Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

ll sorriso. Uno studio del Cnrs rileva la nuova arma dei volti moderni nel confronto con i ritratti antichi

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   

Elisabetta I con l’ermellino. Olio su tela attribuito a William Segar, 1585 e un ritratto fotografico di Elisabetta II

Scienziati di CNRS, ENS-PSL, Inserm e Sciences Po 1 hanno dimostrato, nella pittura europea, un aumento delle espressioni facciali di fiducia e simpatia tra il XIV e il XXI secolo . Questi risultati, ottenuti utilizzando un algoritmo di elaborazione del volto applicato a due serie di ritratti, suggeriscono un aumento del sentimento di fiducia negli altri nella società, che segue da vicino l’aumento del tenore di vita nel corso del periodo. questo periodo. Il loro studio appare su Nature Communications nel settembre 2020.
“Facendosi ritrarre, i grandi di questo mondo hanno voluto, a seconda del periodo, mostrare il loro potere e suscitare paura o, al contrario, darsi un’aria simpatica e degna di fiducia. – dicono gli studiosi del Cerns francese – Attraverso le loro fonti, gli storici avevano già percepito nel tempo uno spostamento verso una maggiore fiducia negli altri. Tuttavia, questi cambiamenti sono rimasti difficili da documentare quantitativamente. Per seguire l’evoluzione storica della fiducia interpersonale, un team di ricercatori in scienze cognitive di CNRS, ENS-PSL, Inserm e Sciences Po ha progettato un algoritmo di analisi del volto in grado di riprodurre giudizi umani sulla fiducia o simpatia espressi da un volto. Per convalidare l’algoritmo, gli scienziati lo hanno prima testato su fotografie di volti per i quali il sentimento di fiducia era stato precedentemente valutato dagli esseri umani. Durante altri test, l’algoritmo ha riprodotto le conclusioni tratte dalla letteratura scientifica relative all’impatto sulla fiducia che un viso ispira di fattori quali: età, sesso, tratti del viso o anche emozioni. espresso”.
Analizzando una collezione di ritratti inglesi del 1962 dalla National Portrait Gallery di Londra, dipinti tra il 1506 e il 2016, spiegano gli esponenti del Cerns, gli autori hanno scoperto che i segnali facciali relativi alla fiducia interpersonale sono aumentati di numero nel tempo. Sono stati anche in grado di riprodurre le loro scoperte su 4.106 ritratti della Web Gallery of Art , che copre 19 paesi dell’Europa occidentale tra il 1360 e il 1918.
“Ma questo sviluppo riflette il passaggio da società relativamente violente a società più cooperative? – si chiedono gli esperti del Cern – Per convalidare questa ipotesi, l’algoritmo è stato poi applicato a Selfiecity, un database di 2.277 autoritratti fotografici postati da semplici fruitori dei social network di sei città del mondo. La fiducia ispirata dai volti era infatti correlata alla fiducia interpersonale e alla cooperazione precedentemente misurate attraverso indagini internazionali.
Ricercando le potenziali cause di questo cambiamento, il team ha scoperto che la maggiore impressione di fiducia e affidabilità nei ritratti era più fortemente associata all’aumento del Pil pro capite che a cambiamenti istituzionali come il l’emergere di istituzioni più democratiche. Gli scienziati stanno continuando questa indagine sulla base di altre fonti, come testi letterari o produzione musicale.
A nostro giudizio sono osservazioni certamente molto interessanti. Ma non va dimenticato il fatto che il sorriso poteva dare, nel Medioevo, un’espressione stolta e il sorriso stesso, pittoricamente, è molto difficile da ottenere perchè il rischio è che il volto precipiti in un’espressione grottesca. Pertanto l’affinamento delle tecniche di ripresa dei volti, con lenti o – più recentemente – con fotografie, portarono a risolvere le questioni che si era posto lenonardo da Vinci nella Gioconda, fermandosi, evidentemente, a un sorriso accennato e raggelato della modella per evitare un mutamento della fisionomia.
Bibliografia
Tracciamento dei cambiamenti storici nell’affidabilità utilizzando analisi di apprendimento automatico dei segnali facciali nella pittura , Lou Safra, Coralie Chevallier, Julie Grèzes e Nicolas Baumard, Nature Communications , 22 settembre 2020 DOI: 10.1038 / s41467-020-18566-7 .

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!