Home / Il dolore nell'arte / Pollock e il periodo nero: sgocciolature corvine, fiasco, poi depressione e morte
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Pollock e il periodo nero: sgocciolature corvine, fiasco, poi depressione e morte


Il manifesto della Tate di Londra

Il manifesto della Tate di Londra

Cio che ricordiamo, sulle tele di Pollock, sono le colature e gli schizzi,  che si intersecano a spirale, fino a coprire tutta la superficie del dipinto. Sembrano decorazioni commestibili, molto colorate,  puri reticoli d’energia. Pochi sanno che, dopo il 1951, il maestro , che rappresentava attraverso l’action painting, cioè la pittura d’azione, il movimento, l’oscillazione, l’energia multicolore del cosmo – rappresa, un tempo, nei rituali quadri di sabbia degli indiani d’America, dai quali il pittore trasse ispirazione per il suo espressionismo astratto – virò  verso il nero assoluto. I motivi di questo mutamento, che possiamo brevemente elencare, sono certamente più di uno. Il reticolo di segni colorati che distingueva la produzione precedente, conservava, nella policromia, elementi decorativi. Erano i colori a differenziare i tratti. Pollock pensò che  il momento della polifonia e della policromia dovesse concludersi, per rendere, attraverso il nero – attorno al quale, in Italia lavorava Alberto Burri e che aveva importanti precedenti nella storia dell’arte, tra i quali il Quadrato di Maleviche,- Il nero, che era divenuto divenuto il non-colore ufficiale dell’esistenzialismo francese.

 

A cominciare dagli anni 1944-1945 fu l’esistenzialismo ateo di Sartre a ricevere le maggiori attenzioni, anche in rapporto al marxismo e al materialismo storico da lui abbracciati e sostenuti. Era un modo per essere “contro”, per contestare il luogo comune. E forse per la prima volta nella storia, attraverso il teatro, la canzone e le influenze sul cinema, un pensiero filosofico divenne un evento mediatico diffuso.

Un altro motivo legato a questa scelta monocroma scaturì dall’osservazione che ogni segno od ogni linea uscivano potenziati dal non colore e assumevano le caratteristiche di una scrittura misteriosa. Da non sottovalutare poi che l’astrattismo iniziava ad orientarsi nella direzione di una sobrietà cromatica, che sarebbe scaturita nel decennio successivo, nel minimalismo, molto legato al contrasto tra bianco e nero, cioè alle esperienze assolute di una luce senza colore e di un’oscurità priva di sfumature. Da ultimo, ma non per importanza, il fatto che il successo dell’action painting aveva portato Pollock a produrre un numero elevato di opere che erano divenute noiosamente ripetitive per l’espressionista astratto americano. Sentiva il desiderio di esplorare nuove strade e un punto di contatto tra l’informale e una figurazione accennata, abbozzata,sommaria. L’uomo, dopo tanti cerchi di energia pura, stesi secondo i movimenti sciamanici che consentivano, come ai pellirosse di mettersi in contatto con l’assoluto naturale, con l’energia che vivifica il mondo, si trovava ora la necessità di trasformare la creazione del caos in una separazione delle materie, che avrebbe portato segni iconograficamente riconoscibili sulla tela. Esseri antropomorfi apparvero dal nero.
Ma il pubblico e la critica avevano collegato Pollock agli sgocciolamenti multicolori e la nuova produzione non ebbe particolare fortuna, anche perchè i nuovi dipinti trasferivano all’osservatore un senso di angoscia,contro l’energia gioiosa del lungo periodo precedente.
“Stava facendo dipinti monocromi prima di qualsiasi altro artista in America”, dice Delahunty.
Ma la mostra alla Betty Parsons Gallery di New York, allestita nel 1952, fu un disastro assoluto; nonostante la fama di Pollock, nessun quadro fu acquistato durante l’esposizione. Una sola opera, a fine mostra, fu venduta dalla gallerista a metà prezzo, a un proprio amico, rinunciando, di fatto al proprio guadagno. Galleristi e critici che incontrarono il maestro gli fecero presente che sentivano in modo intenso la mancanza di colore. E Pollock rispondeva che egli non dipingeva con consapevolezza, ma come “mosso da una forza superiore”. Lo smacco, per il pittore, fu enorme, anche se le sue opere avrebbero incontrato il gusto di artisti come Rauschenberg.”New York è brutale”, osservò. Da quel momento egli fu oggetto di una profonda depressione che cercava erroneamente di combattere con l’alcool. Quattro anni dopo, la fine. Nel 1956 si schiantò a forte velocità contro un palo. L’incidente provocò la sua morte e quella di una donna che viaggiava con lui. “Jackson Pollock: punti ciechi”, Tate Liverpool 30 giugno-18 ottobre 2015. Dallas Museum of Art dal 15 novembre al 29 marzo 2016.

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

La donna e gli uccelli, tutti i poetici (ma non troppo) sottintesi in pittura

Jamie Baldridge – Le storie delle soffitte

228 Condivisioni
Condividi228
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp