Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Manescalchi e Nutricati: “Tutti i dubbi da considerare sul presunto ritratto di Picasso attribuito a Modigliani”

Condividi:
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   

 

di Roberto Manescalchi
di Mauro Nutricati
Quando Modigliani giunse a Parigi nel 1906 portava con sé ed in nuce tutto l’apparato estetico di cui si sarebbe composta la sua Arte. Il disegno mutuava dai grandi classici toscani raccontati da Vasari con chiare influenze maturate presso la scuola di quell’insuperabile Maestro che fu Giovanni Fattori. La tecnica pittorica era e rimase per tutto il corso della sua parabola artistica squisitamente macchiaiola, con l’aggiunta di cromie proprie della coloristica veneta. L’impostazione generale del suo figurato risentiva di una notevole conoscenza della statuaria classica con evidenti tributi anche alla scultura di Giovanni Pisano.

blank
Modigliani e Picasso a Montparnasse, Parigi nel 1916

Riteniamo che Egli non ebbe nessun debito nei confronti di Brancusi, Picasso e quant’altri. Uno stereotipo ripetitivo e noioso quello dell’influenza primitivista fin troppo abusato che ha di fatto impedito di apprezzare l’unicità del Nostro da parte di chi ha voluto necessariamente inserirlo in una corrente artistica. I soliti luoghi comuni affollati da chi si adagia su facili cliché. Ha imparato da Brancusi o dagli scalpellini di Pietrasanta prima di arrivare a Parigi? Nessun dubbio… dagli scarpellini di Pietrasanta che, con nel DNA  traccia  degli spermatozoi di Michelangelo, sapevano tagliare il marmo indubbiamente meglio di quanto avrebbe potuto fare Brancusi fosse campato dieci vite! Ci avete fatto venire un’orchite monumentale con la storia di Brancusi maestro di Modigliani. Un microbo di fronte a un gigante senza se e senza ma e così lo abbiamo detto in modo caustico e definitivo!
Noi pensiamo che Modigliani fu certamente il più colto e raffinato tra gli artisti che componevano quel proteiforme universo della bohème parigina e, pur nel mutuo confronto che indubitabilmente esiste nel mondo dell’arte, restò un unicum che va esplorato soprattutto alla luce della tradizione artistica italiana e delle suggestioni sopra indicate.
Del tutto peculiari furono, altresì, le relazioni umane che quegli intrattenne con gli amici, i detrattori e le innumerevoli amanti. Tra le sue “amicizie” più discusse e controverse è da annoverarsi quella con Picasso. Sembra che il Nostro stimasse l’opera dello spagnolo ma che non ne apprezzasse il lato umano. Si narra che Picasso, una notte, in preda ad una accesso artistico, abbia impudentemente utilizzato un dipinto di Modigliani come supporto per dare libero sfogo alla propria vis creativa. Una mancanza di riguardo da parte del malaghegno senza precedenti nella storia dell’arte, un atto del quale lo spagnolo sembra si sia presto pentito. In un’altra occasione Modigliani afferrò Picasso per il bavero della giacca per avere avuto lo spagnolo l’ardire di appellare il livornese, in un’accezione dispregiativa, ebreo.
Ciononostante, lo stesso Picasso si prestò, come accadeva sovente in quei circoli, come modello per qualche ritratto eseguito da Modigliani: alcuni disegni e due dipinti, di cui uno oggetto del presente articolo.
Il celebre “ritratto di Picasso” (Fot.1)

blank
Foto 1

compare sulla scena negli anni ’80 del secolo scorso e sembra che a riportarlo alla luce sia stata la figlia Jeanne, un’opera che pare appartenuta al pittore e collezionista Burty Frank Havilland (ritratto dallo stesso Modigliani) e che poi fece un passaggio da Sotheby’s, infine il possesso da parte di una collezione privata come spesso accade per le opere dell’artista Labronico. Burty Frank Haviland, morto nel 1971, ovviamente, nulla ci può dire a riguardo.
Ebbene, intanto riteniamo che il soggetto effigiato non sia il malaghegno e ciò per una serie di motivi che affronteremo nel corso di questa trattazione.
Il principale attiene alla pressoché totale dissonanza e mancanza di aderenza tra il dipinto in questione e gli altri ritratti di Picasso oggi conosciuti, siano essi dipinto ( in Fot.2) del 1915 o il disegno (in Fot. 3).

blank
blank
Foto 2
blank
Foto 3

In più, vi è un particolare passato certamente in sordina e che attiene alla posizione della scriminatura, caratteristica all’apparenza trascurabile ma che rivela un’irrimediabile carenza della tecnica compositiva e figurativa tipica di Modigliani, artista accuratissimo nel riportare nelle proprie opere i principali tratti fisiognomici caratterizzanti il soggetto preso a modello.
Non sorprenda il lettore il riferimento alla coerenza raffigurativa nell’opera dell’artista livornese: seppur deformate anastigmaticamente, senza mai, tuttavia, degradare nel grottesco, le sue figure conservano una aderenza pressoché totale rispetto al modello, a riprova del fatto che egli era profondamente realista.
Questo aspetto ci porta a considerare il particolare estetico sopra descritto come un elemento di vitale importanza nell’economia della critica dell’opera di cui trattiamo.
Orbene, se analizziamo le foto d’epoca che ritraggono lo spagnolo é innegabile che questo fosse aduso alla scriminatura sulla sinistra rispetto all’osservatore (Fot. 4, 5).

