Home / News / Largo ai “Quattro di Roma”
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Mario Schifano

Largo ai “Quattro di Roma”

Negli anni ’60 nella capitale Mario Schifano, Franco Angeli, Tano Festa e Giosetta Fioroni, riuniti intorno a De Martiis, carismatico proprietario della galleria “La Tartaruga”, danno vita alla “Scuola di Piazza del Popolo”, che interpreterà la Pop art secondo la grande tradizione della pittura italiana 

di Carlo Franza

L’avventura romana del gruppo denominato “La Scuola di Piazza del Popolo” è una lode a Plinio De Martiis, che in tale piazza dirigeva negli anni Sessanta del Novecento la galleria “La Tartaruga” e che impose al pubblico quella giovane arte figurativa, ormai senza confini, nata sotto il nome di pop art italiana.

Il fenomeno era esploso alla Biennale di Venezia del 1964 per opera di artisti americani. Mentre tuttavia la tradizione americana puntava su oggetti di consumo del mondo moderno, la tradizione italiana, composta da secoli di grandissima pittura e scultura, fece ritrovare agli artisti romani, vale a dire Mario Schifano, Tano Festa, Franco Angeli e Giosetta Fioroni, gli elementi di tale straordinario passato, introducendovi storia quotidiana, sentimenti, nostalgia ed eleganza.
Tano Festa proponeva porte e persiane romane, ma anche cieli barocchi e addirittura il Michelangelo della Sistina, che presentò alla Biennale; Schifano dipingeva palme frondose a ricordare le sue origini, paesaggi e loghi famosi del consumo contemporaneo, monocromi, ma anche coreografie; Angeli invece si spingeva a rappresentare quarti di dollaro e lupe romane; e infine Giosetta Fioroni, con figure e simbologie femminili – i suoi cuori e le sue tenuità rosa -, insieme a flash sui sentimenti.

Tano Festa

Tano Festa

Ho detto quattro artisti, non perché più famosi, ma perché più “romani”, con il loro principe da mille e una notte che era Mario Schifano. Non erano i soli, perché attorno gravitavano Mimmo Rotella, allora impiegato postale e pittore al tempo stesso con le sue tele di “poesia peristaltica”, Fabio Mauri con i suoi “schermi” vuoti, il greco Kounellis con le sue frecce e numeri, Pino Pascali con le sue code di balena, Cesare Tacchi con i suoi ingrandimenti imbottiti, Salvatore Scarpitta con bende intrecciate e funebri, Mario Ceroli con le sue costruzioni, i numeri e le lettere alfabetiche in legno.
Tutti giovani, capaci di vivere quell’aria romana, e maggiormente d’aver alimentato una delle esperienze più esaltanti dell’avventura moderna in Italia. De Martiis è stato nella Roma del tempo il solo gallerista a fiutare i veri talenti. Questi giovani artisti correvano da lui, facendo anche lunghe anticamere prima di accedere alla sua presenza, rinchiuso in quella piccola stanzina ch’era il suo ufficio, pronto ad allungare un diecimila o a decidere a chi far fare una mostra. Bei tempi; e bel coraggio ebbe il nostro gallerista, che proprio nella vecchia “Tartaruga” di Piazza del Popolo accolse persino Cy Twombly, l’americano che lì iniziò la sua carriera. E in quella Roma che cresceva e cantava una stagione densa e fertile, c’erano anche le osterie con la segatura sul pavimento, pronte a servire un buon Frascati; ma i nostri giovani pittori con De Martiis era tradizione che passassero la serata alla trattoria “Da Cesaretto” in via della Croce, cui spesso si aggregavano illustri letterati come Moravia.

Franco Angeli

Franco Angeli

Accanto a questo, la Roma di quegli anni viveva il gruppo dei “Novissimi”, anche detto “Gruppo ’63”: erano poeti e letterati, alter ego dei nostri pittori, con il loro “eversore” Nanni Balestrini, e che puntavano a far crescere in Italia una letteratura sperimentale.
Spesso alla “Tartaruga” i “Novissimi” presentavano i giovani pittori, sicché i due gruppi si intersecavano.
Poi De Martiis con la sua galleria migrò in Piazza Mignanelli, ma ormai i nostri artisti, i “quattro di Roma” poi detti “i quattro di Piazza del Popolo”, s’erano già conquistata la fama.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

©Alexander Eugen Koller

MuseumsQuartier di Vienna: viaggio nel cuore culturale e ricreativo della capitale austriaca

Ron Mueck. Giganti in sculture iperrealiste. E il corpo del padre morto. Il video