Home / News / Mizzi Stratolin
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Mizzi Stratolin

Intervista a Stratolin, pittore giramondo che dalla molteplicità di incontri e di luoghi trae continua ispirazione per la sua opera creativa. L’invenzione di Art report ed il sogno impossibile di una nuova avanguardia.

Mizzi Stratolin (Milano 1973), è artista nomade per vocazione. Pittore, illustratore, situazionista, ha trasformato la sua vita in un’opera d’arte in progress, cartografando i luoghi in cui vive con quadri e affreschi. Fedele al disegno e al colore, non ha mai ceduto alle lusinghe del virtuale.

Stratolin, che cos’è per lei la pittura? Utilizzo la pittura come azione non premeditata e del tutto istintiva; direi che sono un pittore autodidatta che vive tutte le irrequietezze, contraddizioni e gioie del caso. Quando dipingo costruisco situazioni e scenari differenti dove collocare o produrre l’opera. Mi interessa studiare le interrelazioni tra l’opera stessa e lo spazio, creando un’alterazione percettiva da parte di chi guarda. Indago la molteplicità della visione di un medesimo soggetto e lo spostamento dello sguardo e ricerco l’impatto emotivo, spontaneo, immediato. La pittura è un mistero che attraversa la mia esistenza e la mia ricerca. Ho sempre lavorato mescolando linguaggi e tecniche. Ho la fortuna di apprendere rapidamente nuove tecniche, cosa che mi permette di “spostarmi” da un linguaggio all’altro senza perdere il mio segno, il mio codice visivo. Considero importante il fattore spazio. Lo spazio in cui agisco determina la scelta del linguaggio da adottare.

Quando ha iniziato a fare l’artista nomade? Ci racconta dei suoi viaggi? Viaggio sempre per necessità di cambiamento e per fare esperienze che poi alimentano il mio essere pittore. Qualche anno fa cominciai a spostarmi da un luogo all’altro, prima a Milano, dove sono nato, poi a Barcellona. Nella città spagnola mi sono reso riconoscibile come “artista in affitto”, ed ho vissuto in più di trenta case diverse nell’arco di quattro anni. E’stata un’esperienza irripetibile. Da qui è nata la mia mappa di spostamenti, con la quale ho ridisegnato la geografia del territorio seguendo il tragitto da me compiuto. “Nomadismo urbano” è il nome che ho dato a questa forma di trasmigrazione all’interno di una città. Mi interessa, appunto, un nomadismo che si svolga entro il perimetro urbano. Dopo Barcellona, ora è la volta di Berlino, a cui sono arrivato sulla spinta di nuove esigenze.

Lei ha stilato un manifesto scritto, come facevano i movimenti d’avanguardia storica, in cui ha evidenziato la necessità di recuperare l’affresco murale e la funzione sociale dell’arte. A volte mi piace pensare, romanticamente, che nel presente si possa ancora teorizzare un movimento avanguardista, come si faceva un secolo fa. Ma l’individuo contemporaneo è mutato radicalmente, è globale e sogna identità mutanti, segue un ideale di collettività senza peraltro mai raggiungerlo. L’avanguardia è morta, tuttavia mi piace fingere il contrario. C’è stato un tempo a Barcellona in cui ho creduto nel miracolo: c’erano parecchie persone coinvolte, molta euforia e voglia di cambiare le cose, ma alla fine ciò non è stato possibile, per diverse ragioni.

Quali pittori del passato l’hanno particolarmente ispirata? Soprattutto Dubuffet, che mi ha tolto i pregiudizi che avevo sull’arte in generale e sulla figura dell’artista. Le mie prime tele erano ispirate al fumetto e ai maestri della Pop art, non avevo la minima idea di che cosa fosse un percorso pittorico personale. Ho cominciato a crescere quando ho studiato, appunto, l’opera di Dubuffet e l’Art brut, cercando di identificare la mia esigenza personale di disegnare e dipingere. Strada facendo ho amato (e continuo ad amare) il Picasso del periodo blu, Bacon, De Kooning, Schiele, Nolde, Kokoschka, Pechstein, Kirchner, Munch, Lautrec, Klee, Kandinskij, Basquiat, Haring, Schifano, poi sono stato attratto da Pellizza da Volpedo, Giotto, Mantegna, Caravaggio… Conoscere le fasi di elaborazione del Quarto stato, per esempio, per me è stata una grande lezione “avanguardista” sul fare arte oggi.

Che cosa pensa del graffitismo? Gli anni Ottanta sono stati una grande occasione per il graffitismo. Oggi, però, lo stesso è diventato un movimento di decoratori istituzionalizzati, con opere dipinte per musei e gallerie, che hanno perso così la loro vocazione di arte pubblica e di protesta. Ma questo aspetto sociale non interessa più a molti graffitari di oggi, inseriti nelle logiche del mercato.


Passiamo ai soggetti delle sue opere. Predilige la figura o il paesaggio? La figura: sono le persone che fanno un luogo. Mi affascina cogliere differenze e punti in comune che contraddistinguono, ad esempio, gente di varie etnie che convive in uno stesso quartiere urbano, spesso in fase di trasformazione.

Per dipingere si basa su bozzetti preparatori, fotografie od altro? Non seguo mai un solo schema di lavoro. Guardo, penso e dipingo nello stesso tempo. Mi interessa argomentare il processo di elaborazione di un’opera, mi sottometto all’istinto e fino al termine non so che cosa succederà. Mentre dipingo, riaffiorano alla memoria scene di vita che mi hanno impressionato, volti, situazioni: tutto confluisce nelle linee che traccio sulla tela, e che piano piano mi rivelano qualcosa. In una seconda fase passo alla rielaborazione dell’immagine, e non importa se il punto di partenza è stata una fotografia o un bozzetto.

Lei è l’ideatore dell’Art report. Può spiegarci di che si tratta? Si tratta di dare l’informazione quotidiana attraverso un altro punto di vista e un altro linguaggio, quello pittorico, appunto. Uso la pittura al posto della fotografia in reportage pubblicati dagli organi d’informazione. L’idea è nata nel 2006 in Rizzoli, a Milano. Il primo Art report è uscito quest’anno su Amica: rappresenta scene di vita quotidiana realizzate osservando le donne mussulmane nel quartiere Neukölln a Berlino. Il prossimo, a cui sto lavorando adesso, sarà dedicato a Volpedo, il paese del mio amato Pellizza.

Quali sono gli artisti contemporanei che stima maggiormente? Sono davvero molti: Barceló, Baselitz, Richter, Cremonini, Banksy, Salvino, Nordström, Freud, Torregrossa, Fischi, Kentridge e Cattelan, per citarne qualcuno. Mi sento vicino a quegli artisti che riescono a trovare un punto di equilibrio tra ironia e critica, anche senza esplicite dichiarazioni.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Come Monet, per far vibrare le sue tele, inventò il linguaggio stenografico della luce

Le indiane d’America dell’Ottocento nelle fotografie. Protagoniste con orgoglio. Il video delle immagini