blank
Foto 4
blank
Foto 5

e questo prima della totale calvizie così come nell’immaginario collettivo lo ricordiamo Anche Modigliani lo ritrasse in quel modo nel dipinto del 1915 e nel disegno (Fot. 2 e Fot. 3)

blank
Foto 2
blank
Foto 3

Dunque, perché nell’opera in analisi la scriminatura é posta a destra rispetto all’osservatore?
E se non fosse Picasso chi è il soggetto effigiato? E’ forse uno dei tanti amici che componevano il microcosmo dei café? Oppure una qualche meteora anonima di quel mondo bohémien?
Ad onor del vero va detto che lo stesso Pablo si ritrasse, talvolta, con scriminatura a destra

di chi osserva nonostante tutte le foto d’epoca ci consegnano un dato contrario, coerente, come abbiamo accennato, con i ritratti dello stesso Modigliani e degli altri artisti che ebbero modo di conoscerlo e, anche loro, di ritrarlo. Questo significa, secondo noi, che l’inversione speculare adoperata da Picasso nell’autoritrarsi (Fot. 8, 9)

blank
Foto 8
blank
Foto 9

sia una concessione da ascrivere alla sua esclusiva libertà, non potendo appartenere agli altri occasionali ritrattisti vincolati, come erano, al dato reale. Dato reale per altro confermato anche dal grande spagnolo, se non nel primo, in uno dei primissimi autoritratti (Fot.7)

blank
Foto 7

A dirla tutta nutriamo anche delle perplessità di natura tecnica sulla coerenza dell’opera in questione rispetto al novero di quelle certamente attribuibili al labronico.
Premesso che Modigliani era un maestro nell’equilibrio della forma, molto spesso giocato su pesi, campiture e chiaroscuro, l’ideale linea di mezzeria (Fot.10)

blank
Foto 10

tracciata sulla tela ci permette di rilevare, in modo inequivocabile, lo squilibrio formale della testa, che pesa molto di più sulla metà di sinistra di chi osserva. Disegnata male e dipinta anche peggio da un Modigliani ubriaco? Neanche da ebbro, secondo noi, avrebbe potuto partorire un simile pasticcio. E se Modigliani era solito, come anticipato, puntare sull’equilibrio delle sue composizioni, in questo caso la campitura segnata con “C” nella foto di riferimento non raggiunge lo scopo di riequilibrare l’opera e nemmeno si può, in questo senso, immaginare un più fausto sviluppo della composizione laddove la si volesse considerare un mero studio e/o un abbozzo.
Inoltre, non riusciamo a giustificare, nella sistematica della elaborazione, il raccordo triangolare tra volto e collo contrassegnato con “b”. Non abbiamo contezza di tale soluzione nella produzione modiglianesca, né riusciamo a comprenderne la finalità formale.
Passando in rassegna gli altri elementi che compongono il ritratto non possiamo non soffermarci sull’elefantiaco orecchio segnato in “a” che risulta essere troppo vicino al bordo sinistro della tela, implicando un fuori quadro del soggetto che inficia irrimediabilmente la creazione, non potendo, anche qui, prefigurare alcun sviluppo compositivo che con una contrapposizione di campitura potesse rendere possibile quell’equilibrio formale che Modigliani non perdeva mai. Anche la macrocefalia e l’orecchio in “d” malamente staccato dall’anatomia completano un quadro oltremodo pasticciato.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo a cura della redazione di Stile arte

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti.

Vuoi rimanere aggiornato su offerte, occasioni, gadget a prezzi stracciati? Moda, arte, tecnologia sono la tua passione? Segui il nostro canale Telegram. Stile arte seleziona per te i prezzi del momento. Buoni, sconti e opportunità da cogliere al volo. L'iscrizione è semplice e grautita, Clicca qui per iscriverti al canale: https://t.me/stilearte Sei poco pratico di Telegram e vuoi capire di cosa si tratta? Leggi questo nostro approfondimento -> https://www.stilearte.it/?p=279033

Colori a olio: ecco le recensioni:

MAIMERIblank: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeriblank
 
blank
Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)
   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talensblank

blank
Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui
E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.
blank
Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui
  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrarioblank  
blank
CASSETTA IN LEGNO DI FAGGIO MISURE 30X40 COLORI OLIO VAN DYCK FERRARIO
  OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Hollandblank
blank
Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio
WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburgblank
blank
Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione
WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTONblank
blank
Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.