Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Perchè mostrava il petto, suonando la viola da gamba? Così la musicista posò per il prete

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Perché una celebratissima compositrice, soprano e suonatrice si fece ritrarre in questo modo, mostrando un seno nudo e una viola da gamba? La mentalità barocca – sottesa a questo dipinto del grande Bernardo Strozzi – non presuppone mai – come avviene nel nostro mondo culturale post-positivista – una risposta unica. Normalmente le risposte sono plurime e stratificate. Tutte pertinenti e collegate. Cercheremo di fornirle, dopo aver sintetizzato la biografia della talentuosissima e procace, giovane signora.

Lei è Barbara Strozzi (Venezia, 1619 – Padova, 1677). Non era parente stretta dell’ottimo pittore – Bernardo Strozzi detto il Cappuccino o il Prete genovese (Campo Ligure, 1581 – Venezia, 1644) – il religioso sensualissimo per il quale posò. Molti dicono che non esistesse parentela alcuna, anche se – probabilmente – i due potevano appartenere a quello che è un clan familiare allargato. Barbara era la figlia adottiva (ma forse era una sua figlia illegittima) del giudice, poeta e librettista Giulio Strozzi e d’Isabella Garzoni.

Papà scriveva i libretti e lei li musicava e li cantava, accompagnandosi, da virtuosa, con molti istrumenti. Morto il papà, compose per se stessa, per cantare come soprano.
Ebbe molto successo. Barbara, con Francesca Caccini, fu una delle donne compositrici più acclamate del Seicento. La sua vita personale fu contrassegnata da un legame proibito con un amico del padre, dal quale ebbe diversi figli, nonostante lui fosse sposato.
blank
Fu, come dicevamo, il noto pittore genovese Bernardo Strozzi, che lavorava a Venezia dai primi anni Trenta, a dipingere il conturbante ritratto della giovane musicista, con il seno scoperto e una viola da gamba – oggi generalmente individuata in Barbara Strozzi (Dresda, Gemäldegalerie Alte Meister; Rosand – Rosand, 1981), Nel 1639 ne venne fatta una copia. È ignoto il committente dell’opera, ma Bernardo Strozzi ritrasse anche altri membri del mondo frequentato da Barbara: Giulio Strozzi – papà della ragazza – il compositore Claudio Monteverdi e Martino Widmann, fratello minore dell’amante di Barbara stessa.
blank
Bernardo Strozzi ritrasse la musicista a seno nudo, giocando sull’ambiguità semantica, tipica del pensiero di quell’epoca. A Barbara, donna reale, fu chiesto certamente di posare come l’Allegoria della musica, ma al tempo stesso di essere se stessa. La cornice allegorica doveva apparire come una velatura di un’esibizione ardita.
Perchè sosteniamo che questo potrebbe essere definito come Ritratto di Barbara Strozzi come allegoria della Musica? Esistono altre opere nelle quali la Musica stessa viene rappresentata come una Dea con i seni nudi o come una cortigiana, impegnata ad intrattenere musicalmente il proprio pubblico in un ambiente di seduzione totale, come avviene – tra gli altri – nel bel dipinto di Simone Peterzano, il maestro del Caravaggio – che vediamo qui sotto. Seno nudo, ma una sostanziale differenza. Peterzano dipinge una donna idealizzata. Strozzi una donna assolutamente reale, come è evidente nel raffronto tra i due dipinti.
blank
blank
Ricordiamo inoltre che una delle proposte allegorie per la raffigurazione della Musica stessa, registrate e messe a punto dal celeberrimo Cesare Ripa, nel volume Iconologia, prevedeva che la ferace giovine signora posasse proprio con una viola da gamba. Strozzi, pertanto, si attenne alle indicazioni delle allegorie classiche che prevedevano anche la possibilità di mostrare il seno della protagonista.

blank

Del resto, nell’antichità classica, la differenza che correva – nelle rappresentazioni delle dee o delle donne normali era che le prime stavano a seno nudo, mentre le secondo coprivano il petto con una fascia che fungeva da reggiseno.

La presenza del seno nudo nella rappresentazione simbolica di quest’arte era collegata anche all’idea della seduzione che la musica profana esercitava sugli spettatori, agli abiti pettoralmente succinti delle cantanti, all’evidenza del petto, durante il canto. Possiamo anche notare che il seno scoperto è quello sinistro, dal lato del cuore, e ritenere che alludesse anche al canto di liriche d’amore o sentimentali. Petto nudo che appare non solo nella rappresentazione delle dee, ma in numerose allegoria e che ha la funzione – generale – di rappresentare la generosità, la carità, l’abbondanza, la sostanza esuberante.

Il gioco ambiguo della pittura giungeva spesso a utilizzare soggetti reali che posassero nelle vesti di personaggi mitologici o di allegorie. La realtà di Barbara è evidente. Nulla pare idealizzato, nel suo volto e nel suo corpo conturbante, se non la cornice della situazione in cui è collocato il bel corpo della grande virtuosa.

Ora dobbiamo chiederci: creava scandalo, una rappresentazione del genere? I palazzi e i circoli contenevano tante allegorie, tante figure a seno nudo. Era difficile che si potesse contestare al pittore un intervento del genere, seppur realistico. Ne guadagnava l’effigiata. Accresceva il brivido generale di vedere una bella protagonista del tempo senza veli. Meccanismo voeuristico che caratterizza anche la nostra epoca.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!