Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Puliscono la statua di Cellini e trovano gli occhi d’argento di Cosimo I. Cosa significa quello sguardo

Condividi:
  • 1.5K
  •  
  •  
  •  
  •  
  •  
  •   
restauro busto Cosimo I occhi d'argento
Il busto di Cosimo I, dopo il restauro, nella fotografia del Museo del Bargello di Firenze

Sono riemersi, durante il restauro, la sclera candida e gli iridi color ghiaccio di Cosimo I de’ Medici, busto monumentale in bronzo, che venne realizzato da Benvenuto Cellini tra il 1545 e il 1548, conservato al museo del Bargello, a Firenze. Fino ad oggi gli occhi erano coperti da una patina scura, probabilmente stesa durante restauri ottocenteschi, con il fine di uniformare il bronzo e renderlo più severo. Il busto assume ora una potenza sorprendente. “L’argento – spiega il critico Bernardelli Curuz – ha il potere di accendere quello sguardo, anche nell’oscurità più profonda. Cellini moltiplicò, attraverso l’uso di una lamina d’argento, il processo di divinizzazione del Duca di Toscana, richiamandosi a procedure analoghe compiute nelle statuaria antica. Dobbiamo sempre pensare quanto fosse sorprendente, nel passato, vedere due occhi accendersi, in una statua, grazie a un riflesso. La posizione del volto di Cosimo e la semi-sfericità degli occhi favoriscono, durante le ore diurne, il processo di riflessione della luce del cielo, fino a trasformare lo sguardo in un monito abbacinante. Durante le ore notturne, gli stessi occhi dardeggiano quando riflettono la fiamma di una torcia o di un candeliere. Cellini sottolineò, evidentemente questo aspetto fatale: il duca doveva essere considerato intermediario tra gli uomini e le potenze celesti, tra la storia minuta della gente e la Storia della nazione. Il suo sguardo è determinato, ma al tempo stesso rapito dall’Altrove, da grandi imprese, da incomparabili progetti che dovevano apparire come ispirati da Dio”.

“Lo sguardo di luce di Cosimo – prosegue il critico d’arte – si collega anche alla raffigurazione di Medusa (colei che “protegge”, in greco) che l’uomo reca sul pettorale. Secondo il mito, le Gorgoni – alle quali Medusa appartiene – avevano, infatti, il potere di pietrificare chiunque avesse incrociato il loro sguardo. Quindi Cosimo assume da quella figura, che egli domina come Perseo, la potenza dello sguardo che è in grado di annichilire il nemico. Cosimo non guarda verso il basso per pura clemenza”.

blank
Il busto di Cosimo I e la restauratrice Ludovica Nicolai (Foto Museo del Bargello)

Il fortunato recupero è stato possibile grazie al restauro iniziato ad aprile 2021, in vista del prestito della scultura al Metropolitan Museum di New York per la mostra The Medici: Portraits and Politics, 1512-1570 (26 giugno – 11 ottobre 2021). Affidato alla restauratrice Ludovica Nicolai, l’intervento prevedeva inizialmente la sola rimozione di alcuni prodotti di corrosione della lega formatisi all’interno del busto. Nell’occasione, stimolata da un’ipotesi che era stata lanciata dalla critica, la restauratrice – di concerto con la dottoressa Ilaria Ciseri, curatore delle collezioni del Museo Nazionale del Bargello, che ha seguito il restauro – ha pensato di procedere ad un piccolo saggio sulla superficie degli occhi, per verificare se fosse stata realizzata in argento.
“Il tentativo ha dato subito un risultato emozionante – racconta Ilaria Ciseri – celato sotto uno strato scuro e compatto è infatti emerso il chiarore di un metallo di colore diverso dal bronzo e in breve la restauratrice ha potuto accertare che il metallo era proprio argento. Benvenuto Cellini aveva dunque adottato una tecnica usata fin dall’antichità per impreziosire i volti delle sculture, inserendo lamine d’argento all’interno degli occhi”.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!