Home / Pittura antica / Le affinita’ elettive
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Le affinita’ elettive

di Enrico Mirani

L’anatra starnazza spaventata nello stagno, mentre la volpe sbucata all’improvviso dalla vegetazione afferra tra le fauci l’oca stupita e rassegnata al destino che sta per compiersi. Possono ancora tentare una fuga disperata, invece, le oche inseguite da un soldato, spada in mano, sotto lo sguardo divertito di un commilitone a cavallo, appoggiato al destriero del compagno sulla cui sella è già distesa una preda.
Tischbein-Immagine5Sono due degli acquerelli che illustrano la Gänsengeschichte, la Storia delle oche, testi ed immagini del tedesco Johann Heinrich Wilhelm Tischbein (1751-1829), il “pittore poeta”. Così lo nominavano i contemporanei, proprio per la vocazione a fondere parole e disegni, scrittura e colori, che portò l’artista a realizzare lavori pensati come integrazione di testi oppure per ispirare commenti. Storie sue come di altri. In particolare di un letterato, fra i più grandi di ogni tempo: Johann Wolfgang Goethe. Non a caso, per distinguerlo dagli altri 24 pittori e pittrici del suo casato nel corso di tre generazioni, Johann Wilhelm fu chiamato il “Tischbein di Goethe”. A buon diritto, data l’intensa e profonda conoscenza artistica ed umana fra i due connazionali, quasi coetanei (Goethe aveva due anni in più).
Tischbein nacque in Assia il 15 febbraio del 1751, figlio di un falegname ebanista che lo introdusse all’arte del disegno. Della sua formazione – comunque piuttosto improvvisata – si occuparono due zii paterni, entrambi pittori, uno alla corte di Kassel e l’altro con atelier ad Amburgo. Nel 1777 la svolta, con la chiamata alla corte di Prussia. A Berlino, Tischbein si affermò come ritrattista secondo la moda rococò, guadagnando considerazione e commesse. Una condizione sociale soddisfacente, offuscata però dall’inquietudine artistica di Johann. I ritratti lo annoiavano, anelava incontrare la pittura storica, immortalare gli eventi importanti della patria tedesca, rappresentare le virtù e le gesta dei grandi uomini. Ma occorrevano esperienza e formazione.
Nel 1779, grazie ad una borsa di studio dell’Accademia di Kassel, poté intraprendere un viaggio nella terra dell’arte, dove avrebbe potuto imparare il necessario: l’Italia. Soggiornò a Roma fino al 1781. Per un altro anno e mezzo frequentò poi a Zurigo la casa di Johann Kasper Lavater, fisiognomico, convinto che l’anima e il carattere di una persona si riflettessero nell’aspetto esteriore. Tischbein assorbì queste teorie e soprattutto, per mezzo di Lavater, entrò in contatto con la corte di Weimar e con Goethe.
Il pittore cominciò ad inviare al poeta dei lavori, schizzi, disegni, che l’altro apprezzò, tanto da raccomandare l’artista al duca di Gotha. Insistenze che valsero l’incarico sovrano di illustrare il Götz von Berlichinghen, un dramma goethiano del 1773 in cui il cavaliere Götz, nella guerra dei contadini del XVI secolo, si schiera con gli oppressi contro i principi. Non solo: grazie ancora al patrocinio del poeta, il Duca pagò una borsa di studio a Tischbein, che nel gennaio del 1783 fu di nuovo a Roma. Per il principe dipinse il suo primo quadro storico, Corradino di Svevia e Federico d’Austria giocano a scacchi in prigione.
Intenso fu in quegli anni il rapporto artistico – per via epistolare – fra il pittore e il poeta. Il 29 ottobre del 1786, finalmente, il primo incontro in una locanda vicino a San Pietro. Goethe era appena arrivato a Roma. “Non ho mai provato una gioia più grande – gli scrisse Tischbein nel 1821, ricordando la circostanza – di quando la vidi per la prima volta in quella locanda. (…) Lei sedeva presso il camino in soprabito verde (…) e io riconobbi in quell’istante l’uomo che conosce il fragore delle onde dell’animo umano nella sua profondità, tanto nelle più furiose tempeste quanto nella calma, quando mostra il chiaro cielo nel suo specchio”.
