Home / News / Le ultime ore di Caravaggio, le foto dei luoghi della fuga e della morte
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Le ultime ore di Caravaggio, le foto dei luoghi della fuga e della morte

Puoi ricevere ogni giorno gratuitamente sulla tua home di Facebook gli studi, gli articoli, i saggi, i filmati e le quotazione dei pittori, le notizie sulle gratuità ai musei, gli annunci e le recensioni di mostre. Basta che ti clicchi mi piace, qui sopra

La lunga lingua di sabbia e alberi della spiaggia di Feniglia, che unisce la terraferma all'Argentario. Secondo la tradizione, Caravaggio, colpito da una febbre altissima cadde sulla sabbia e fu poi recuperato da alcuni abitanti del luogo


La lunga lingua di sabbia e alberi della spiaggia di Feniglia, che unisce la terraferma all’Argentario, in Toscana. Secondo la tradizione, Caravaggio, colpito da una febbre altissima cadde sulla sabbia e fu poi recuperato da alcuni abitanti del luogo. L’artista stava tornando a Roma, dove avrebbe ottenuto la grazia pontificia e la  sospensione della condanna a morte per l’uccisione di Ranuccio Tomassoni, ai margini di una partita di pallacorda. Michelangelo Merisi, dopo l’omicidio, era fuggito nei feudi dei Colonna, poi a Napoli da dove, aiutato da Costanza Colonna, la sua protettrice, aveva preso la via di Malta, dov’era stato nominato cavaliere. A causa di un litigio con alcuni compagni d’arme era stato imprigionato ed era poi fuggito in direzione della Sicilia, da dove aveva successivamente raggiunto Napoli. Frattanto Costanza Colonna doveva aver trattato per lui con i vertici della Chiesa romana. In cambio di alcune opere e in seguito ad accordi politici era stato pianificato il suo ritorno nella capitale pontificia. Era l’estate del 1610


Una veduta ravvicinata della spiaggia della Feniglia

Una veduta ravvicinata della spiaggia della Feniglia. Caravaggio cercava di raggiungere rapidamente, pur essendo a piedi, Porto Ercole, sull’Argentario, dopo un misterioso problema con la giustizia a porto Palo, una cittadina situata più a Sud. Qui era stato arrestato e trattenuto per due giorni. Forse pagò  – o fu pagata – una cauzione per liberazione dal carcere. Sulla feluca, che proseguiva il viaggio, erano rimaste tele, effetti personali, due quadri raffiguranti San Giovanni Battista e uno che rappresentava la Maddalena.  Le opere erano probabilmente destinate a coloro i quali si erano mossi per ottenere il provvedimento pontificio. La barca, che svolgeva servizio di linea, aveva continuato la propria rotta in direzione nord, verso l’Argentario, dove avrebbe fatto sosta, per poi tornare in direzione di Napoli. Disperatamente, Caravaggio tentava di raggiungerla.

Porto Ercole. Lasciando la spiaggia della Feniglia alle spalle, secondo alcune ricostruzioni dei fatti, Caravaggio fu portato in un ospedale all'esterno del paese, gestito dai membri della Confraternita di Santa Croce.

Porto Ercole. Lasciando la spiaggia della Feniglia alle spalle, secondo alcune ricostruzioni dei fatti, Caravaggio fu portato in un ospedale all’esterno del paese, gestito dai membri della Confraternita di Santa Croce.

Dietro le palme, l'edificio che un tempo era una chiesa con ospedale annesso. Qui, secondo la tradizione, fu ricoverato Michelangelo Merisi che morì, a causa della febbre.


Dietro le palme, l’edificio che un tempo era una chiesa con ospedale annesso. Qui, secondo la tradizione, fu ricoverato Michelangelo Merisi, che morì il 18 luglio 1610, a causa della febbre, forse resa acuta dalla corsa precipitosa in direzione di Porto Ercole, nel tentativo disperato di recuperare i dipinti, indispensabili per la sua salvezza

 

A poche decine di metri dall'ex ospedale, c'era il cimitero. Qui un monumento ricorda il luogo in cui sarebbe stato sepolto il pittore, i cui resti sarebbero stati successivamente recuperati e portati in una cripta, nel centro del paese.

A poche decine di metri dall’ex ospedale, c’era il cimitero. Qui un monumento – realizzato nel 2002 – ricorda il luogo in cui sarebbe stato sepolto, in una fossa comune, il pittore, i cui resti sarebbero stati successivamente recuperati e portati in una cripta, nel centro del paese. Un dispaccio ufficiale del 31 luglio 1610 annuncia la fine dell’artista: “E’ morto Michiel Angelo da Caravaggio pittore celebre a Port’Hercole mentre da Napoli veniva a Roma per la Gratia da Sua Santità fattagli del bando capitale che aveva”. Secondo Vincenzo Pacelli, Caravaggio fu invece assassinato da emissari dei Cavalieri di Malta sulla riva di Palo di Ladispoli.  Questa ipotesi cadrebbe rispetto agli esami genetici svolti da un’équipe coordinata dall’Università di Bologna. I presunti resti di Michelangelo Merisi, conservati a Porto Ercole, sono all’85% quelli del pittore. Ciò emergerebbe dai confronti del Dna ricavato da quelle ossa con i geni dei discendenti dei fratelli del pittore

SE HAI GRADITO IL SERVIZIO E STILE ARTE, VAI ALL’INIZIO DELLA PAGINA E CLICCA “MI PIACE”. POTRAI RICEVERE COSi’, GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Chi è Fulvio Roiter, le radici di un genio fotografico. Le opere, la poetica

I segnali stradali nell’arte – Le opere di Francesco Garbelli reinventano le icone delle vie e le auto

222 Condivisioni
Condividi222
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp