Home / News / Monogrammista F. V. – Chi era l’artista misterioso che volle farsi dimenticare
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Monogrammista F. V. – Chi era l’artista misterioso che volle farsi dimenticare

 

 

 

Le sue tele, rare ma pregevoli, erano siglate con il monogramma “F.V.”, acronimo sibillino destinato a suscitare impressioni mutevoli per intensità e natura – dal mero interesse estetico alla ricerca storico-critica – per oltre tre secoli.
Furono gli intellettuali del Settecento, animati da fervido sentimento indagatore e dall’anelito ad una conoscenza sistematica di matrice illuminista, i primi a tentare di dare un’identità a quella sigla. Alcuni, scorgendo affinità stilistiche e formali con l’opera di Mantegna, pensarono a Francesco Veruzio, citato da Vasari quale allievo del grande Andrea. Ma non mancano altre ipotesi: Francesco Verla, Francesco Vecellio, Francesco Voliziano, Giovanni Demio…

Il monogramma F V, utilizzato da Gualtieri

Il monogramma F V, utilizzato da Gualtieri

Quella proposta da Giuseppe Sava in Un pittore del Cinquecento e il suo monogramma (edizioni Osiride) è forse la soluzione più convincente, cui l’autore è giunto dopo aver vagliato in modo scrupoloso le ricerche condotte dagli studiosi in più di trecento anni.

Una delle scarne certezze riguardo al percorso artistico del Nostro è data dal ristretto raggio d’azione della sua attività, circoscritta all’area del lago di Garda: da Riva a Ville del Monte sino a Salò. Dato, questo, che se da un lato chiarisce la comprensione dei lemmi bresciani innestati nel registro espressivo del pittore, dall’altro non spiega l’inconfutabile presenza di elementi stilistici che rimandano ad una esperienza formativa legata all’ambiente veneto.

Monogrammista Fv, Francesco Gualtieri,  Adorazione dei pastori, particolare

Monogrammista Fv, Francesco Gualtieri, Adorazione dei pastori, particolare

Monogrammista F V. Francesco Gualtieri, Compiantosul Cristo morto, particolare

Monogrammista F V. Francesco Gualtieri, Compiantosul Cristo morto, particolare

La prima manifestazione assodata di “F.V.” è l’Adorazione dei pastori conservata nel Museo Civico di Riva del Garda, datata 1530: alcuni dettagli compositivi ricordano Bartolomeo e Benedetto Montagna, Cariani e Bernardino da Asola, artisti veneti notoriamente suggestionati dalle stampe tedesche. Suggestioni che si riversano nel dipinto, ad esempio nell’immobile Madonna, avvolta in un mantello così rigido da sembrare metallico e con il capo velato da una cuffia simile a quelle di moda nel nord Europa. Lo stesso vale per lo sfondo: tanto il pastore appoggiato ad un bastone e quello seduto con le braccia al cielo quanto i due montoni, l’uno bianco e l’altro bruno, che si fronteggiano corna a corna, si direbbero presi in prestito dalla Visione di sant’Eustachio di Dürer.
Palese, tuttavia, anche l’influsso della scuola bresciana, quale appare dal contegno pudico e umilissimo della Vergine e dal volto rustico, savoldesco di Giuseppe. La vis espressiva dei pastori in primo piano, la cui fisionomia è eccessivamente dura ed energica, ha indotto diversi critici a suggerire un’identificazione di “F.V.” con – già lo si ricordava – Giovanni Demio (all’anagrafe Giovanni Gualtieri), altrimenti noto come Fratino Vicentino, appellativo che evoca, oltre alle origini venete, l’appartenenza ad una qualche “fraternita” (confraternita).


Un’ipotesi fondata su riscontri di carattere stilistico e formale ma smentita dalle recenti scoperte archivistiche, che hanno messo in luce come nel 1532, ovvero nell’anno in cui “F.V.” era impegnato a Ville del Monte, Demio ricevesse a Brescia la commissione del Martirio di san Lorenzo: due impegni che non potevano essere assunti da un’unica persona.

Monogrammista Fv, Francesco Gualtieri, Madonna con Gesù bambino e santi, particolare

Monogrammista Fv, Francesco Gualtieri, Madonna con Gesù bambino e santi, particolare

Pertanto, assodate le analogie fra le opere dei due pittori, Sava propone un’altra interpretazione, confortata dalle ultime indagini documentarie: l’acronimo andrebbe sì sciolto in “Fratino Vicentino”, ma in riferimento a Francesco Gualtieri, fratello minore di Giovanni, con il quale condivideva l’epiteto. Di lui si ignora quasi tutto, almeno fino al 1542, quando è attestato a Magré, vicino a Schio, dove realizza l’altare del Corpo di Cristo per la chiesa di San Francesco, purtroppo distrutto dai bombardamenti durante la Seconda guerra mondiale. Fu certo un’esistenza irrequieta la sua, segnata dalla perenne e travagliata ricerca di un’autonomia artistica che gli consentisse di affrancarsi dalla fulgente fama di Demio, con cui tuttavia collaborò in più di un’occasione.
Dinnanzi ai dipinti firmati “F.V.” e alle oscure vicende biografiche del Nostro, non sfugge il significato riposto in un altro degli pseudonimi a lui attribuito, “Lethe”: Lete è il fiume dell’oblio, in cui ci si getta per dimenticare il passato e cancellare ogni legame con le proprie radici.
Quasi che in questo eterno nascondersi, nel sottile ed ambiguo rifugiarsi in identità fittizie, egli urlasse l’impossibilità di una personale affermazione.

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Walter Richard Sickert è Jack lo Squartatore? Eros, dolore, sguardo nichilista. L’analisi

Come dipingeva Claude Monet – Guarda qui “Le ninfee” con la super-lente elettronica

Condividi
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp