Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Porto Torres: nuove stanze, intonaci dipinti, mosaici e monete emergono dagli scavi della villa romana

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

“Quattro mesi sembrano lunghi quando si attendono notizie su un bene così caro alla comunità, ma nel caso del complesso residenziale noto come la “Domus dei mosaici marini” possono essere considerati solo un inizio di interessanti novità, ulteriori conferme e nuovi interrogativi. – dicono i responsabili del MiC Sardegna – A partire da gennaio, come da programma, sono iniziate le indagini sulla zona di collegamento tra due aree della “Domus” già emerse nella precedente campagna di scavo e sulle condutture di scarico del settore termale dell’impianto.
blank

blank
Lo scavo dell’area di collegamento tra i due piani della “Domus”, operazione non semplice dati i grandi volumi di terra da rimuovere nel dislivello di circa 3 metri, ha fatto emergere un nuovo vano con pianta irregolare e rivestito da un ampio mosaico pavimentale a motivo geometrico e tessere policrome. L’originario utilizzo di questo spazio, caratterizzato da una serie di sedili su tutti i lati, pare corrispondere a uno spogliatoio (apodyterium) funzionale all’impianto termale.
blank

blank
“Da questo vano si ipotizzava di trovare una via di accesso all’ambiente riscaldato posto al piano superiore e già messo in luce nella precedente campagna del 2004, ma non si è ritrovato alcun collegamento tra questo livello e il piano dello spogliatoio, come ad esempio delle scale in muratura, eccetto una piccola apertura, chiusa in antico, a circa un metro e mezzo di altezza dal pavimento. Questo rappresenta un interrogativo da risolvere durante la prosecuzione dei lavori”. prosegue il Mic Sardegna – Nella terra rimossa sono stati trovati diversi tipi di reperti di notevole interesse. Oltre a numerosi materiali riferibili ai crolli delle murature e del tetto, abbiamo numerosi resti di intonaco decorato, con colori anche molto vivaci e a motivi architettonici, vegetali e antropomorfi. Saranno oggetto di studio anche gli abbondanti resti archeozoologici, specialmente quelli di volatili e pesci, per comprendere la natura del loro consumo, che poteva essere alimentare, ma anche legata a determinati rituali”.
blank

blank

blank

blank
Tra gli obiettivi della campagna di scavo vi è quello di realizzare, o ripristinare laddove esistente, un sistema di smaltimento delle acque piovane. Come da ipotesi, in direzione del rio Mannu sono state trovate le antiche condutture, che al momento sembrano pertinenti ad una fase tarda.

“Molto interessante è stato il rinvenimento, durante questo scavo, – afferma il MiC Sardegna – di un altro vano che termina con una parete semicircolare e che sembra di notevoli dimensioni. Questo ambiente presenta caratteristiche che confermano l’ipotesi che l’edificio abbia vissuto almeno due periodi di utilizzo, uno ascrivibile al III secolo d.C. e uno finale del IV – V secolo d.C. Anche le ceramiche e le monete ritrovate finora risultano quasi tutte pertinenti ad un periodo compreso tra la seconda metà del IV e gli inizi del V secolo d.C”.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!