Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Mantegna utilizzava oro e colla per impreziosire le “sculture dipinte”

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

statuadorata1Pittura e scultura. Da sempre due modi completamente diversi di rappresentare la realtà che ora, tra la prima e la seconda metà del Quattrocento, vengono più intensamente in contatto.
A Padova, nella bottega di Francesco Squarcione entrano raffinati marmi ellenici, recuperati nel corso di complicate spedizioni in Grecia, che serviranno da modello per i quadri degli allievi, tra cui si distingue per destrezza un ancor giovane Mantegna. Dalla pietra alla tela. Andrea appare subito colpito da questo connubio tanto che, ammirato dalle sculture realizzate da Donatello durante il suo lungo soggiorno padovano, tenta di emularne i risultati in pittura. Da qui ha origine la visione statuaria dei corpi e dei volti, che diventerà la summa artistica di Mantegna.



Ciò trova particolare riscontro in alcune opere quali la Madonna della tenerezza (la sfida pittorica con lo Squarcione di cui Stile si è già ampiamente occupato negli scorsi numeri), Giuditta con la testa di Oloferne e Didone. In particolare le ultime due opere citate sono caratterizzate da un aspetto talmente particolare da renderle uniche nel loro genere. L’artista crea due sculture (ma con i pennelli anziché con lo scalpello), che vogliono imitare non il marmo, o più in generale la fredda pietra, ma il bronzo.


E il risultato è tale che, come è descritto nel catalogo Skira dedicato alla mostra Mantegna a Mantova 1460-1506, “l’imitazione del bronzo è talmente perfetta da dare veramente la sensazione di trovarsi di fronte ad un bassorilievo dorato, montato contro lastre di verde africano”. Ciò dà l’impressione che sulla tela siano stati inseriti pezzi reali, tridimensionali. Come è stato possibile raggiungere un tale risultato? Applicando il colore con tempera a colla e oro su tela.
Il calore, la brillantezza, la profondità e il forte effetto chiaroscurale sono infatti donati dalla presenza del prezioso metallo tra le setole dei pennelli.
 

Be First to Comment

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!