Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Pugnale romano, proiettili di piombo e resti di una battaglia del 15 a.C. trovati con il metal detector

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Un pugnale romano, cento ghiande di piombo per le fionde – che recano impressa la sigla del XII legio – chiodi da calzature, resti di uno scudo e altri reperti sono venuti alla luce grazie all’azione di un ispettore onorario della soprintendenza – che ha esplorato la zona con un metaldetector, recuperando il prezioso pugnale – e ai servizi archeologici di Stato, che sono intervenuti poi per indagini sistematiche, portando alla luce altri resti di uno scontro militare avvenuto probabilmente attorno al 15 a.C. in una gola montana, nel Cantone dei Grigioni, in Svizzera.

Da un lato il potente esercito romano. Dall’altro – forse nel tentativo di presidiare la gola, respingendo i nemici – i Reti. I resti di dotazioni militari rimaste sul terreno fanno pensare che la risposta dei legionari romani sia stata violentissima. E che abbiano scatenato l’inferno, in uno scontro – probabilmente – di non lunga durata.

Una ghianda di piombo. I romani lanciarono anche questi proiettili, dalle fionde, contro gli uomini della resistenza retica. Durante l’indagine archeologica sono venute alla luce un centinaio di ghiande di piombo. Nella foto è visibile la sigla della XII legione. ARCHÄOLOGISCHER DIENST GRAUBÜNDEN

“Sembra che la gente del posto si fosse rintanata e sia stata colpita dai romani con fionde e catapulte”, ha detto Peter Schwarz, professore di archeologia romana all’Università di Basilea. Schwarz ritiene che alla battaglia abbiano preso parte 1.500 soldati. Un numero per certi aspetti limitato di militari, ma probabilmente sufficiente ad aver ragione, con risalite strategiche, delle resistenze dislocate dei Reti. Del resto la configurazione del terreno – siamo in una gola, quindi in una strettoia – non avrebbe offerto un fronte molto più ampio e non avrebbe richiesto un impegno maggiore di soldati. Per ora non sono stati trovate sepolture da ricondurre alla battaglia stessa.

Con il metal detector sul terreno montano della battaglia. ARCHÄOLOGISCHER DIENST GRAUBÜNDEN

Le monete, il tipo di chiodi delle scarpe e i materiali trovati durante le ricerche offrono elementi precisi che consentono di stabilire l’epoca della battaglia.
Gli studiosi ritengono che, anche alla luce del programma quinquennale di ricerche, sarà possibile sapere se – come parrebbe oggi – lo scontro sia da collegare all’offensiva romana disposta con decreto dall’imperatore Augusto, nel 15 a.C.
“Questa è la prima volta che i resti di un sito di battaglia romano sono stati trovati in Svizzera”, ha detto Schwarz -“Sembra che i romani abbiano attaccato il loro nemico su un lato della valle, li abbiano spinti oltre il fiume, dall’altra parte della gola, prima di attaccare di nuovo”. Tutto avvenne nella strettoia del Crap Ses, nel comprensorio della Val Sursette, tra Tiefencastel – 859 metri sul livello del mare e Cunter – 1.182 metri di altitudine -. Una zona che, anche oggi, manifesta chiaramente il collegamento stretto con il mondo latino, quello degli occupanti. Qui si parla, infatti, il romancio, una lingua svizzera che ha grandi affinità con il ladino e con il friulano, entrambi parlati in Italia.

In questo comprensorio, al passo del Settimo, gli archeologi hanno evidenziato e studiato le tracce di un accampamento romano (immagine qui sotto).

Segni di un accampamento romano s rivelano attraverso un segno circolare o ellittico al Passo del Settimo. ARCHÄOLOGISCHER DIENST GRAUBÜNDEN

Non pare fuorviante anche notare che Crap ses (ses è sei nei dialetti del nord Italia) quanto Passo del settimo (sept), o Val Sursette (Sur-ses) siano toponimi che andrebbero vagliati perchè potrebbero trovare origine nelle dislocazione, contrassegnata da denominazioni numeriche (sei o sette), delle forze di occupazione.

Tanto, questa ricerca nella gola del Crap ses, deve a Lucas Schmid, ispettore onorario della Soprintendenza che ha rilanciato le ricerche, grazie al ritrovamento, con metal detector, di un pugnale romano, particolarmente elegante e raro.

Il pugnale dopo la rimozione della ruggine

“Oltre alla spada, il pugnale (in latino pugio) era la seconda arma bianca usata dai soldati romani, sia delle legioni, sia delle truppe di appoggio – spiegano gli archeologi svizzeri – Per via della sua impugnatura a forma di croce, il pugnale del Crap Ses può essere datato al periodo compreso tra il 50 a.C. e l’anno zero. Pugnali di questo tipo sono rari. Finora se ne conoscono solo quattro esemplari, di cui uno proveniente dall’accampamento romano di Vindonissa, nel Cantone di Argovia. Il pugnale si trovava nel suolo senza guaina e probabilmente è stato deposto intenzionalmente”. Nell’ambito del progetto archeologico è stato possibile coinvolgere quali partner la cattedra di studi su Vindonissa dell’Università di Basilea, il Gruppo di lavoro prospezione Svizzera, l’Ufficio federale della cultura nonché altre istituzioni.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
© Copyright 2013 StileArte, Tutti i diritti riservati. | Powered by Popolis

Privacy Policy Cookie Policy / Aggiorna le impostazioni di tracciamento della pubblicità