Dal giorno dopo, il poeta si trasferì nella casa dove Tischbein viveva con altri artisti tedeschi, in via del Corso. Dall’affinità spirituale si passò alla simpatia umana e all’amicizia. Così Goethe scrisse dell’altro agli amici di Weimar: “Mai potrò imparare tante cose in tanto poco tempo come adesso in compagnia di quest’uomo colto, esperto, raffinato, che mi è devoto anima e corpo. Non so dire quanto i miei occhi si siano liberati dalla benda che li copriva”. Il pittore svelava al poeta l’anima della città, la sua storia, la sua arte. La classicità.
Durò cinque mesi, fino al marzo del 1787, quando Tischbein accompagnò Goethe a Napoli, con l’intenzione di fermarsi nella capitale borbonica, ambendo al posto di direttore della Reale Accademia. Il poeta, invece, avrebbe voluto che l’amico lo seguisse in Sicilia; ma ciò che urtò Goethe, fino a raffreddare l’amicizia, fu il rifiuto di Tischbein di assecondare il suo progetto: tornare in Germania per fondare una scuola di pittura. Goethe e Tischbein non si sarebbero più visti, pur continuando il rapporto epistolare ed artistico (per la verità più il secondo) fino al 1822.
Nel 1787, dopo la partenza del poeta per la Sicilia, Tischbein cominciò a dipingerne il famoso ritratto sullo sfondo della campagna romana (conservato nella Städelsches Kunstinstitut di Francoforte): Goethe ne avrebbe visto solo degli schizzi (la relazione fra i due intellettuali è ben descritta nel volume Johann Heinrich Wilhelm Tischbein. Il pittore poeta, curato da Ursula Bongaerts e edito dalla Casa di Goethe – 96 pagine, 11 euro -, arricchito da numerose immagini a colori).
A Napoli il pittore diresse l’Accademia Reale dal 1789 al 1799, quando la rivoluzione e l’arrivo dei francesi lo spinsero a lasciare la città per tornare in Germania. Ed è qui che riprese la collaborazione con Goethe.
Nel 1808 Tischbein diventò pittore di corte nel ducato di Oldenburg. Nel biennio 1819-1820 (aveva già 69 anni), dipinse i 44 quadri degli Idilli per il castello della città. Erano una sorta di summa della sua arte, un ciclo dove il classicista Tischbein mescolava la pittura paesaggistica, storica, di animali; dove il mondo pastorale incontrava i personaggi mitologici e dell’Olimpo. Squarci dei paesaggi arcadici ammirati con Goethe nella campagna romana e napoletana in quei lontani mesi della loro frequentazione.
Tischbein inviò al poeta un quaderno con schizzi ed acquerelli dell’opera, che ispirarono a Goethe (mosso forse anche dai ricordi) versi e commenti, pubblicati nel 1822 col titolo Idilli di Wilhelm Tischbein. Del resto, il pittore aveva già illustrato il componimento goethiano La volpe Reinecke, applicando la fisiognomica alle favole degli animali; fra il 1808 e il 1812 aveva scritto e illustrato un romanzo, Storia di un asino.
Fu un artista che cercò ispirazione nelle parole, ma che offrì pure ispirazione con le sue immagini. Ad esempio ad Arthur Schopenhauer, che conobbe Tischbein. Nei libri del filosofo Parega e Paralipomena e Il mondo come volontà e rappresentazione vengono più volte citati i Quaderni sibillini del pittore, sintesi di immagini e scrittura, vicini agli Idilli nei soggetti.
Tischbein si spense il 26 giugno 1829 nella residenza di Eutin, nel ducato di Oldenburg, alla bella età di 78 anni.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Pittura e alchimia, cosa significa la grotta nei quadri

Michelangelo sul lettino dello psicanalista. I segni della bisessualità