Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
clicca, a destra, "Mi piace".
Particolare: Marc Chagall I fidanzati su sfondo blu, 1931-32 Olio su tela, 24x19,2 cm Private Collection, Swiss © Chagall®, by SIAE 2019

Marc Chagall. Un sogno d’amore, nello spazio lirico e fantastico del sogno

 di Dolores Durán Úcar, curatrice della recente mostra “Marc Chagall. Sogno d’amore” a Napoli

Nel corso della sua vita, Marc Chagall ha costruito attraverso i suoi dipinti e scritti un mondo estremamente personale, uno spazio lirico, poetico e fantastico in cui tutto è possibile. I personaggi volano come se fossero uccelli; le slitte scivolano sopra le nuvole; la musica dei violinisti risuona fra i tetti; ci sono esseri bicefali, donne con teste di capra, gatti dal volto umano; i galli si possono cavalcare, gli asini camminano sui tavoli e gli innamorati si accarezzano dolcemente sotto mazzi di fiori variopinti.

Marc Chagall La brocca di fiori, 1925 Olio su tela, 69,8×49,5 cm Private Collection, Swiss © Chagall®, by SIAE 2019

Un mondo di sogni dai colori squillanti, di sfumature intense che danno vita a paesaggi popolati dai personaggi, reali o immaginari, che si affollano nella fantasia dell’artista. Marc Chagall è vissuto a lungo ed è morto quasi centenario. Nasce nel 1887 a Vitebsk, in Russia. L’infanzia sarà determinante nel suo lavoro. Ci ha lasciato testimonianza di quegli anni nell’autobiografia del 1923 intitolata La mia vita, il libro – originariamente scritto in russo – che illustrò personalmente e venne pubblicato a Parigi nella traduzione della moglie, Bella Chagall. In esso l’artista riporta i suoi ricordi infantili: il nonno che trascorreva le giornate tra la stufa e la sinagoga; il sospirato ritorno dal lavoro
del padre che ogni sera portava a casa dolci e pere candite; le serate trascorse accanto al braciere con la madre che aveva sempre voglia di parlare e poi piangeva. I primi giorni di scuola; le estati a Lëzna, con la sua chiesa bianca nella piazza principale. La visita settimanale alla sinagoga dove cantava e sognava di essere un violinista. E la speciale reminiscenza del manifestarsi del desiderio di diventare un pittore:
“Un bel giorno (ma tutti i giorni sono belli), mentre mia madre con la pala stava infornando il pane,
la afferrai per il gomito bianco di farina e le dissi: ‘Mamma, voglio fare il pittore’”.
È quello l’inizio della sua lunga avventura.

Marc Chagall Il gallo viola (part), 1966-72 Olio, gouache e inchiostro su tela, 89,3×78,3 cm Private Collection, Swiss © Chagall®, by SIAE 2019

Dapprima frequenta l’accademia di Yehuda Pen a Vitebsk, dove copia le figure in gesso che gli mettono davanti e usa solo il colore viola quando gli viene consentito di dipingere. A Vitebsk conosce Viktor Mekler, l’amico – rampollo di una famiglia benestante – con il quale si
recherà a San Pietroburgo nell’inverno del 1906. Con pochissimo aiuto da parte della famiglia, senza un soldo e senza permesso di soggiorno, ha difficoltà a tirare avanti nella grande città e spartisce una stanza con operai e commercianti. Ma prosegue con risolutezza la sua formazione, prima alla scuola della Società imperiale per la protezione delle belle arti e più tardi presso l’accademia di pittura Zvantseva, più liberale.

Nello stesso periodo l’amica Thea Brachman – che gli aveva fatto da modella per Nudo rosso – presenta il giovane pittore a Bella Rosenfeld, che diventerà la donna della sua vita. Chagall si innamora perdutamente: “Bastava che aprissi la finestra della mia camera e vi entravano l’aria blu, l’amore e i fiori”.

