Home / Pittura contemporanea / Marino e Marinetti erano gemelli
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Marino e Marinetti erano gemelli

di Vera Bugatti

Al termine barocco, oltre ad individuare l’atteggiamento di un periodo storico preciso, sembra contenere in sé una categoria estetica universale, che supera l’applicazione stilistica fiorita nel Seicento e Settecento. Paradossalmente oggi giorno viene usato più al di fuori del contesto storico al quale si riferisce che in relazione ad esso.
Si parla di barocchismo, di fare barocchesco, figura spesso raddoppiata in grottesco, ma anche in bizzarro, deforme, strambo, con effetti di sinonimia o di endiadi che nascono dall’ipostasi ideologica del primo Novecento italiano la quale ha recuperato dal classicismo settecentesco e dal misticismo romantico la condanna delle trovate strambe, arzigogolate e ingegnose degli artisti barocchi: l’impostazione ideologica che Croce ha incarnato alla perfezione, ma che già si percepiva chiaramente in Muratori. Il Barocco veniva liquidato come stagione dell’onirico, dell’abnorme, del patologico.
L’eredità di questa critica ha però visto crescere studi sul Barocco che, a partire dai primi anni ’40 del secolo scorso, hanno rivalutato quel periodo soprattutto in rapporto al problema retorico e compositivo, cioè sul piano dello stile e della lingua.
C’è infatti un filo rosso che lega il Barocco, le Avanguardie storiche e il plurilinguismo della poesia sperimentale contemporanea. La semantica barocca, come la vide Barthes, aperta alla proliferazione del significante, infinita e pur tuttavia strutturata, si riflette per esempio nella ricerca di Gaetano delli Santi, poeta, narratore e critico, scultore e pittore, autore di un libro – La forza generativa del Barocco -, saggio curioso concepito in forma dialogica, che simula una conversazione fra due interlocutori, Sanbollito e Barsabucco, dietro ai quali è facile intravedere – nomen omen – i sostenitori rispettivamente delle tesi classicistiche e barocche. Con il procedere del confronto è lo stesso Sanbollito, persuaso dalla dissertazione di Barsabucco, ad avanzare l’ipotesi della connessione tra Barocco e Avanguardia, tra Marino e Marinetti, tra Apollinaire e Daniello Bartoli, sia sul piano estetico che su quello teorico. L’Avanguardia si configura quindi come il linguaggio artistico che più si è servito degli espedienti retorici del Barocco.


Il testo dialogico si completa poi, come una scatola cinese, di microsaggi e ipertesti didattici direttamente richiamati dal testo principale, mentre il progetto iconografico del volume, frutto di un lavoro di rielaborazione di riproduzioni di opere d’arte, è concepito dai suoi autori quale chiave di lettura dei concetti esposti verbalmente, considerato arricchimento e ulteriore spunto di riflessione.
Si potrebbe affermare che più che un volume sul Barocco è un volume barocco, prodotto di un poeta che sente propria, nelle sue diverse manifestazioni, la forza generativa di quel periodo, finché Seicento, avanguardie storiche e plurilinguismo contemporaneo non finiscono col compenetrarsi in una veste antilirica e desublimata, in un vortice surrealista che procede per accostamenti sorprendenti e slittamenti semantici. Il contraltare è sempre il medesimo: l’opporsi a una “tradizione petrarchista” che “tiranneggia” in un sistema linguistico sociale ristagnante.
La tensione intersemiotica tra i vari linguaggi si coglie per esempio nella trattazione allegorica del campanile a spirale di Sant’Ivo alla Sapienza del Borromini, in un modo che potrebbe considerarsi una buona strategia didattica. I significati cosmici cui rimanda la struttura geometrica della spirale si estendono infatti nell’ipertesto in parallelo all’analoga diffusione del suono delle campane, le cui onde sonore si fanno recepire attutite dalla lontananza e perciò si considerano metaforicamente restituite dal cielo nella loro purezza. Poi si sovrappone il disegno del progetto di Sant’Ivo all’immagine fotografica del campanile, rimandando al minareto iracheno della moschea di Samarra e alla torre di Babele, a suggerire un possibile collegamento tra il linguaggio babelico e l’architettura borrominiana. Il campanile di Borromini è posto così in alto da tentare di congiungere l’elemento terreno con quello cosmico, cercando l’approssimarsi di quei contrari la cui legge secondo Bruno governa la natura intera. Nelle pulsioni alla base del volume, il Barocco finisce per diventare quasi un pretesto, nello stesso modo in cui, nella pratica degli scrittori barocchi, il codice linguistico si sovrappone e si sostituisce al messaggio, divenendo così oggetto di un discorso che esplora se stesso.
Ritorna alla mente la frase di Benjamin: “Il Rinascimento esplorava l’universo, il Barocco le biblioteche. La sua riflessione si risolve nella forma del libro”. La visione barocca – e galileiana – del mondo sotto forma di libro, da interpretare così come si decifra una lingua, è in fondo la legittimazione di una verità data nel linguaggio, che non è più un mero ponte tra mente e oggetto, ma che in sé si sostanzia.
Una definizione puntuale del Barocco artistico è sempre stata una problematica aperta, cui gli storici hanno proposto un ventaglio di soluzioni, inaugurando i caratteri contemporanei della storia dell’arte. Dell’inevitabile sbocco futurista del Barocco ha parlato Achille Bonito Oliva (tra gli altri), in relazione all’esplosione delle forme nello spazio e alla conseguente possibilità di portare pittura e scultura fuori dalla cornice, nello spazio della realtà, seguendo una pulsione intrisa di progettualità.
Così per Delli Santi infiniti anelli di congiunzione tra l’estetica barocca e il credo delle avanguardie sono la sfida alla forza di gravità, l’estasi, l’interdisciplinarietà nelle arti, la discordia concors, l’ermetismo, il linguaggio babelico e pluralistico, la satira, la teatralità, l’allegoria del femminile, il
de-composto, il sublime e l’infido, la percezione sinestetica, l’antiaccademismo, la retorica della carne (da Loyola a Sade) e via dicendo. Alcuni aspetti del Barocco affioreranno infatti nel Decadentismo europeo con la crisi dell’io, nelle Avanguardie storiche con la distruzione dell’io, e nel Post-modernismo con la multiformità aleatoria dei linguaggi.


Le forme che “proliferano come un mostro vegetale” si riscontrano così sia nell’arte barocca che nel Surrealismo, da Arcimboldo ai poeti del XVI secolo che trasformavano la donna amata in un “blasone floreale”, all’Union libre di Breton. Medesimamente Bruno, Salvatore de Rosa e altri autori barocchi, insieme a molti dell’Avanguardia, si scagliarono con il feroce armamentario linguistico della polisemia e del pluristilismo contro le regole della letteratura sentimentale e garbata dei loro secoli (Delli Santi parla di petrarchismo strisciante, di “bembismo”) in un continuo riaffiorare di fiumi carsici, che vive ancora oggi.

Gaetano delli Santi, La forza generativa
del Barocco. L’eredità estetico-linguistica
del Barocco alle Avanguardie, Fabio d’Ambrosio editore, 208 pagine, 40 euro.

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Nudi tra i fiori che colpiscono tutti i sensi. Le opere di Nancy Depew. Il video

Odd Nerdrum, la bellezza della malinconia – Quotazioni gratis e opere

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp