Home / Aneddoti sull'arte / Le tele dei maghi e delle streghe, ritratti dal vero
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Le tele dei maghi e delle streghe, ritratti dal vero


A tutto va posto una premessa doverosa. Il fatto che i pittori e gli artisti del Quattrocento, del Cinquecento e del Seicento si trovavano a documentare fenomeni tenebrosi o cupi a loro contemporanei. I processi per stregoneria vengono celebrati in Italia -e soprattutto nel settentrione – tra la fine del Quattrocento e il Cinquecento, periodo che coincide con il fenomeno rinascimentale e con il Manierismo. Ciò significa che gli artisti, rappresentando streghe, demoni o personaggi mitologici sinistri – non occupavano tanto zone immaginarie o fantastiche, ma trasferivano spesso sulla tela o sulle tavole immagini desunte dalle voci popolari o diffuse dai sacerdoti o provenienti dagli interrogatori processuali. Le fonti erano pertanto molto vicine. E tutta la società dell’epoca era fortemente permeata da una visione magica del mondo, che si intersecava con le acquisizioni scientifiche reali. Molto spesso le streghe erano levatrici, mammane, donne che si occupavano dei malati e che utilizzavano le loro conoscenze – in cui si fondevano, appunto elementi reali ed elementi fantastici -. Ciò creava un enorme disordine sotto il profilo del controllo sociale, in quanto queste persone si sostituivano ai medici, agli speciali, ai sacerdoti e cioè a tutti coloro che curavano le anime o i corpi, avendone in qualche modo ricevuto licenza ufficiale.

I processi per stregoneria, che finivano con la condanna capitale degli accusati, furono celebrati in Italia soprattutto negli ultimi decenni del Quattrocento e nei primi del Cinquecento dai Domenicani, anche con rastrellamenti di massa, come avvenne in Valcamonica, nella provincia bresciana, nel 1518, dove l’azione congiunta del clero inquirente portò sotto torchio cinquemila persone.

Dosso Dossi, “Circe”

Dosso Dossi, “Circe”

Se la ricoperta dell’antica sapienza ermetica prese le mosse nella Firenze di Cosimo de’ Medici a partire dagli studi di Marsilio Ficino e Pico della Mirandola, la corte di Ferrara ai tempi di Cosmé Tura fu uno dei grandi ‘laboratori’ di ricerca magica, astrologica e alchemica. Senza dubbio, poi, la ricezione di temi magici nell’arte italiana di quel periodo risulta collegata strettamente alla cultura nordica di maestri quali Dürer o Bosch, autori molto interessati al mondo esoterico che offrirono nella loro opera le testimonianze figurative più esplicite di una radicata credenza nel ruolo attivo di demoni e streghe nella vita umana.

Ambito di di Angelo Caroselli (1585-1652), Testa di Medusa, olio su tavola

Ambito di di Angelo Caroselli (1585-1652), Testa di Medusa, olio su tavola

Molti artisti italiani subirono anche il fascino delle rappresentazioni che giungevano dal Nord e spesso ne rielaborarono in maniera originale le insolite iconografie, basti pensare ad alcune rappresentazioni sacre lasciate da Pontormo (come la “Visitazione” che ricalca palesemente l’incisione “Le quattro streghe” di Dürer) o alle favole dell’epoca cortese di Dosso Dossi, il cui particolare gusto pittorico, anche sul piano propriamente stilistico, appare assai denso di riferimenti magici, come massimamente esemplificato dalla celeberrima “Circe” della Galleria Borghese. La trattazione di temi magici, d’altra parte, non è stata esclusiva espressione di una cultura profana, infatti l’apparato iconografico prelevato dalle scritture canoniche e apocrife che hanno per soggetto “storie di maghi” contengono moniti contro le devianze religiose e le derive ereticali, e il tema della “caduta del mago”, costituisce il momento cruciale della conciliazione tra l’esercizio dell’ortodossia della Fede in piena età controriformata e il fascino del mantenimento della prospettiva magica, che rende possibile l’impossibile e conduce alla speranza nell’integrazione tra mondi apparentemente opposti. Tra i più assidui esploratori artistici di temi magici e stregoneschi, in Italia vanno annoverati Salvator Rosa, Angelo Caroselli e Antonio Cantarelli.

Nell’opera del romano Cantarelli (1585-1652), figura singolare di pittore, restauratore, copista, falsario, esiste un sostanzioso nucleo di dipinti a soggetto magico suggeriscono inaspettati confronti con alcuni passi delle “Daemonologie” di Giacomo I Stuart, alla cui corte l’artista era stato convocato. Mentre, le ‘stregonerie’ di Salvator Rosa affrontano esplicitamente la tematica “negromantica” muovendo dal complesso di stimoli culturali, artistici e religiosi che percorrono, parallelamente allo spirito barocco, la realtà italiana del Seicento: da un lato il complesso ambiente fiorentino, in cui i confini imposti dalla cultura ufficiale non ostacolano la vitalità dell’indagine in ogni settore della realtà, dall’altro la diffusione di stampe nordiche, in cui l’iconografia della strega aveva una forma ormai definita inscindibile dall’aspetto demoniaco, e infine il contatto con testi di magia antichi e contemporanei, all’epoca molto diffusi negli ambienti intellettuali, nonostante i divieti posti dall’Inquisizione.


 
ACCEDI, SENZA IMPEGNO ALCUNO, AL SERVIZIO GRATUITO DI VALUTAZIONE OFFERTO DA CATAWIKI, NOSTRO PARTNER TECNICO, CLICCANDO SUL LINK QUI DI SEGUITO, QUELLO COLOR ARANCIONE. ACCEDERAI ALLA PAGINA DEDICATA.
TI DIRANNO IL VALORE E, SE POI, VORRAI VENDERE, POTRAI FARLO ANCHE ATTRAVERSO LO STESSO SERVIZIO. OPPURE COMPIERE LA TUA SCELTA LIBERA. NON CI SONO VINCOLI. NON SI RICHIEDE CHE SI PRESENTINO CAPOLAVORI ASSOLUTI O MATERIALI DI GRANDISSIMO VALORE. IL LINK SERVIZIO GRATUITO VALUTAZIONE. ECCOLO:  www.catawiki.it/stilearte-valutazioni

PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, ALL’INIZIO DELLA PAGINA, POCO SOPRA IL TITOLO DI QUESTO ARTICOLO. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO, OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Uomini molestati. La padrona concupiscente. La libidine nei quadri di derivazione biblica

Sai cos’è la Romantikstrasse austriaca? Paesaggio e cultura, estate romantica. Il percorso