Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Quali pennelli sceglievano i grandi artisti e come li impugnavano? Perché?

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:



velazquez autoritratto meninas
L’autoritratto di Velzquez nel quadro Las Meninas (Le damigelle d’onore) , 1656, olio su tela 318 × 276 centimetri

La visione raffinata di Velazquez, nel celeberrimo quadro de Las Meninas, oltre a fornire indicazioni sull’orgoglio del pittore e sulla sua posizione di rilievo occupata all’interno della corte, comunica informazioni tecniche di un certo interesse legate alla forma dei pennelli usati normalmente per i dipinti. Osserviamo subito come egli impugna il pennello, al di sopra della metà. I pittori lavorano quasi sempre mantenendo una notevole distanza dalla punta, avvicinandosi o allontanandosi minimamente da quello che ritengono il punto più commisurato a un equilibrio del pennello stesso tra le mani. Altro particolare da osservare è la forma del pennello tenuto tra le dita e di quelli trattenuti, con la tavolozza, con la mano sinistra. Il pennello impugnato è a punta ed è utilizzato esclusivamente per le finiture più sottili; mentre gli altri sono tutti piatti. Segno che la maggior parte del lavoro non fu mai svolto dall’artista con pennelli dalla punta arrotondata, ma con setole montate come minuscoli parallelepipedi. Il pennello piatto dà infatti maggiori rispondenza al movimento della mano dell’artista, mentre le setole affusolate si flettono maggiormente. Il dominio del mezzo espressivo è pertanto garantito da pennelli piatti, mentre le finiture sono assegnate a poche setole.
Soltanto i miniaturisti possono tendere a utilizzare il pennello come fosse un lapis o una punta d’argento e questo perchè il loro lavoro è tipologicamente più vicino al disegno che alla pittura. Negli altri casi, la distanza è garanzia i una pennellata più sciolta e rapida. Il movimento del polso contribuisce infatti a modulare in modo non lineare, tratti e luce. La scioltezza della pennellata tende immediatamente a comunicare allo spettatore l’abilità dell’artista che non si àncora a un apparato disegnativo vincolante.
Inganni, “Amanzia Guerrillot nello studio”, 1855 circa, olio su tela
Inganni, “Amanzia Guerrillot nello studio”, 1855 circa, olio su tela

pennelli monet
 
Nell’immagine qui sopra, tratta da un filmato realizzato nel 1915, nel giardino di Giverny, possiamo notare quale fosse la dotazione tecnica di Monet, sotto il profilo dei pennelli. Sono quasi tutti piatti, escluso quello triangolare che probabilmente è stato ritagliato dallo stesso maestro ottenere una punta di rifinitura non troppo delicata, come avviene, invece, per i pennelli a base circolare. Gli altri sono tutti piatti. Per evitare pennellate troppo precise che diminuirebbero la freschezza del dipinto e ne ridurrebbero le vibrazioni, Monet porta l’impugnatura al punto estremo, ponendo tra sè e la punta la massima distanza e appoggiando l’altra estremità del pennello alla piega che si crea tra indice e pollice della mano destra.
pennelli monet 2
Anche per un artista che opera sul disegno,come momento iniziale dell’opera -è il caso di Guttuso – l’impugnatura non supera mai la metà del pennello stesso, quando saremmo orientati a pensare che, per tracciare un disegno, sia naturale avvicinarsi maggiormente alle setole. Come possiamo osservare, la distanza gli permette l’oscillazione del polso, con la possibilità di ottenere linee molto mosse, che imitano meglio l’irregolarità della natura
blank
blank


 

Come scegliere i pennelli. Olio, acquerello, acrilici, tempera

[“P]er dipingere una parete grande ci vuole un pennello grande”, recitava una ormai storica pubblicità degli anni ’80. Certamente non si può ricondurre ad una definizione così semplicistica la scelta del pennello adatto. Ogni tecnica pittorica necessita, di fatto, di un tipo di pennello diverso, che si differenzia per il tipo di pelo utilizzato e per la rigidità delle setole – in grado di apportare, nel primo caso un tratto più dolce e ampio, mentre nel secondo linee più definite e contorni marcati -. Fondamentali anche la scelta della lunghezza, della forma, del materiale di cui è composto il manico Ma andiamo ad individuare quale pennello è adatto per ciascuna tecnica.
Quali pennelli scegliere? Sintetico o pelo animale? I processi sempre più sofisticati di realizzazione del pelo in fibra sintetica hanno reso praticamente equivalente a livello di resa, il prodotto artificiale, rispetto al pennello in pelo animale
Può interessarti anche questo link:
> Colori ad olio – Quali scegliere? Le risposte nell’articolo. Com’erano i colori antichi
Qui di seguito vi consigliamo i prodotti ideali, testati dalla redazione e facilmente acquistabili su Amazon. Clicca i link e i riquadri dedicati per entrare nelle specifiche del prodotto.
> Pittura ad olio: ideali per questa tecnica sono i pennelli in maiale, pennelli in bue, martora, setola bianca, sintetico (clicca su uno dei  link color ambra e verrai indirizzato all’elenco dei prodotti consigliati da Stile arte in collaborazione con Amazon)
 blank
Il prodotto consigliato: Set Filbert di pennelli in martora per artisti professionisti. Le setole in peli misti di martora e donnola garantiscono un flusso di vernice uniforme e costante. I pennelli a punta Filbert permettono all’artista di produrre una varietà di pennellate dalla linea sottile a quella ampia, in base all’angolo e alla pressione applicata. Le setole non perdono peli, essendo tenute saldamente con ghiere forti, il che le rende estremamente resistenti ma anche facili da pulire.
Il set completo di pennelli include 6 misure: 2, 4, 6, 8, 10 e 12. Con i loro lunghi manici ergonomici, i pennelli misurano da 26,7 cm fino a 30,5 cm di lunghezza. Le setole mantengono la loro forma e scivolano facilmente sulla tela o su qualsiasi supporto, rendendo la pittura facile per gli artisti e favorendone l’espressione creativa.
> Pittura ad acrilico: ideali per questa tecnica sono i pennelli in maiale, pennelli in bue, martora, setola bianca, sintetico (clicca su uno dei  link color ambra e verrai indirizzato all’elenco dei prodotti consigliati da Stile arte in collaborazione con Amazon)
blankIl prodotto consigliato:  Set di pennelli da pittura, 15 pennelli in setola sintetica pittura a olio e acrilico Cool Blue > Acquistalo qui
 
