Home / Pittura contemporanea / Rapaccini, le icone danzanti
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte, clicca qui sotto "Mi piace".

Rapaccini, le icone danzanti



donnamalinconicapienadiorpelli_1“L’arte è dappertutto intorno a noi. Tu non dici che questo. Parti da pezzi di legno, da frammenti di rame, di tessuto, di sogni d’infanzia, da tutto ciò che trovi. I tuoi personaggi hanno la testa piccola e il corpo grande. Soprattutto le braccia sono strane. Si direbbero alghe sottomarine. Spesso ci sono dei pesci. Il tuo mondo vive sul fondo di un mare senz’acqua. Ma c’è un’altra cosa. Tu conosci Milton Glaser, il grande artista americano. Colleziona icone russe. Sono dipinte bene come i Memling che si possono vedere a Bruges, lungo il canale. E io guardo le tue immagini e mi chiedo se non sei tu la persona che ha inventato le icone arrivate dall’Italia. Ma al contrario delle icone russe i tuoi personaggi danzano, svolazzano portati da un vento arrivato da chissà dove. A volte i capelli vanno tutti da una parte e anche tutti dall’altra, nella stessa immagine. Le tue icone sono sogni di bambini che si abbandonano al piacere di essere create. Proprio come accade ai bambini, tutto ciò che trovi diventa una partenza”. A scrivere questo di Chiara Rapaccini, in arte Rap, non un critico qualsiasi. A scrivere questo di Rap è stato nientemeno che il compianto Jean-Michel Folon. E scusate se è poco. La testimonianza è riportata nell’accattivante catalogo (Nuages editore) che ha accompagnato la mostra dell’artista toscana nella sua città d’adozione, Roma, alla galleria Spazio Sette. “Disegnare è una cosa naturale per me – confessa Rap -, posso farlo ovunque, in mezzo alla gente, nella confusione. Prima sporco il foglio o la tela con una pennellata, poi mi butto, è come nuotare per uno che si sente pesce… Via via che maturo, semplifico sempre di più sia le forme che i colori. Ormai uso solo i primari e il mio segno si è fatto spudorato, nitido e angoloso. Finalmente non voglio più piacere a nessuno”. In Chiara Rapaccini, l’amore per il disegno e la pittura è andato sin dagli esordi di pari passo con quello per l’incisione. “Ho cominciato a incidere da ragazza, a sedici anni, nello studio di Enzo Faraoni, un bravo pittore post-macchiaiolo, che aveva uno studio in piazza Donatello, a Firenze – ricorda l’artista -. Andavo da lui per posare, tra grappoli di aglio e rami di pesco. Facevo parte delle sue nature morte, guadagnandomi così qualche lira. Faraoni mi ha iniziato all’incisione, un pomeriggio di autunno. Mi ha dato un bulino e una tavoletta di rame coperta di cera. Vai, Chiara, mi ha detto, graffia. Grattare una superficie è più facile che disegnare o dipingere. E’ un gesto istintivo e ancestrale”. Finché, un giorno, dipingere, disegnare, incidere non sono più bastati all’intraprendente e curiosissima Rap, che sentiva di dover sondare le possibilità espressive della terza dimensione. “Fogli, tele, cartoni mi sembravano troppo piatti, orizzonti desertici per me che avevo bisogno di sky line increspati come quelli del Bund di Shangai, la riva sinistra del fiume che attraversa la città, di fronte al quale impallidisce anche quello di New York”. Le silhouette in legno dipinto, montate su basi di legno vecchio recuperato – esposte alla mostra romana -, nascono da qui, “da questo bisogno impellente di ‘costruire’, di dare corpo alle mie figure… Alcune sono enormi, altre piccolissime. Un compromesso tra la bidimensione del disegno e la tridimensione dell’opera che sarebbe venuta dopo. Avevo scoperto la materia, un universo immenso e inesplorato… Ho cominciato con il legno e ho proseguito poi con il rame, il ferro, le stoffe tessute a telaio; ho fatto vele, pesci, canne da pesca, piccoli soli dondolanti come i Mobile di Calder”. Sono state proprio tali creazioni, tali mirabili, surreali icone fluttuanti, a fare innamorare Folon. E tuttavia Chiara Rapaccini – inutile dirlo – non s’accontenta, né rinuncia a continuare a cercare, a percorrere, pervicacemente, le multiformi e variegate strade dell’espressione e della fantasia. (e. giu.)

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a redazione@stilearte.it inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!

Colori ad olio - Quali scegliere? Le risposte nell'articolo

COLORI A OLIO, ecco i più venduti. Approfitta dell'offerta Amazon (vedi i prodotti qui di seguito) attraverso la selezione effettuata dalla nostra redazione, che ha individuato i prodotti migliori ai prezzi più convenienti. Colori a olio: ecco le recensioni: MAIMERI: Olio puro. Una soluzione di alta qualità. Questo prodotto, infatti è definito puro in quanto il colore non è mescolato con altre sostanze. Si tratta di olio più pigmento e nulla più, se non un minimo apporto di additivi per migliorare la qualità del colore. Caratteristica principale, infatti, è l'attenzione e la fedeltà del colore. Un prodotto studiato per il risultato cromatico migliore possibile. Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Maimeri  

Maimeri 0398100 - Set Tubi Olio Classico,10 Colori Assortiti. Prezzo: 42 euro (più spese spedizione)

  FERRARIO: Van Dyck. Una gamma con uno dei migliori rapporti qualità/prezzo. Ideale per chi è alle prime armi ma, data la qualità del prodotto, molto utilizzata anche dagli esperti del settore. Purezza, intensità delle tinte e impasto untuoso sono  le caratteristiche principali.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Ferrario     OLD HOLLAND: un prodotto per puristi. Old Holland produce ancor oggi i suoi colori utilizzando le tecniche e le formule tradizionali. Uno dei marchi più ricercati dagli artisti fin dalla nascita della pittura ad olio. Il prezzo non è certamente adatto alle tasche di tutti ma si tratta pur  sempre della "Ferrari" dei colori ad olio.  Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Old Holland WILLIAMSBURG: una linea e un prodotto che si fregia di essere stato creato dagli artisti stessi, per la migliore resa possibile. Ogni tonalità risulterà diversa nell'impasto, che può essere più o meno granuloso o più o meno oleoso, in quanto appositamente studiata per la resa cromatica migliore Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori Williamsburg  WINSOR & NEWTON:  la giusta via di mezzo. Il prezzo è alla portata e la qualità offerta è sicuramente di medio/alto livello. E' la linea Winsor & Newton, utilizzata dalle accademia. Buona  qualità dei colori, ad un prezzo abbordabile Clicca qui per visualizzare e acquistare i colori WINSOR & NEWTON REGALA UN KIT DI PITTURA: abbiamo selezionato - nella griglia che proproniamo qui di seguito - i prodotti più interessanti in rapporto qualità/prezzo proposti dal web.
Clicca qui per valutazioni gratuite di opere d’arte, antiche e moderne

x

Ti potrebbe interessare

Sogni, desideri erotici e dolci malinconie nei giardini pittorici di Mike Worrall. Il video

Marica Fasoli, le avventure divine degli origami dipinti