Marc Chagall Il carretto sulla città, 1981 Tempera su masonite, 40,6×33 cm Private Collection, Swiss © Chagall®, by SIAE 2019

Nel 1910 Chagall si trasferisce in Francia grazie al patrocinio dell’avvocato e scrittore Maxim Vinaver, un deputato della Duma. La sua prima impressione non è affatto positiva:  “Solo la grande distanza che separa Parigi dalla mia città natale mi ha trattenuto dal tornarvi
immediatamente o al più tardi dopo una settimana o un mese. Ho persino pensato di inventare delle vacanze per poter tornare a casa. Il Louvre ha spazzato via tutti quei dubbi. Quando attraversavo la sala circolare del Veronese e quelle in cui sono esposti i quadri di Manet, Delacroix e Courbet, non desideravo nient’altro”.

Parigi era diventata il centro nevralgico della ricerca creativa e richiamava frotte di giovani interessati all’arte. Era la capitale delle avanguardie, la città in cui gli artisti convergevano affascinati dall’atmosfera bohémien, dai caffè cosmopoliti, dalla possibilità di frequentare
accademie e musei, ed erano soprattutto attratti dai Salon che offrivano loro l’opportunità di esporre le proprie creazioni.

Marc Chagall Grande nudo, 1952 Inchiostro e acquerello su carta, 63,7×47,6 cm Private Collection, Swiss © Chagall®, by SIAE 2019

 

Vi fermentavano movimenti quali il fauvismo, la pittura di “selvaggi” che, senza alcun timore, con una tavolozza audace e pennellate del tutto libere, si opponevano alla prima clamorosa rottura con la tradizione delle belle arti, quella promossa dagli impressionisti. Il cubismo, geometria e scomposizione delle forme, rappresentazione intellettualizzata dell’oggetto. L’espressionismo, ricerca di una trascrizione diretta delle emozioni in pittura. Il surrealismo, l’orfismo…

Marc Chagall Villaggio russo, 1929 Olio su tela, 73×92 cm Private Collection, Swiss © Chagall®, by SIAE 2019

Le varie tendenze in cui si coagulavano le più avanzate aspirazioni artistiche che in Italia, intorno al 1910, avrebbero dato origine al primo futurismo.
Chagall non è certo all’oscuro di tutte quelle correnti, ma a causa del suo grande desiderio di indipendenza e libertà non aderisce a nessuno dei movimenti d’avanguardia, sebbene la loro influenza si rifletta nelle sue opere. A Parigi frequenta l’accademia della Palette, diretta da Le Fauconnier e Metzinger, e la Grande Chaumière, in cui gli studenti hanno la possibilità di ritrarre dal vero modelli nudi. Visita i musei e
mostra una certa predilezione per il Louvre. Vede le esposizioni di Matisse, Bonnard e i pochi altri grandi maestri cui vengono dedicate mostre personali.

Bazzica gli studi degli artisti a Montparnasse. E stringe amicizia con pittori quali Fernand Léger, Amedeo Modigliani, Albert Gleizes, Jean Metzinger, André Lhote, Pablo Gargallo, Sonia e Robert Delaunay…
Nel frattempo si prepara a partecipare ai Salon che lo avevano tanto impressionato al suo arrivo nella capitale francese. Nel 1911 invia per la prima volta delle tele – La stanza gialla e Interno II – a una delle esposizioni più importanti, il Salon d’Automne, ma l’esperienza si rivela un fallimento dal momento che entrambe le opere vengono respinte.

Tuttavia il giovane non si arrende e un anno dopo, come nelle successive edizioni, presenta con grande successo le sue composizioni al Salon des Indépendants. Un altro avvenimento decisivo, nel 1912, è il suo trasferimento presso la residenza per artisti La Ruche (l’alveare), in cui trova uno studio più ampio e spazio a sufficienza per realizzare dipinti di grande formato. Grazie agli affitti economici, presso La Ruche lavorano in un ambiente particolarmente propizio oltre cento pittori provenienti da tutto il mondo. Sebbene abbia per vicini figure quali Jacques Lipchitz, Ossip Zadkine, Amedeo Modigliani, Oleksandr Archipenko e Chaïm Soutine, il giovane artista russo, ossessivamente dedito al suo lavoro, ha pochi contatti con i colleghi.

