fatto che il cuore della mostra ai Giardini sia la lettura del “Capitale” di Marx (1867) rafforza questo messaggio che parte da Venezia per raggiungere gli angoli più remoti del mondo.

Il Capitale di Karl Marx sembra per certi versi l’origine di tutti i drammi del mondo contemporaneo, ma per altri aspetti sembra essere la soluzione a tutte le contraddizioni che viviamo.

Questo credo sia il motivo per cui ho vissuto questa Biennale con fatica, perché rappresenta esattamente i tempi in cui viviamo e che sono per loro natura frammentati e complessi da decifrare.

Se la Biennale di due anni fa raccontava il passato, quella di quest’anno ci mostra il presente … in attesa che la prossima ci faccia vedere il futuro.


Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Jan Saudek, anche il corpo nudo è surreale in un regime comunista. Il video

Mimmo Rotella, intervista: la parabola delle carte lacerate. Nascita del décollage. Immagini

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp