Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Picasso ebbe El Greco come padre nobile ed artista totemico. Una mostra mette i due maestri a confronto

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

In una grande mostra, il Kunstmuseum Basel – museo di Basilea, in Svizzera – propone dall’11 giugno al 25 settembre 2022 un confronto serrato tra le opere Pablo Picasso (1881–1973) e i dipinti di Doménikos Theotokópoulos, meglio noto come El Greco (1541–1614), nato a Creta. Circa 40 giustapposizioni di capolavori di entrambi gli artisti tracciano questo dialogo a un senso, che è uno dei più affascinanti della storia dell’arte. Prestiti di prim’ordine provenienti da tutto il mondo sono riuniti attorno a un nucleo di opere di Picasso dalla sua stessa collezione.
blank

El Greco ha raggiunto una notevole fama nella sua nuova patria di Toledo con il suo stile pittorico unico. Tuttavia, subito dopo la sua morte fu dimenticato. Fu solo all’inizio del XX secolo che ci fu un pieno recupero delle opere del maestro cretese, che si era formato a Venezia. I motivi di questo remake – che coinvolse lo stesso giovane Picasso e che tanta parte ebbe specialmente nel Periodo blu, poi nei temi cubisti – fu l’individuazione di elementi non solo anticlassici, in El Greco, ma di deformazioni ed elementi antirealisti e spiritualisti che già contenevano germi modernisti.

L’appuntamento espositivo svizzero mostra che Picasso si occupò di El Greco in modo più intenso e per un periodo più lungo di quanto si pensasse: questo è altrettanto evidente nei dipinti cubisti di Picasso come nelle sue opere degli anni ’30 e ’40, ma anche alla fine della sua vita, Picasso si riferiva ancora al vecchio maestro. La mostra non solo apre nuove prospettive sulle meditazioni compiute da Picasso attorno a El Greco, ma offre anche spunti sull’importanza di questa stessa costellazione per lo sviluppo dell’arte d’avanguardia del XX secolo.
La mostra è curata da Carmen Giménez, con Gabriel Dette, Josef Helfenstein e Ana Mingot. Il catalogo della mostra – con testi di Gabriel Dette, Carmen Giménez, Javier Portús e Richard Shiff. A cura di Carmen Giménez e Josef Helfenstein. Design di Rutger Fuchs. – è disponibile in tedesco e inglese.

blank

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!