Home / Arte Eros / Quei quadri pornografici. Ecco le posizioni preferite a Pompei
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Quei quadri pornografici. Ecco le posizioni preferite a Pompei

postriboli 1

 

Se nella Villa dei Misteri la sessualità finalizzata al matrimonio era una citazione rituale, nel lupanare di Pompei i dipinti parietali si configurano come una sorta di enciclopedia delle posture amorose. Certo non è possibile pensare a immagini raffinate come a quelle del Kamasutra, che dischiude anche le più poetiche – e improbabili – danze d’amore. Ma le varianti dell’atto sono qui censite secondo quella che, in una catalogazione quantitativamente più limitata rispetto ai barocchismi orientali, era la prassi in uso.La funzione esercitata dai dipinti era legata all’eccitazione maschile che, com’è ben noto, è inizialmente visiva.

Postriboli 2

Le opere nelle quali appaiono le congiunzioni umane – con predominanza della cosiddetta postura del guerriero, con l’uomo supino e la donna che incombe su di lui (nella foto) completata da altri dipinti pompeiani che delineano la postura more ferarum – si rivelano peraltro come precipue opere di pornografia, finalizzate alla preparazione del rapporto sessuale.

Il lupanare di Pompei è un edificio di modeste dimensioni, strutturato con ingressi indipendenti. Si è ipotizzato che al piano terreno avessero accesso i clienti delle classi più modeste – che consumavano il rapporto sessuale su letti in muratura – e al piano superiore s’aprissero invece le stanze da letto della clientela di riguardo. Più ampie e ariose. Non è invece escluso che il primo livello del lupanare fungesse da luogo di esposizione della “merce” e che la tenutaria della casa accompagnasse i clienti stanza per stanza, dove, sui letti erano sdraiate le giovani prostitute.  I dipinti sovrastanti consentivano di immaginare ciò che di lì a poco sarebbe avvenuto con la donna. Al Museo Archeologico di Napoli è conservato uno stupendo strappo di pittura erotica nel quale in ginocchio un giovane prende more ferarum una magnifica bruna (qui sotto), nuda nella parte inferiore del corpo: qualcuno aggiunse al dipinto lente impelle, spingi lentamente – risultava essere un’esortazione e una regola da imporre ai focosi frequentatori dei postriboli.

LENTE IMPELLE

Passando in rassegna le figure erotiche pompeiane, è possibile stilare la linea preferenziale degli antenati. Prevalgono scene con la donna in posizione dominante, seguite dalla raffigurazione di rapporti sessuali a tergo, mentre meno diffuse sono le immagini  della cosiddetta” postura del missionario”, quella che nell’Italia dell’Ottocento e del Novecento risultava la posizione maggiormente praticata. A Pompei sorgevano venticinque lupanari, un numero elevato, se si considera che la popolazione complessiva era di ottomila-diecimila abitanti. Pompei era comunque una zona di forte afflusso commerciale e mercantile, anche grazie agli approdi navali. Il sostantivo lupanare, com’è noto, deriva da lupa che, in latino, significava prostituta.

lupanare III

lupanare IIII

Per Messalina, la moglie dell’imperatore Claudio – si erano sposati quando lei aveva 14 anni e lui una cinquantina – la frequentazione del postribolo di Roma, nei pressi del Circo Massimo, come prostituta, era una deviazione della sessualità, un’ipertrofia del desiderio erotico. Si presentava completamente depilata, con i capezzoli cosparsi d’oro, il bistro agli occhi e le labbra intensamente colorate dal rossetto. In un postribolo aveva la propria cella, dove i concedeva, a pagamento, senza rivelare la propria identità e si presentava con il nome di Lysisca. La deviazione sessuale della giovane imperatrice era comunque nota a Roma. Tornava verso il mattino «esausta per gli amplessi, ma mai soddisfatta, rincasava: con le guance orribilmente annerite e deturpata dalla fuliggine delle lampade, portava la puzza di bordello nel letto dell’imperatore». La ninfomania di Messalina fu tollerata dall’imperatore Claudio fino al momento in cui la donna, innamoratasi, si sposò con il proprio amante. A quel punto Claudio ne ordinò la morte. Anche la linea ereditaria fu mutata. Britannico, figlio di Messalina e Claudio non diventò imperatore e il suo posto fu assunto da Nerone, figliastro di Claudio, che aveva sposato Agrippina.

Messalina e il figlio Britannicio

Messalina e il figlio Britannico

LE ISCRIZIONI SUI MURI DEI BORDELLI DI POMPEI

Hic ego puellas multas futui. «Qui ho fottuto molte fanciulle»
Hic ego, cum veni, futui, deinde redei domum. «Qui io, dopo il mio arrivo, ho fottuto; dopo me ne sono ritornato a casa»
Fututa sum hic. «Qui sono stata fottuta»
Myrtis, bene felas. «Myrtis, tu succhi bene»
Hinc ego nun futui formosam puellam laudatam a multis, sed lutus intus erat. «Qui ho appena fottuto una formosa fanciulla lodata da molti, ma dentro era fangosa»
(CIL, IV 2175; 2246; 2217; 2273; 1516)

Valutazione gratuita quadri e oggetti - Come vendere e guadagnare da casa - Fare gli artisti e guadagnare

1- VALORE QUADRI E D'OGNI OGGETTO - Qui gratis valutazioni e stime, quotazioni, coefficienti INIZIA LA STIMA GRATUITA
Servono un paio di foto - fatte anche con il telefonino - del quadro o dell'oggetto da collezionismo o vintage da valutare gratuitamente, perché in questo modo ci sarà possibile fornire una stima reale dell'opera o dell'oggetto, in quanto le quotazioni differiscono nell'ambito della produzione dello stesso autore o manifattura e la valutazione è sempre commisurata alla qualità dell'opera od oggetto e a tutti i precedenti d'asta, su opere delle stesse dimensioni, se esistono. I borsini o preziari mostrano infatti grandi limiti nell'arte e nel collezionismo. Se infatti funzionano discretamente per le automobili - che sono infinite repliche - non possono essere automaticamente applicati a un pezzo d'arte o di collezionismo. Le stime che ti offriamo gratuitamente -  in una sinergia Stile Arte-Catawiki - tengono conto dell'insieme di più fattori e possono riguardare quadri od oggetti di collezionismo di ogni provincia o di ogni area. Chi meno se ne intende - e facciamo l'esempio dell'arte - potrà sapere se quello che ha è una stampa o un'oleografia o un dipinto. Potrà conoscerne l'epoca, la qualità e ricevere una stima economica gratuita
 
 

cliccare sul bottone arancione, qui sotto, per inviare le foto

TUTTO AVVIENE ON LINE. SENZA DOVER PARLARE CON NESSUNO. CLICCARE SUL LINK GRATUITO ARANCIONE  QUI SOTTO, PER MANDARE FOTO E DESCRIZIONE OGGETTO PER LA STIMA GRATUITA E INFORMALE. PUOI COSI' CHIEDERE UN SEMPLICE PARERE sul valore di mercato dell'oggetto. E' dal 1995 che forniamo gratuitamente stime.
CLICCANDO TI SI APRIRA' UNA SCHEDA in cui dovrai mettere foto - è semplice come caricare un'immagine su Facebook - e indicare le dimensioni dell'oggetto

 

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Serial killer & artisti, l’analisi del criminologo

Cos’è e quale funzione aveva il “bastone dei pittori”?

580 Condivisioni
Condividi580
Tweet
+1
Condividi
WhatsApp