Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

Raddoppio, all’asta, per la moneta d’oro trovata in un campo con metal detector. Venduta a 773mila euro

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

Raddoppio, all’asta – in queste ore – per la moneta d’oro trovata da un appassionato di ricerche di superficie, con metal detector, in un campo. Il denaro ricavato dalla vendita prodigiosa, sarà diviso tra il cercatore e il proprietario del campo, come prevede la legge britannica. Quindi tutto regolare. In Italia – lo diciamo per evitare fraintendimenti tra i nostri lettori – queste attività sono fortemente osteggiate, se non facilmente perseguite, in un quadro giuridico piuttosto caotico, come avviene spesso nel nostro Paese.

Il rarissimo penny d’oro del XIII secolo – valore nominale originario: 20 pence – coniato dal re Enrico III fu trovato dal cercatore inglese lo scorso settembre da un metal detector. Il pezzo è stato aggiudicato a 648.000 sterline (773.844,84 euro), a fronte di una stima d’asta piuttosto contenuta per la rarità del pezzo: £ 400.000.
blank
La moneta è stata trovata in un campo del meraviglioso villaggio rurale di Hemyock nel Devon – al Sud dell’Inghilterra – da Michael Leigh-Mallory (nella foto qui sopra), un appassionato di metal detector che era appena tornato all’hobby dopo essersi fermato per alcuni anni quando sono nati i suoi figli. Naturalista, ecologista, amante del buon tè – oltre che, naturalmente, di ricerche archeo di superficie, là consentite e quasi incentivate dallo Stato – Michael è un responsabile della Pesca sportiva. L’uomo aveva ridotto la ricerca di superficie quando erano nati i figli. Da quando sono cresciuti ha ripreso le indagini con il rilevatore. Tutto si è svolto con regolarità, nei termini previsti dalla legge.

Con l’autorizzazione delle autorità preposte, questa moneta – fatta coniare, attorno al 1257, da Guglielmo di Gloucester per re Enrico III, utilizzando, come hanno dimostrato le indagini di queste settimane, oro importato dall’Africa – è stata messa all’asta dalla casa Spink.
blank
La rarità del penny d’oro di Enrico III dipende dal fatto che il valore nominale della moneta stessa era inferiore a quello dell’oro dalla quale era costituita. Pertanto chi intercettava questi penny preferiva fonderli e vendere il metallo come materia prima preziosa perchè avrebbe conseguito un guadagno maggiore. Dopo la morte di Enrico, le monete vennero ritirate dallo stato, l’oro fu fuso e i nuovi penny furono coniati con una quantità singola doro inferiore.

blank

I pochi esemplari sopravvissuti – 8, quelli conosciuti – sono conservati in importanti collezioni private o al British Museum di Londra e al Fitzwilliam Museum di Cambridge.

Enrico III fu re d’Inghilterra dal 1216 fino alla sua morte nel 1272. Negli anni 1240 e ’50 chiese che tutti i pagamenti fossero effettuati in oro per accumulare tesori per importanti progetti all’estero. Era la prima volta che l’economia non faceva affidamento sulle monete d’argento dai secoli precedenti. Ma fu compiuto l’errore evidente, nel rapporto tra valore nominale della moneta e valore dell’oro, contrario a quanto avviene solitamente.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!