Home / News / Oddio, il primo Cézanne
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Oddio, il primo Cézanne

di Federico Bernardelli Curuz

Un errore, un’attribuzione errata? No, siamo proprio al cospetto di un dipinto di Cézanne, la grande colonna che sbreccia il muro dell’Ottocento in direzione del secolo nuovo, colui il quale – a partire dall’influenza strettissima esercitata sul Cubismo – si rivelerà come padre nobile della pittura novecentesca.

Ma qui dove sono i colori accesi e i reticoli di materia leggiadra, immersi nella luce intensa del Midi? Quella pittura è ancora in nuce, appartiene ancora al futuro. Agli esordi, il pittore di Aix-en-Provence, riproduceva materia – materia che, in altre forme e colori avrebbe caratterizzato pure la produzione successiva – con tonalità scure e tratti molto marcati, che realizzava con l’utilizzo di grossi pennelli dalla punta tonda. Una tecnica che costringeva Paul ad operare un’inevitabile semplificazione dei soggetti, in direzione comunque di quello che sarebbe stato un passaggio fondamentale in direzione del moderno; la pittura intesa come sintesi, come superamento del puro aspetto descrittivo.

cezanne2

Il dipinto La merenda sull’erba esprime nella sua completezza la difficoltà dei primi passi di Paul Cézanne (1839-1906), compiuti all’ombra lunga di Manet, dal quale è influenzato sia sotto il profilo cromatico – attraverso la predominanza dei neri e delle terre – che in ambito compositivo. Ispirato dal celebre Le déjeuner sur l’herbe (1862-1863), il trentenne Paul immortala in questo suo dipinto un gruppo di persone immerse in un ambiente bucolico.

Come nella celebrata, sconvolgente opera dell’artista parigino – nel quale compaiono, in primo piano, due uomini distinti che discorrono in tutta tranquillità con una maliziosa fanciulla senza veli, mentre sullo sfondo un’altra donna è immersa nell’acqua fino al ginocchio – così ne La merenda sull’erba (1869) i soggetti vengono disposti su diversi piani nel tentativo di rendere la messinscena più dinamica. Al centro, una tovaglia bianca stesa sull’erba accoglie due arance; una terza compare tra le mani di una donna longilinea dai capelli biondi che cattura l’attenzione dell’osservatore.

cezannemerendasullerba

La donna è il nucleo nodale del quadro, poiché è posta in contrasto con la cupa sagoma di un rilievo montuoso alle sue spalle. L’uomo che le sta di fronte – e che alza un dito – probabilmente intento a discorrere con gli altri soggetti – somiglia all’autore del dipinto stesso, vittima di una precoce calvizie. Siamo allora davanti a un autoritratto. Due figure sulla sinistra sembrano scomparire nel fondale cupo: gli unici dettagli distinguibili sono l’ombrellino e il candido vestito della dama. Un cane, che emerge alla realtà attraverso una primitiva giustapposizione di masse vagamente geometriche, osserva incuriosito la scena con la stessa placidità della figura maschile, intenta a fumare la pipa.

L’opera, seppur acerba – e, se vogliamo, anche un po’ rozza per questo procedere per blocchi di pittura che tanto somigliano ad argilla mal modellata, greve di infiltrazioni nere -, colpisce per lo sguardo indirizzato dal pittore nei confronti della materia e per quel suo modo di procedere per moduli. L’occhio degli esordi, per quanto ancora molto primitivo, si pone in linea con il percorso successivo dell’artista. L’interloquire tra le forme, la percezione della realtà come insieme di unità reticolari diventerà un aspetto peculiare per la pittura del Cézanne maturo.
cezanne1

Interessante, infatti, è la figura della donna bionda che sembra seguire l’inclinazione del tronco d’albero sulla destra del dipinto, oppure l’orlo della tovaglia che tenta di fondersi con i giochi di luce della gonna della giovane; e ancora le vaporose nuvole che sembrano dare continuità al profilo dei monti sullo sfondo, creando una linea immaginaria che racchiude l’opera stessa. Di lì a qualche anno giungerà il contatto fondamentale con Pissarro. Ma è dalla sovrapposizione dei modelli dell’origine alla pittura impressionista, che egli creerà quel mondo nuovo, frammentato dalla moderna geometria della luce.

 

 

NEL FILMATO LE OPERE DELLA MATURITA’ DI CEZANNE

 

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Quei quadri pornografici. Ecco le posizioni preferite a Pompei

Danza, il dinamismo universale di Gino Severini