Home / Pittura del Novecento / Picasso e la Morte beffeggiata, l’ultimo fervido periodo del grande maestro
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Picasso e la Morte beffeggiata, l’ultimo fervido periodo del grande maestro



PUOI RICEVERE GRATUITAMENTE, OGNI GIORNO, I NOSTRI SAGGI E I NOSTRI ARTICOLI D’ARTE SULLA TUA HOME DI FACEBOOK. BASTA CLICCARE “MI PIACE”, SUBITO QUI A DESTRA. STILE ARTE E’ UN QUOTIDIANO , OGGI ON LINE, FONDATO NEL 1995

Riproponiamo, dai nostri archivi, questa illuminante intervista a  Guy Tosatto che ci porta tra i dipinti dell’ultimo periodo di Picasso, dominato da figure energiche ed allegre

di Laura Varoli

“Stile” ha intervistato Guy Tosatto, direttore del Musée des Beaux-Arts di Nantes e curatore della mostra “Picasso 1961-1972”, ospitata nelle sale di Palazzo Zabarella a Padova fino al 12 gennaio 2003.

La pittura dell’ultimo Picasso conserva una straordinaria forza espressiva ed una stupefacente modernità. Il maestro indica nuove strade, evidenti nelle opere raccolte in occasione della mostra di Padova: in esse il connubio tra arte e vita è espresso nel superamento di regole e canoni estetici. Quali sono gli elementi peculiari e distintivi di questa pittura?

La mostra di Padova, offrendo la possibilità di ammirare un numero elevato di quadri creati da Picasso nell’ultimo decennio di vita – quando l’artista è ormai ultraottantenne -, dà spazio, prima di tutto, alla libertà e spontaneità della pittura del grande maestro. In questi estremi lavori egli esprime la volontà di sintetizzare tutti i suoi precedenti stili e di immaginare un altro modo di dipingere, più “espressionista” rispetto al passato. Picasso riprende l’arte di Van Gogh (si veda, in mostra, l’“Uomo con cappello di paglia”), per lui il maggiore artista dell’Ottocento, l’unico ad avere dato la vita per la pittura. In un certo senso, pure Picasso aveva dedicato la vita intera all’arte; ma ora, come Vincent, anch’egli desidera dipingere fino a perdere la ragione, fino a dimenticare la morte. Nell’urgenza degli ultimi anni di vita egli si re-inventa, creando una “nuova maniera”, attraverso la quale affronta in modo inusuale, energico, brutale e ellittico, i temi ricorrenti della sua produzione: protagonista delle sue opere è ora solo la pittura che esprime vita e arte insieme, per un’estrema battaglia contro il tempo e contro la morte. L’inquietudine del gesto pittorico è metafora dell’inquietudine per la vecchiaia, esorcizzata attraverso un inno alla vita e alla libertà: “La libertà di dipingere – dice Picasso – è la libertà di liberare qualcosa di se stessi. E’ necessario fare in fretta, poiché ciò non dura”.
I quadri degli ultimi anni rivelano alcuni temi ricorrenti: le donne, gli autoritratti, i moschettieri e i gentiluomini dell’epoca di Luigi XIV, i toreri. A proposito di donne: qual è in questo periodo, il rapporto tra pittore e modella?
La donna degli estremi dipinti è sempre la moglie Jacqueline: tutte le donne sembrano essere lei, con il suo bel profilo classico, sempre più stilizzato ma comunque riconoscibilissimo. Insomma: Jacqueline ha mille volti, mille silhouette poiché è, allo stesso tempo, tutte le donne che Picasso ha incontrato, conosciuto e amato nella sua vita. Il rapporto che si instaura tra il maestro e la donna ritratta sulla tela diventa una commistione tra amore e aggressività, un legame amoroso-angosciato perché il pittore, con la vecchiaia, sente incombente il problema dell’impotenza sessuale. Le opere di questi anni ritraggono la modella nei modi più svariati: una volta è Jacqueline dagli occhi sgranati e spaventati; un’altra volta è Jacqueline dallo sguardo benevolo, un’altra ancora è un nudo erotico e policromo. Insomma, la donna di Picasso diventa amica e nemica insieme, amata e odiata al tempo stesso ed emblema d’eccezione di questa intima contraddizione del pittore.

s_1


E perché riprende temi che rinviano a Velázquez, El Greco, Rembrandt, ma anche ai film di cappa e spada? Hanno forse a che fare, in qualche misura, con la moda psichedelica legata al movimento hippy e quindi con la vita moderna o indicano, invece, un ritorno al passato per far sorgere figure di altri tempi sulla scena dell’arte contemporanea?
Di sicuro è tutte due le cose insieme. Picasso lavora, negli anni ’50, sull’arte antica. E’ in questo periodo, infatti, che si intensifica l’attività incisoria, poi ampiamente sviluppata negli anni ’66-’68. I moschettieri e i gentiluomini d’altri tempi fanno la loro prima comparsa nei quadri del 1967. Questi personaggi di fantasia riescono a mixare passato e presente: attraverso i soggetti barbuti, dalle abbondanti capigliature ricciolute, Picasso riscopre i costumi ricercati e gli abbigliamenti carichi di ornamenti dei nobiluomini spagnoli di El Greco e di Velázquez, del mondo di Rembrandt ma, contemporaneamente, anche la moda degli hippies, diffusissima nel sud della Francia. L’antico rivive nel presente, e Picasso si diverte a giocare con questi “eroi da teatro” che costituiscono uno sberleffo alla società modernista della fine degli anni Sessanta.
Nel miscuglio di stili degli ultimissimi anni, emerge in modo ossessivo un elemento: gli occhi. Forse gli occhi di Picasso stesso che ci restituisce, attraverso i personaggi dei suoi quadri, quello sguardo posato sul mondo e sulla sua pittura…
Parlare di occhi, nel caso di Picasso, significa affrontare un tema molto complesso. Lo sguardo è infatti la parte più viva nel volto, nel corpo: essendo la pittura l’arte visiva per eccellenza, ad essa è affidato il compito di comunicare l’inquietudine e la malinconia degli occhi dei protagonisti di questi ultimissimi dipinti. Che sono poi gli occhi dello stesso Picasso, il quale “guarda in faccia la morte” senza più paura, poiché ha troppo amato la vita per temere ciò che egli sa essere il suo naturale rovescio.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni:
MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri
 

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

      FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland

Old Holland: Colori - Qui trovi una selezione di colori a olio

WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg

Williamsburg olio Signature colori Set - Prezzo: EUR 63,70 + EUR 11,77 di spedizione

WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON

Winsor & Newton Winton Oil Assortimento 10 Tubi 37 ml Assortiti - Prezzo consigliato: EUR 51,30 Prezzo OFFERTA: EUR 43,90 | Spedizione 1 giorno Risparmi: EUR 7,40 (14%) Tutti i prezzi includono l'IVA.

REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Magia e occultismo nell’arte. Streghe, notte, spettri, spiriti-guida tra Ottocento e avanguardie storiche

Fai clic. Lente magica. Ingrandisci. E guarda la tecnica di Boldini. Il mistero di questa modella, assassinata