 
Pittura ad acquerello: ideali per questa tecnica sono i pennelli in maiale, pennelli in bue, martora,  sintetico (clicca su uno dei  link color ambra e verrai indirizzato all’elenco dei prodotti consigliati da Stile arte in collaborazione con Amazon)
blank
Il prodotto consigliato: Set di pennelli dettaglio: 10 diversi pennelli in taglia 5 / 0, 3 / 0, 2 / 0, 0, 1, 2, 3, 4, 6, 8 > Acquistalo qui
 
blank
Il prodotto consigliato: 
Set completo di pennelli manico corto per professionisti in pelo di bue piatti. Misure: 00, 0, 2, 4, 6, 8, 10, 12, 14, 16. L’offerta comprende un pratico  portapennelli in plastica > Acquistalo qui

Pittura a tempera: ideali per questa tecnica sono i pennelli in maiale, pennelli in bue, martora,  sintetico (clicca su uno dei  link color ambra e verrai indirizzato all’elenco dei prodotti consigliati da Stile arte in collaborazione con Amazon)
Calligrafia, scrittura e grafica: ideali per questa tecnica sono i martora (clicca su uno dei  link color ambra e verrai indirizzato all’elenco dei prodotti consigliati da Stile arte in collaborazione con Amazon)
Può interessarti anche questo link:
> Colori ad olio – Quali scegliere? Le risposte nell’articolo. Com’erano i colori antichi
 

blank

Ecco l’elenco e le caratteristiche generali dei principali tipi di pelo in commercio

Martora Kolinsky – Sono i pennelli prediletti per la tecnica ad acquerello in quanto dotati di grande elasticità. La morbidezza della setola – ricavata dai peli della coda di Mustela sibirica, la pregiata donnola siberiana – consente un tratto pulito e delicato. Un pennello caratterizzato dalla punta lunga e appuntita, ideale per un lavoro preciso e  di alta qualità pittorica. IL colore, infatti, grazie alle caratteristiche specifiche del particolare pelo dell’animale siberiano, viene assorbito poi essere rilasciato grafualmente e con grande fluidità. Guarda qui i prodotti consigliati da Stile Arte
Martora  – Qualitativamente un gradino sotto il Kolinsky, il Martora rossa risulta essere comunque una buona alternativa a buon mercato; un prodotto ideale sia per l’acquerello che per la tempera, per l’acrilico e per rifinire i dettagli nelle produzioni ad olio. Guarda qui i prodotti consigliati da Stile Arte
Pelo di Bue – Prediletto dai grandi maestri del passato per la resistenza, elasticità e per la duttilità, il Pelo di bue , dal caratteristico colore scuro, è utilizzato difatti per praticamente tutte le tecniche pittoriche. Anche il prezzo fortemente competitivo rispetto a tutti gli altri materiali ne fa il miglior amico del pittore.  Guarda qui i prodotti consigliati da Stile Arte
Filamento Sintetico – Le tecniche di laboratorio all’avanguardia hanno reso i pennelli sintetici in fibre di poliestere molto simili al pelo di martora -, avvantaggiandosi di un prezzo molto più competitivo. Utilizzato soprattutto con i colori ad olio e acrilici, si caratterizza per la forma affusolata e per la resistenza all’usura. Prediletto inoltre dagli animalisti, è il pennello ecofriendly.  Guarda qui i prodotti consigliati da Stile Arte
Set pennelli, ecco i più venduti, ecco le offerte migliori:
[amazon_link asins=’B0197PWJR0,B01KRUHKZ0,B01N9A5N26,B00DW7Q426′ template=’ProductCarousel’ store=’stilearte-21′ marketplace=’IT’ link_id=’21f29bba-3d91-11e8-945c-6f36acb66937′]

GRATIS I RISULTATI D’ASTA, LE QUOTAZIONI, LE STIME DI BASE, I RECORD DELLE OPERE SEMPRE AGGIORNATI DI CON FOTOGRAFIE E SCHEDE.DUE LE FONTI DI RILEVAMENTO. PER AVERE UN QUADRO COMPLETO CLICCATE UN LINK, POI L’ALTRO.


Può interessarti anche questo link:
> Colori ad olio – Quali scegliere? Le risposte nell’articolo. Com’erano i colori antichi

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!