Marc Chagall Davide e Golia, 1981 Tempera su masonite, 40,6×31,7 cm Private Collection, Swiss © Chagall®, by SIAE 2019

Si rivelerà invece decisivo per il suo lavoro il rapporto con uomini di lettere quali André Salmon, Max Jacob e soprattutto Blaise Cendrars, un giovane poeta svizzero che aveva trascorso alcuni anni in Russia e del quale Chagall diventa amico. Cendrars, assai ben introdotto nell’ambiente artistico e intellettuale parigino, gli presenta il poeta e influente critico Guillaume Apollinaire che, secondo quanto racconta il pittore nelle sue memorie, quando per la prima volta vide le sue tele:
“Arrossì, si entusiasmò, sorrise e mormorò: ‘soprannaturale!’”.
L’ammirazione tra i due fu subito reciproca e il giorno dopo Apollinaire inviò a Chagall una poesia intitolata Rotsoge, ispirata dalle emozioni provate dal poeta nello studio del pittore.

Marc Chagall Nozze sotto il baldacchino, 1981 Tempera su masonite, 40,6×31,7 cm Private Collection, Swiss © Chagall®, by SIAE 2019

È proprio grazie ad Apollinaire che Chagall entra in contatto con il gallerista tedesco Herwarth Walden. Questi lo invita a partecipare al Salone d’Autunno berlinese del 1913 e nel giugno del 1914 organizza la sua prima personale in Germania. Nei due locali della galleria sulla Potsdamer Strasse, adiacente alla redazione della rivista Der Sturm, fondata dallo stesso Walden, verranno esposte oltre trenta tele e un centinaio di acquerelli disposti sui tavoli. Grazie a quella mostra e alle numerose vendite cui darà luogo, il nome di Chagall inizia a guadagnare fama a livello internazionale.

Dopo la mostra a Berlino, il pittore si prepara a tornare a Vitebsk. Vuole recuperare le proprie radici, riscoprire i paesaggi dell’infanzia, rivedere i familiari, accompagnare la sorella all’altare, ma soprattutto “tornare da lei”. Sebbene abbia intenzione di tornare a Parigi dopo una breve permanenza, lo scoppio della Prima Guerra Mondiale, seguito dalla rivoluzione bolscevica, lo costringe a restare nel suo paese fino al
1922. In Russia sposerà Bella e nascerà sua figlia Ida, due protagoniste di molti dei suoi quadri. Durante quel periodo, Chagall concilia la pittura con altre attività: trova impiego nel dipartimento stampa del ministero della guerra, viene nominato commissario per le belle arti a Vitebsk e organizza la scuola d’arte cittadina. Più tardi si stabilisce a Mosca, dove collabora con il Teatro d’Arte Ebraico e insegna in alcuni corsi.

Dà il suo contributo alla causa rivoluzionaria, ma rimane presto deluso. Data la precaria situazione economica, riesce a malapena a soddisfare le necessità della sua famiglia. Decide di ripartire. Lo stato d’animo di Chagall in quel frangente si riflette pienamente nelle sue
memorie: “Quei cinque anni ribollono nella mia anima. Sono dimagrito. Ma ho anche fame. Voglio rivedervi di nuovo G…, C…, P… Sono stanco.  Tornerò con mia moglie e mia figlia. Mi stenderò accanto a voi. E magari l’Europa mi amerà, e con lei la mia Russia”.

Nel 1922 Chagall si trasferisce a Berlino, dove cerca, con scarso successo, di recuperare i dipinti che aveva lasciato in città. La guerra e la successiva inflazione lo hanno ridotto in una situazione finanziaria insostenibile. In compenso, il suo prestigio e la sua fama stanno aumentando. Nel settembre del 1923, il pittore ritorna finalmente con la famiglia in Francia, il paese in cui trascorrerà il resto dei suoi giorni, tranne quando – negli anni Quaranta – sarà costretto a rifugiarsi negli Stati Uniti per sfuggire al nazismo, come molti artisti ebrei.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talens

Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui

E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.

Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne