Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
clicca, a destra, "Mi piace".

Miracolo Sistina

di Maurizio Bernardelli Curuz

“Stile” intervista Giovanni Gentili, coordinatore scientifico dell’Ufficio mostre del Meeting di Rimini.

xx_9

La prima sezione della mostra riguarda quello che potremmo definire il “Michelangelo pop”, cioè l’incidenza che l’immagine della Cappella Sistina ha avuto sull’immaginario collettivo anche negli oggetti d’uso, nel mondo a noi contemporaneo. Ma il cuore della mostra parte dalla origini della Cappella e sua destinazione.
Sì, partiamo dalle mani di Michelangelo, icona ricorrente. Abbiamo affrontato questa sezione con tanta saggezza per evitare la stanza degli orrori o il mercato. L’indagine passa attraverso qualche oggetto estremamente rappresentativo, attraverso i francobolli, il cinema, l’arte contemporanea, la maiolica ottocentesca, la ripresa dei dipinti. Si tenga conto che i primi disegni presi dalla Cappella Sistina vengono eseguiti da grandi artisti – e tra costoro Federico Barocci – che copiano le figure del “Giudizio universale”. Ma veniamo al nucleo della Sistina. Sostituisce la Cappella Magna, luogo in cui il Papa celebra cerimonie riservate, alle quali sono ammessi soltanto alcuni ecclesiastici e famigli. La svolta è provocata dalla necessità di ampliamento e abbellimento di quello spazio. Bisogna tener conto del fatto che Sisto IV si colloca come grande innovatore in una Roma a lungo abbandonata. Sicché, entro questa nuova cornice d’impegno, rientra anche il lavoro sulla cappella. Il papa dà ordine che siano elevati muri, al punto che i problemi di sostruzione si manifestano immediatamente, sollecitando l’apposizione di scarpate di rinforzo. Il contratto del progetto decorativo (1481) coinvolge Pietro Perugino, Botticelli, Ghirlandaio, Cosimo Rosselli, che sono i quattro cofirmatari. L’opera di altre “mani” importanti è emersa nel corso dei restauri, come quella di Luca Signorelli o di Bartolomeo della Gatta accanto ad altri capi bottega. Grandi maestri fiorentini che in pochi mesi, con un contratto capestro, affrontano l’impresa. Tutto deve essere finito nel 1483: 2500 metri quadrati di muri, compresa la volta che fu realizzata in lapislazzuli blu con stelle d’oro.

Papa Giulio II eredita la Sistina da Sisto IV dal quale lo spazio ha preso il nome. Egli decide di rivedere globalmente il piano decorativo.
Francesco della Rovere, nipote di Sisto IV, si fa chiamare Giulio. Vuole così stendere una linea di continuità con la gens Iulia, stirpe imperiale. Vuole glorificare il papato, se stesso; vuole rendere onore alla propria famiglia. Intende trasformare Roma da città medievale in città moderna, cioè rinascimentale. Il pretesto gli è fornito da una grossa crepa che si è aperta nella volta, tra Quattrocento e Cinquecento. Sanato il problema, si giunge al rinnovamento degli apparati decorativi. Così il pontefice chiede a Michelangelo di rappresentare sulla volta le figure dei dodici apostoli. Michelangelo, ovviamente, prova a realizzare il progetto, ma un certo punto non sopporta più di essere prigioniero di uno schema. Torna sui ponteggi e distrugge ciò che fino a quel momento ha dipinto. Progetta tutt’altro e dipinge da solo, senza aiuti, nel giro di tre anni, ciò che ora vediamo.

In una composizione poetica, Michelangelo afferma che è impossibile concepire pensieri dritti, quando si lavora in posture disperate.
Sì, ma non è vero che Michelangelo fosse costretto a dipingere sdraiato, come è narrato dalle pagine di mitologia pittorica di area inglese. Lavora in piedi. Possediamo schizzi, conservati presso gli Uffizi e Casa Buonarroti, in cui disegna il ponteggio della volta e si rappresenta in posizione eretta. Certo, questo non vuol dire comodità. Vuol dire lavorare nell’oscurità, tra i fumi delle candele della chiesa – che nel frattempo resta aperta -, dei bracieri, degli incensi. Nel breve trattato “Rimedi per le malattie degli occhi”, conservata alla Biblioteca vaticana, affronta gli insulti oflalmici e le possibili terapie. In effetti Michelangelo rischia di perdere la vista a causa dell’oscurità, dei fumi.

In base al lavoro svolto durante i restauri e alle testimonianze dell’epoca voi avete ricostruito le tecniche esecutive adottate da Michelangelo. Come operava? E’ confermata la notizia in base alla quale lavorava pittoricamente da solo?
Non ci sono mani coeve a Michelangelo. L’artista usufruiva di una grossa bottega, che comunque era utilizzata per riportare i disegni sui cartoni, per preparare gli spolveri o le linee di incisione, per la macinatura dei colori e la predisposizione dei leganti. E poi carpentieri e muratori per la stesura della malte. Ma il gesto pittorico non è condiviso con nessuno. Sia nella volta che nel “Giudizio universale”.

Il “Giudizio universale” fu dipinto tra il 1536 e il 1541 su incarico di Paolo III come decorazione della parete d’altare. Perché furono distrutti i cicli esistenti e da cosa fu originata questa singolare, terribile, scelta del soggetto?
E’ un’epoca di forti traumi per la Chiesa e per Roma. Il Sacco risale al 1527, la città vive anche il dramma della Riforma luterana. Restano, nel ricordo di tutti, le immagini della basilica di San Pietro saccheggiata. Rimangono indelebilmente i segni di una sacralità profanata. Clemente VII, un Medici, al quale si deve la committenza del “Giudizio”, accetta e assume questa straordinaria scelta iconografica, che ribalta i termini della tradizione, se si considera che il “Giudizio” è generalmente riservato alla controfacciata. Clemente lo vuole invece davanti a sé. E’ un segno dei tempi ultimi, dell’urgenza di purificazione della Chiesa. Teniamo conto che il papa celebrava Messa, avendo davanti agli occhi quelle immagini. I suoi occhi erano accolti dall’antro del Purgatorio, mentre ai lati potevano osservare la rappresentazione – di derivazione dantesca – di Minosse e dell’Inferno e le immagini delle anime contese da demoni e angeli. Al posto del “Giudizio”, in precedenza, c’erano le opere che rappresentavano la nascita di Mosè e di Cristo. Al centro una pala con la Vergine Assunta, alla quale la cappella è dedicata. Michelangelo è costretto a distruggere il Perugino e due proprie lunette della volta, corrispondenti alle parti del “Giudizio” in cui disegna gli angeli con gli strumenti della passione.

Vi siete occupati anche del modo in cui il “Giudizio” fu accolto presso la società dell’epoca. Quali furono le opinioni più ricorrenti?
Plausi e critiche. Critiche feroci. Aveva molti nemici. I mutamenti introdotti dalla Controriforma portarono al noto episodio della copertura delle nudità. Nel 1564 Daniele da Volterra mette le brache sui corpi di alcuni personaggi. Di alcuni, ma non di tutti. Restano nudità inspiegabili, come quella del violentissimo Minosse.

Minosse, come demonio, poteva forse esibire “le vergogne” che attenevano, secondo la nuova morale, al repertorio satanico… Un’importante approfondimento è dedicato alle diverse modalità pittoriche tra l’approccio al “Giudizio” e quello alla volta.
Passano trent’anni, tra il lavoro della volta e quello del “Giudizio universale”. Trent’anni, un tempo infinito. Michelangelo è già molto anziano quando mette mano al “Giudizio”. Le differenze? Anzitutto nell’opera della maturità egli manifesta l’abbandono di un certo classicismo fiorentino che, nella volta, è ancora intenso (ricordiamo a questo proposito la famosa scena della creazione di Adamo) e si avvicina sempre più al “manierismo”. L’uso dei cangianti – già praticato in una certa qual misura nella volta – si fa sempre più intenso. Entrano in campo forme contorte che preannunciano il barocco. Il “Giudizio” è una grande macchina teatrale, che noi, in mostra, cerchiamo di muovere ulteriormente con filmati, al suono della musica che fu realizzata in quegli anni per i pontefici.

C’è poi il capitolo dei restauri.
Si parte dal Braghettone, da Daniele da Volterra e si giunge all’ultimo intervento, con il pieno recupero dei colori originari. Le pagine e gli spazi della mostra sono stati affidati ai capi restauratori Maurizio De Luca, per il Quattrocento e Gianluigi Colalucci per la volta e il “Giudizio”. Ripercorriamo la storia degli interventi, testimoniamo l’uso degli oli e di altri elementi che hanno favorito l’abbassamento delle tonalità originali. Una curiosità emersa in questi giorni: sembra che sia stato coperto anche un nudo femminile della volta, il petto di una donna che allatta un bambino è nascosto da un “panno estraneo”.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

   

Royal Talens: il rinomato brand - fondato nel 1899 e da sempre sinonimo di grandissima qualità - ha presentato  il suo più prestigioso set di pittura ad olio. Se si vuole acquistare o regalare il meglio del meglio ecco l'Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli. La vernice ad olio della gamma Rembrandt è realizzata con la più elevata concentrazione possibile di pigmento finemente macinato, con tutte le 24 pitture del set classificate come resistenti per 100 anni alla luce.Clicca qui per visualizzare e acquistare i prodotti Royal Talens

Royal Talens – Scatola con colori ad olio Rembrandt – Edizione 'Excellent' in custodia in legno – Con vernice, tavolozza e pennelli - Acquistala qui

E' possibile acquistare anche un set più accessibile al grande pubblico,  il Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition. Meno colori e meno accessori, ma qualità massima.

Royal Talens - Rembrandt Oil Colour Box - Master Gold Edition - Acquistala qui

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.