Home / Pittura antica / Lungo viaggio in Italia, tra sogno e magia
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Lungo viaggio in Italia, tra sogno e magia

intervista di Eda Benedetti

In occasione della mostra “Viaggio in Italia”, in corso a Genova, abbiamo intervistato Giuseppe Marcenaro, curatore dell’evento insieme a Piero Boragina.

ital31Com’è nata l’idea di questa mostra?
Non volevamo fare una mostra sul Grand Tour, ma allestire una rappresentazione magica dell’Italia come doveva essere stata vista e vissuta da alcuni personaggi di forte identità, che per diverse ragioni erano venuti nel nostro paese. Abbiamo scelto il dipinto attribuito a Girolamo da Carpi intitolato “Corteo magico” (1525) quale logo dell’evento, perché ci è parso che la visionarietà dei personaggi raffigurati andasse bene per il nostro progetto.
Perché sono stati scelti questi protagonisti a non altri?
Perché abbiamo puntato su alcune peculiarità che davano ai personaggi una originalità intellettuale e umana. Facciamo alcuni esempi. Montaigne è il grande umanista del Cinquecento che viene in Italia per “curarsi i calcoli renali”. L’erotico De Sade si nasconde in Italia perché è inseguito dalla polizia francese. L’esteta Winckelmann è innamorato dell’antichità romana ma, essendo omosessuale, muore a Trieste assassinato da un fornaio conosciuto in una locanda. Goethe vuole viaggiare in incognito, arriva in Italia sotto falso nome e a Malcesine, sul lago di Garda, viene preso per una spia perché sorpreso a dipingere alcune rovine situate nel punto in cui passava il confine tra Venezia e l’Austria. Chateaubriand, che vive il passaggio storico fra l’Impero napoleonico e la Restaurazione borbonica, è inviato a Roma in missione diplomatica perché in patria è un personaggio troppo critico e quindi scomodo. Stendhal, il grande romanziere innamorato del melodramma, vuole essere “milanese” anche da morto. Ci sono personaggi francesi, tedeschi, inglesi, un americano e uno spagnolo. I russi non sono stati scelti proprio per la mancanza di evidenti peculiarità.
Nei diari di viaggio dei protagonisti sono menzionate alcune opere d’arte ammirate durante il loro soggiorno in Italia.
Certamente. Facciamo ancora qualche esempio. Montaigne ammira le sculture del Giambologna. Rubens è entusiasta delle facciate dei palazzi genovesi. De Sade è in estasi di fronte alla “Sibilla” di Guido Reni e alla “Maddalena” del Domenichino. Montesquieu a Bologna ci rende partecipi delllo smarrimento provato davanti ai dipinti di Guido Reni e dei Carracci. Henry James, durante il suo soggiorno fiorentino, è affascinato da Botticelli. Proust a Venezia si esalta per i quadri del Carpaccio.
Quanto ha inciso l’intervento del comitato scientifico consultivo nella scelta delle opere d’arte?
Devo premettere che non siamo storici dell’arte e che abbiamo voluto fare una mostra per il pubblico fuori delle diatribe attributorie. Perciò abbiamo demandato agli studiosi il compito di rassicurarci sulla bontà delle opere. Il comitato scientifico artistico, composto da Antonio Paolucci, Claudio Strinati, Nicola Spinosa, Germano Mulazzani, ha avuto un ruolo importante ed è stato da noi consultato ogni qualvolta avevamo qualche dubbio, per avere l’assoluta certezza delle nostre scelte.
Quante e quali difficoltà si sono presentate nel recupero delle opere da esporre?
Le difficoltà in tal senso sono state molte ed estenuanti, perché avevamo bisogno di opere mirate, che non potevano cioè essere sostituite da altre: quelle citate nei “Diari di viaggio”, quelle coeve ai personaggi come nel caso dei paesaggi, i ritratti di alcuni protagonisti, i libri, i manoscritti, le lettere relative a determinate situazioni. In qualche caso abbiamo scelto alcune curiosità, come la ciocca di capelli di Lucrezia Borgia e le pantofoline di Paolina Borghese, allusive al ruolo giocato da figlie e sorelle nella politica matrimoniale dei potenti.
La complessità della mostra, il numero delle opere da ammirare, la lunghezza del percorso espositivo, potrebbero causare al visitatore qualche sintomo da “sindrome di Stendhal”…
Vorrei vivamente che i visitatori avessero la sindrome di Stendhal, perché la presenza di questi sintomi significherebbe essere stati travolti dalla bellezza.

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Teste vere o di fantasia. Ma tutte inturbantate

Bernini – Pittore “moderno”, la ricerca di 150 tele perdute del grande scultore

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp