Press "Enter" to skip to content
Se vuoi ricevere gratuitamente sulla tua bacheca gli articoli e i saggi di Stile Arte,
metti "Mi piace" sulla nostra pagina Facebook.

San Gimignano, recupero per lo splendido convento rinascimentale di San Domenico

Condividi:

Seguici su Facebook e metti Mi Piace alla pagina di Stile Arte:

“Abbiamo effettuato con la Soprintendenza un nuovo sopralluogo al San Domenico, in previsione della redazione del progetto definitivo da parte del concessionario Opera Laboratori. – dice Andrea Marrucci, sindaco di San Gimignano – Si lavora per far partire quanto prima i lavori di risanamento e recupero. I prossimi passaggi sono, infatti, la presentazione del progetto definitivo da parte del concessionario, l’indizione della conferenza dei servizi da parte del Comune di San Gimignano e, conclusa la conferenza e recepiti tutti i pareri degli enti partecipanti, l’approvazione del progetto stesso. Ringrazio il Soprintendente e tutti i funzionari della Sabap per l’attenzione che hanno dedicato e che dedicano a questo difficile percorso di recupero del San Domenico”
blank

blank

blank

blank

blank

blank
L’ex convento ed ex carcere di San Domenico è un complesso architettonico articolato, composto da un corpo principale, che costituiva anticamente il convento e poi l’istituto penitenziario, posto all’interno di una cinta muraria, ed una porzione esterna alle mura che ospitava gli alloggi di servizio, alla quale si aggiunge una vasta area di orti dell’ex convento adiacente ed esterna alle mura. Il San Domenico ha svolto funzioni di convento dalla sua prima edificazione, risalente al XIV secolo, fino al 1787, anno della soppressione del monastero, per poi essere destinato a carcere dal 1833 al 1995, data dalla quale è rimasto per lo più inutilizzato. La conformazione articolata del corpo principale del compendio è frutto di stratificazioni e ampliamenti successivi, succedutisi dalla metà del Trecento alla seconda metà del Novecento. Il corpo principale, si sviluppa intorno ad un chiostro quadrato, all’interno di una cinta muraria. Al di fuori di tale cinta, ma sempre facenti parte del complesso, vi sono due edifici già destinati ad alloggi ed una vasta area denominata “orto”. Il complesso è riconosciuto di interesse storico-artistico con D.M. 23 giugno 1982 e sottoposto alla disciplina di tutela e salvaguardia.

Come vendere e guadagnare da casa: quadri, preziosi e oggetti da collezione - Fare gli artisti e guadagnare

VUOI VENDERE OPERE DI GRANDE VALORE O COLLEZIONI INTERE? QUI consulenza alle operazioni di vendita. Contattaci e i nostri esperti ti guideranno con competenza. Invia le immagini e i dati in una mail a [email protected] inserendo nell'oggetto la dicitura "Vendita quadri". Ti ricontatteremo al più presto
blank
2 - GUADAGNARE DA CASA - Vendi da qui quadri e cose vecchie alle vere aste. Istruzioni-kit Come guadagnare senza uscire di casa e standosene comodi sul divano? E' facile. Magari hai già un quadro o un oggetto di collezionismo che vuoi vendere in modo sicuro, prendendo bene. Magari, invece, devi far mente locale per cercare in casa, in cantina, in soffitta. Chiedi ad amici e parenti gli oggetti che non servono più. Iscriviti subito gratuitamente alle aste Catawiki con i link sicuri che troverai qui sotto e parti per un'avventura tranquilla e redditizia. Non dovrai nemmeno uscire di casa per portare il pacco in posta o dallo spedizioniere, perché, a vendita avvenuta, passerà lo spedizioniere stesso a ritirare, da te, il pacco. Catawiki cerca oggetti speciali, quelli che ormai non si trovano più nei negozi o che sono "fuori di testa". Ma cerca anche quadri di valore, stampe e tanti oggetti di collezionismo. Proponi in vendita all'asta i tuoi oggetti con Catawiki: clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si aprirà una pagina come quella della fotografia qui sotto. Gratis blank   3 - FARE GLI ARTISTI E GUADAGNARE – Ecco come Qui le regole e gli indirizzi per gli artisti e i fotografi artisti che vogliono mantenersi, vivendo di pittura e arte, nell'era del web. PER INIZIARE A VENDERE la tua opera d'arte, CLICCA SUL LINK ARANCIONE, qui sotto. Non sono richieste cifre di adesione o iscrizione, né ora né in futuro. Servono solo le foto, che puoi scattare alla tua opera anche con il telefonino.  La tutela dell'utente è completa, sotto ogni profilo, con garanzia assoluta di gratuità, privacy e supervisione della correttezza di ogni operazione da parte un notaio, il Dott. J. Borren dello studio M.J. Meijer Notarissen N.V., Amsterdam. Anche la presenza notarile - pure essa completamente gratuita per l'utente - è una garanzia assoluta delle modalità operative e delle dichiarazioni di gratuità del servizio. > Vendi le tue opere d'arte con Catawiki: Clicca qui, su questa riga,  per iniziare le operazioni. Tutte gratuite. Ti si apre una pagina come quella della fotografia qui sotto blank Iscriversi a Catawiki è semplice, rapido e soprattutto sicuro. Abbiamo testato questa importante casa d'aste e possiamo dare il nostro personalissimo "pollice in su" in quanto a correttezza, professionalità e preparazione. Fare affari è ancora possibile anche nell'era della crisi!